Il futuro della calligrafia

Per fare due chiacchiere insieme su argomenti vari
Rispondi
Avatar utente
G P M P
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2156
Iscritto il: mercoledì 18 gennaio 2012, 16:06
Il mio inchiostro preferito: Pilot Namiki Blue
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 003
Arte Italiana FP.IT M: 003
Fp.it ℵ: 003
Fp.it 霊気: 003
Località: Pescara
Sesso:

Il futuro della calligrafia

Messaggio da G P M P » sabato 12 luglio 2014, 13:44

Quando la Scrittura suggerisce un modo diverso di intendere la scrittura.



Sbaglio o il robot usa una Safari modificata con pennino stub?
Giovanni Paolo (ma per tutti, GP) - il mio fotoblog

Avatar utente
courthand
Calligrafo
Calligrafo
Messaggi: 986
Iscritto il: venerdì 28 dicembre 2012, 17:37
La mia penna preferita: cannuccio e pennino
Il mio inchiostro preferito: Higgins Eternal Black
Misura preferita del pennino: Italico
Località: Prato

Il futuro della calligrafia

Messaggio da courthand » sabato 12 luglio 2014, 17:34

Mah......
Pensando ai principi dell' Arts and Crafts Movement, penso che il buon Morris ne sarebbe quantomeno indignato.
Bene qui latuit bene vixit

Resvis71
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2206
Iscritto il: venerdì 1 novembre 2013, 1:19
La mia penna preferita: Pelikan M200 Cognac
Il mio inchiostro preferito: i blu,marrone,rosso e seppia
Misura preferita del pennino: Italico
Fp.it ℵ: 071
Località: Varese

Il futuro della calligrafia

Messaggio da Resvis71 » sabato 12 luglio 2014, 18:34

Viene un po' da ridere :lol:
No? ;)
Il pennino mi sembra proprio un Lamy...
Massimiliano

Mats
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 34
Iscritto il: venerdì 11 luglio 2014, 3:02

Il futuro della calligrafia

Messaggio da Mats » lunedì 14 luglio 2014, 1:10

Io studio informatica, non a quei livelli, ma posso dedurre che ci sia un bel lavoro di programmazione dietro, è un'insieme di due passioni.
È però senza dubbio più piacevole scrivere a mano e anche vedere qualcuno scrivere a mano, piuttosto che un robot.
A scuola abbiamo un braccio robotico simile che disegna la Gioconda, con un pennarello però :)

Avatar utente
sim0161
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 249
Iscritto il: giovedì 26 giugno 2014, 11:14
La mia penna preferita: Dollar 717i
Il mio inchiostro preferito: Refill Cyan
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Vercelli // Pisa // Aulla Lunigiana
Contatta:

Il futuro della calligrafia

Messaggio da sim0161 » lunedì 14 luglio 2014, 7:21

Mats ha scritto:Io studio informatica, non a quei livelli, ma posso dedurre che ci sia un bel lavoro di programmazione dietro, è un'insieme di due passioni.
È però senza dubbio più piacevole scrivere a mano e anche vedere qualcuno scrivere a mano, piuttosto che un robot.
A scuola abbiamo un braccio robotico simile che disegna la Gioconda, con un pennarello però :)
qualcosa di simile ai vecchi plotter a "pennino"?

Avatar utente
sangrisano
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 137
Iscritto il: martedì 5 febbraio 2013, 8:59
La mia penna preferita: Sailor Profit 1911
Il mio inchiostro preferito: Diamine Teal, Waterman Purple
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Sumirago (Varese)

Il futuro della calligrafia

Messaggio da sangrisano » lunedì 14 luglio 2014, 7:25

Quando ho iniziato a lavorare nel mondo dell'informatica (più di 35 anni fa), avevo un programmino che disegnava su tabulato, e con stampante a banda (belt printer, cioè solo con i caratteri a-z, A-Z, 0-9 etc.), donnine parzialmente svestite... altro che plotter a pennino o stampanti laser...
Sono rimasto per qualche ora senza connessione Internet, e ho conosciuto delle persone stupende qui a casa.
Dicono di essere la mia famiglia.
Immagine

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8825
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Il futuro della calligrafia

Messaggio da Irishtales » lunedì 14 luglio 2014, 9:20

...certo che vedere la chela di un'aragosta meccanica che scrive con una Lamy con la flebo...fa un po' impressione... :|
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Avatar utente
G P M P
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2156
Iscritto il: mercoledì 18 gennaio 2012, 16:06
Il mio inchiostro preferito: Pilot Namiki Blue
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 003
Arte Italiana FP.IT M: 003
Fp.it ℵ: 003
Fp.it 霊気: 003
Località: Pescara
Sesso:

Il futuro della calligrafia

Messaggio da G P M P » lunedì 14 luglio 2014, 14:23

sangrisano ha scritto:Quando ho iniziato a lavorare nel mondo dell'informatica (più di 35 anni fa), avevo un programmino che disegnava su tabulato, e con stampante a banda (belt printer, cioè solo con i caratteri a-z, A-Z, 0-9 etc.), donnine parzialmente svestite... altro che plotter a pennino o stampanti laser...
Ero bambino, e ne ho visti anch'io :mrgreen:

Circa la chela di granchio: certo, fa impressione - ma credo che l' "impressione" sia voluta. Non è del tutto banale programmare un antropomorfo del genere a fare quello che fa, con quella pulizia (appoggio, movimenti, ripetibilità) - d'altronde l'amanuense che copiava testi 800 anni fa non era usato come un robot? E robota (il termine in cui robot trova la sua etimologia) significa "lavoro pesante" in ceco ...
A prescindere da ciò che fa, quell'installazione mi ha colpito: non riesco a spiegare il perché, ma mi ha impressionato.
Giovanni Paolo (ma per tutti, GP) - il mio fotoblog

Avatar utente
Ottorino
Tecnico - Moderatore
Tecnico - Moderatore
Messaggi: 7266
Iscritto il: lunedì 24 novembre 2008, 9:21
La mia penna preferita: Doric donatami da Fab66
Il mio inchiostro preferito: colorato brillante o neronero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 096
Fp.it ℵ: 022
Fp.it 霊気: 022
Località: Firenze
Sesso:

Il futuro della calligrafia

Messaggio da Ottorino » lunedì 14 luglio 2014, 17:36

Io lo so il perche'.
Mi impressiona l'aspetto da "cardano Guzzi" (segnala potenza con aspetto sgraziato) e il garbo del tocco da "ala di farfalla".

Sarebbe interessante vedere il risultato finale dal vivo.

Avvertiremmo la presenza dello scrittore tecnologico oppure lo scritto avrebbe l'aspetto del fatto a mano ??
C'è rimedio ? Perché preoccuparsi ? Non c'è rimedio ? Perché preoccuparsi ?

Avatar utente
courthand
Calligrafo
Calligrafo
Messaggi: 986
Iscritto il: venerdì 28 dicembre 2012, 17:37
La mia penna preferita: cannuccio e pennino
Il mio inchiostro preferito: Higgins Eternal Black
Misura preferita del pennino: Italico
Località: Prato

Il futuro della calligrafia

Messaggio da courthand » lunedì 14 luglio 2014, 18:10

Beh,se la macchina"ripete" il gesto dello scrittore dovrebbe risultare come scritta da"quella" mano... Cosa ne penserebbe Hebborn?
Bene qui latuit bene vixit

gbiotti
Levetta
Levetta
Messaggi: 527
Iscritto il: mercoledì 27 marzo 2013, 15:19
La mia penna preferita: Adesso, Aleph
Il mio inchiostro preferito: Adesso, Marlen Verde
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Arte Italiana FP.IT M: 036
Fp.it ℵ: 028
Località: Provincia di Pisa

Il futuro della calligrafia

Messaggio da gbiotti » lunedì 14 luglio 2014, 18:13

sangrisano ha scritto:Quando ho iniziato a lavorare nel mondo dell'informatica (più di 35 anni fa), avevo un programmino che disegnava su tabulato, e con stampante a banda (belt printer, cioè solo con i caratteri a-z, A-Z, 0-9 etc.), donnine parzialmente svestite... altro che plotter a pennino o stampanti laser...
Ai tempi della scuola ce l'avevamo anche noi sul DataGeneral Eclipse... si chiamava "Miss" :-)
Stampato a matrice su 24x11 il tabulato faceva bella mostra di se attaccato ad uno dei vetri della sala macchine :mrgreen:

Geraldo.

Resvis71
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2206
Iscritto il: venerdì 1 novembre 2013, 1:19
La mia penna preferita: Pelikan M200 Cognac
Il mio inchiostro preferito: i blu,marrone,rosso e seppia
Misura preferita del pennino: Italico
Fp.it ℵ: 071
Località: Varese

Il futuro della calligrafia

Messaggio da Resvis71 » lunedì 14 luglio 2014, 19:38

courthand ha scritto:Beh,se la macchina"ripete" il gesto dello scrittore dovrebbe risultare come scritta da"quella" mano... Cosa ne penserebbe Hebborn?
Hebborn falsificherebbe il falso :mrgreen:
Ma col cuore...
Massimiliano

Simone
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1362
Iscritto il: sabato 28 gennaio 2012, 13:46
La mia penna preferita: Pelikan M200 (per ora...;))
Il mio inchiostro preferito: J. Herbin Poussiere de Lune
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Bologna

Il futuro della calligrafia

Messaggio da Simone » venerdì 18 luglio 2014, 20:05

Dico una cavolata: il lavoro a mano presenterà sempre delle imperfezioni che una macchina non sa simulare, perché ognuno ha le sue peculiarità.

Mo' me picchiate! Mi direte: eh no, se padroneggi uno stile, non può sbagliare nulla! :evil: beh, per me no :lol:
Che tu sei qui,
che la vita esiste e l’identità,
Che il potente spettacolo continui,
e che tu puoi contribuire con un verso.

W.W.

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8825
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Il futuro della calligrafia

Messaggio da Irishtales » venerdì 18 luglio 2014, 21:37

Invece Simone sono d'accordo con te, senza dubbio. Una macchina è una macchina, che sia un braccio meccanico che scrive con una penna o una stampante, non ci vedo differenze nella sostanza, anche se l'aspetto tecnologico di questo robot ha per me un fascino particolare per altri motivi che nulla hanno a che fare con la calligrafia.
Lo stile perfettamente interpretato da un maestro calligrafo avrà sempre quell'impronta personale in grado di dare alla forma anche una vitalità, un respiro..un'anima! E poi c'è il fattore umano. Fra mille anni come oggi, avrà tutto un altro sapore per un essere umano ritrovare uno scritto perfettamente realizzato da un robot piuttosto che un manoscritto meticoloso e accurato realizzato da un suo simile...
E' lo stesso motivo per cui si dà più valore ad un quadro originale reso opaco dal tempo, piuttosto che ad una sua riproduzione in stampa, magari su tela o carta pregiata, elaborata al computer e migliorata sotto tutti gli aspetti cromatici e conservativi.
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Avatar utente
courthand
Calligrafo
Calligrafo
Messaggi: 986
Iscritto il: venerdì 28 dicembre 2012, 17:37
La mia penna preferita: cannuccio e pennino
Il mio inchiostro preferito: Higgins Eternal Black
Misura preferita del pennino: Italico
Località: Prato

Il futuro della calligrafia

Messaggio da courthand » sabato 19 luglio 2014, 9:30

Simone,hai ragione.
La calligrafia è una espressione talmente personale che,anche se tutti praticassero lo stesso stile,non ci sarebbe uno che scrive in maniera perfettamente uguale ad un altro. E proprio in questo sta il fascino della cosa,nel trasparire della personalità dell'autore dal segno grafico.Inoltre,come hai detto tu,in un manufatto un certo,anche se minimo,grado di irregolarità é fisiologico.
Parlando però del robot in questione,se ripete il gesto dell'amanuense,dovrebbe ripeterne anche particolarità ed imperfezioni...
Bene qui latuit bene vixit

Rispondi