Siamo alla scomparsa del punto interrogativo?

Per fare due chiacchiere insieme su argomenti vari
Avatar utente
Bons
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 293
Iscritto il: sabato 10 marzo 2018, 13:10
La mia penna preferita: Oggi, Pelikan M405 con...
Il mio inchiostro preferito: ... Pelikan Edelstein Sapphire
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Ho attraversato l'Alto Adige

Siamo alla scomparsa del punto interrogativo?

Messaggio da Bons » mercoledì 12 giugno 2019, 17:16

Il lato tragico dell'involuzione della lingua è l'abitudine all'autoassolversi con espressioni del tipo "E' l'evoluzione della lingua, bellezza!", dimenticando che per evoluzione si intende l'adattamento alle condizioni ambientali. L'evoluzione ha portato anche le mosche a nutrirsi di escrementi e i ratti a trovare il proprio habitat nelle fogne.

Purtroppo le lingue, e i linguaggi, vanno evolvendosi per adattarsi ad un ambiente sempre più rozzo.
Angelo


We are such stuff
As dreams are made on; and our little life
Is rounded with a sleep.

William Shakespeare, The Tempest

Avatar utente
AinNithael
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 864
Iscritto il: martedì 8 novembre 2016, 23:25
La mia penna preferita: Ehm... stanno diventando tante
Il mio inchiostro preferito: blu-nero oppure viola
Località: Torino

Siamo alla scomparsa del punto interrogativo?

Messaggio da AinNithael » mercoledì 12 giugno 2019, 17:35

Bons ha scritto:
mercoledì 12 giugno 2019, 17:16
Il lato tragico dell'involuzione della lingua è l'abitudine all'autoassolversi con espressioni del tipo "E' l'evoluzione della lingua, bellezza!", dimenticando che per evoluzione si intende l'adattamento alle condizioni ambientali. L'evoluzione ha portato anche le mosche a nutrirsi di escrementi e i ratti a trovare il proprio habitat nelle fogne.

Purtroppo le lingue, e i linguaggi, vanno evolvendosi per adattarsi ad un ambiente sempre più rozzo.
E anche se OT e ne chiedo scusa, a me pare sempre più feroce
Enrica
"Non essere mai codardo o crudele. Cerca di essere sempre gentile, ma non smettere mai di essere buono." Doctor Who

Avatar utente
Bons
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 293
Iscritto il: sabato 10 marzo 2018, 13:10
La mia penna preferita: Oggi, Pelikan M405 con...
Il mio inchiostro preferito: ... Pelikan Edelstein Sapphire
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Ho attraversato l'Alto Adige

Siamo alla scomparsa del punto interrogativo?

Messaggio da Bons » mercoledì 12 giugno 2019, 17:53

AinNithael ha scritto:
mercoledì 12 giugno 2019, 17:35
Bons ha scritto:
mercoledì 12 giugno 2019, 17:16
Il lato tragico dell'involuzione della lingua è l'abitudine all'autoassolversi con espressioni del tipo "E' l'evoluzione della lingua, bellezza!", dimenticando che per evoluzione si intende l'adattamento alle condizioni ambientali. L'evoluzione ha portato anche le mosche a nutrirsi di escrementi e i ratti a trovare il proprio habitat nelle fogne.

Purtroppo le lingue, e i linguaggi, vanno evolvendosi per adattarsi ad un ambiente sempre più rozzo.
E anche se OT e ne chiedo scusa, a me pare sempre più feroce
Purtroppo si, hai ragione, sempre più feroce.
Angelo


We are such stuff
As dreams are made on; and our little life
Is rounded with a sleep.

William Shakespeare, The Tempest

Avatar utente
Polemarco
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 473
Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2017, 13:37
Sesso:

Siamo alla scomparsa del punto interrogativo?

Messaggio da Polemarco » mercoledì 12 giugno 2019, 18:24

Ottorino ha scritto:
mercoledì 12 giugno 2019, 16:31
Forse era un errore di battitura ??

I coniugi dichiarano di non aver nulla a che pretendere l’uno dall’altra E VICEVERSA
In italiano ci sono delle parole che hanno soltanto il maschile (elefante, serpente) o soltanto il femminile (tigre, giraffa).
Coniuge (come testimone) è soltanto maschile quindi si dice "il" coniuge anche se si sta parlando della moglie, come si direbbe la tigre anche per il maschio o l'elefante per la femmina
Ne consegue che "uno dall'altro" va bene per i due coniugi; è un di più il "viceversa" perchè la frase esplicitata suonerebbe : "di non aver nulla a che pretendere l'uno dall'altro e l'altro dall'uno".
P.S.
Non parliamo poi di "suo" e "proprio"

Avatar utente
Ottorino
Tecnico - Moderatore
Tecnico - Moderatore
Messaggi: 7709
Iscritto il: lunedì 24 novembre 2008, 9:21
La mia penna preferita: Doric donatami da Fab66
Il mio inchiostro preferito: colorato brillante o neronero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 096
Fp.it ℵ: 022
Fp.it 霊気: 022
Località: Firenze
Sesso:

Siamo alla scomparsa del punto interrogativo?

Messaggio da Ottorino » mercoledì 12 giugno 2019, 19:19

E così ne ho imparata un'altra sull'italiano !
C'è rimedio ? Perché preoccuparsi ? Non c'è rimedio ? Perché preoccuparsi ?

Avatar utente
Gargaros
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 168
Iscritto il: giovedì 6 dicembre 2018, 3:54
La mia penna preferita: P.Plasir (dopo cambio pennino)
Il mio inchiostro preferito: Al gusto fragola!
Misura preferita del pennino: Extra Fine

Siamo alla scomparsa del punto interrogativo?

Messaggio da Gargaros » mercoledì 12 giugno 2019, 20:16

Bons ha scritto:
mercoledì 12 giugno 2019, 17:16
Il lato tragico dell'involuzione della lingua è l'abitudine all'autoassolversi con espressioni del tipo "E' l'evoluzione della lingua, bellezza!", dimenticando che per evoluzione si intende l'adattamento alle condizioni ambientali. L'evoluzione ha portato anche le mosche a nutrirsi di escrementi e i ratti a trovare il proprio habitat nelle fogne.

Purtroppo le lingue, e i linguaggi, vanno evolvendosi per adattarsi ad un ambiente sempre più rozzo.
Tutto vero. E' la cosa che ho accennato prima, di uno che ha difeso il "paventare" come sinonimo di "ipotizzare/ventilare/suggerire/prevedere/ecc." [link].

A me comunque pare che stia peggiorando davvero tutto, non solo la lingua. Ma io sono sempre stato pessimista, quindi potrebbe essere una percezione distorta...

Avatar utente
schnier
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 65
Iscritto il: domenica 17 marzo 2019, 3:28
Sesso:

Siamo alla scomparsa del punto interrogativo?

Messaggio da schnier » lunedì 24 giugno 2019, 17:29

Polemarco ha scritto:
mercoledì 12 giugno 2019, 18:24

In italiano ci sono delle parole che hanno soltanto il maschile (elefante, serpente) o soltanto il femminile (tigre, giraffa).
Coniuge (come testimone) è soltanto maschile quindi si dice "il" coniuge anche se si sta parlando della moglie, come si direbbe la tigre anche per il maschio o l'elefante per la femmina
Ne consegue che "uno dall'altro" va bene per i due coniugi; è un di più il "viceversa" perchè la frase esplicitata suonerebbe : "di non aver nulla a che pretendere l'uno dall'altro e l'altro dall'uno".
P.S.
Non parliamo poi di "suo" e "proprio"
Qualcuno lo spieghi anche agli emuli della Boldrini, che vorrebbero scrivere "la calciatora", "la presidenta" e "la sindaca". Però caro Polemarco "perché" si scrive con l'accento acuto e non con quello grave.

Avatar utente
alfredop
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2508
Iscritto il: martedì 30 dicembre 2008, 17:48
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 061
Fp.it Vera: 002
Località: Napoli
Sesso:

Siamo alla scomparsa del punto interrogativo?

Messaggio da alfredop » lunedì 24 giugno 2019, 18:06

schnier ha scritto:
lunedì 24 giugno 2019, 17:29
Polemarco ha scritto:
mercoledì 12 giugno 2019, 18:24

In italiano ci sono delle parole che hanno soltanto il maschile (elefante, serpente) o soltanto il femminile (tigre, giraffa).
Coniuge (come testimone) è soltanto maschile quindi si dice "il" coniuge anche se si sta parlando della moglie, come si direbbe la tigre anche per il maschio o l'elefante per la femmina
Ne consegue che "uno dall'altro" va bene per i due coniugi; è un di più il "viceversa" perchè la frase esplicitata suonerebbe : "di non aver nulla a che pretendere l'uno dall'altro e l'altro dall'uno".
P.S.
Non parliamo poi di "suo" e "proprio"
Qualcuno lo spieghi anche agli emuli della Boldrini, che vorrebbero scrivere "la calciatora", "la presidenta" e "la sindaca". Però caro Polemarco "perché" si scrive con l'accento acuto e non con quello grave.
Ma quelli non sono errori, sono piuttosto un tentativo di influenzare l'evoluzione della lingua introducendo dei nuovi concetti. Può piacere o non può piacere ma chi usa il termine deputata non lo fa per ignoranza.

Alfredo
“Andare all’inferno è facile . C’è una scala. Scendi il primo gradino. Poi scendi il secondo. Poi scivoli." (Leo Ortolani, Rat-Man n. 91)

Avatar utente
lucaparte
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 213
Iscritto il: lunedì 25 marzo 2019, 9:11
Sesso:

Siamo alla scomparsa del punto interrogativo?

Messaggio da lucaparte » lunedì 24 giugno 2019, 18:12

alfredop ha scritto:
lunedì 24 giugno 2019, 18:06
schnier ha scritto:
lunedì 24 giugno 2019, 17:29


Qualcuno lo spieghi anche agli emuli della Boldrini, che vorrebbero scrivere "la calciatora", "la presidenta" e "la sindaca". Però caro Polemarco "perché" si scrive con l'accento acuto e non con quello grave.
Ma quelli non sono errori, sono piuttosto un tentativo di influenzare l'evoluzione della lingua introducendo dei nuovi concetti. Può piacere o non può piacere ma chi usa il termine deputata non lo fa per ignoranza.

Alfredo
E avvocata, architetta ecc.: sono assolutamente d'accordo con Alfredo. Perdipiù l'intento di demaschilizzare la lingua è, per me, apprezzabile, proveniendo dalle donne, che ne hanno tutto il diritto, e lo esercitano. Noi dovremmo solo stare a vedere se ce la fanno. E stare zitti, o quantomeno non avversare questo tentativo. Poi anche la percezione cambia
Luca
Luca

Avatar utente
AinNithael
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 864
Iscritto il: martedì 8 novembre 2016, 23:25
La mia penna preferita: Ehm... stanno diventando tante
Il mio inchiostro preferito: blu-nero oppure viola
Località: Torino

Siamo alla scomparsa del punto interrogativo?

Messaggio da AinNithael » lunedì 24 giugno 2019, 20:14

lucaparte ha scritto:
lunedì 24 giugno 2019, 18:12
alfredop ha scritto:
lunedì 24 giugno 2019, 18:06


Ma quelli non sono errori, sono piuttosto un tentativo di influenzare l'evoluzione della lingua introducendo dei nuovi concetti. Può piacere o non può piacere ma chi usa il termine deputata non lo fa per ignoranza.

Alfredo
E avvocata, architetta ecc.: sono assolutamente d'accordo con Alfredo. Perdipiù l'intento di demaschilizzare la lingua è, per me, apprezzabile, proveniendo dalle donne, che ne hanno tutto il diritto, e lo esercitano. Noi dovremmo solo stare a vedere se ce la fanno. E stare zitti, o quantomeno non avversare questo tentativo. Poi anche la percezione cambia
Luca
Concordo. Trovo un po' sospetto che termini quali operaia, portinaia o cameriera non abbiano mai avuto avversari e siano entrati subito nel lessico e questi di professioni no :think:
Enrica
"Non essere mai codardo o crudele. Cerca di essere sempre gentile, ma non smettere mai di essere buono." Doctor Who

Avatar utente
Gargaros
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 168
Iscritto il: giovedì 6 dicembre 2018, 3:54
La mia penna preferita: P.Plasir (dopo cambio pennino)
Il mio inchiostro preferito: Al gusto fragola!
Misura preferita del pennino: Extra Fine

Siamo alla scomparsa del punto interrogativo?

Messaggio da Gargaros » lunedì 24 giugno 2019, 23:08

Avvocatessa esiste da tempo. Ma a quanto pare piace di più "avvocata" :roll:

Avatar utente
Giotto
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 376
Iscritto il: mercoledì 3 maggio 2017, 20:07
La mia penna preferita: Prima dovrei provarle... TUTTE
Il mio inchiostro preferito: I neri, i verdi, i marroni ...
Fp.it Vera: 103
Località: Provincia di Varese
Sesso:

Siamo alla scomparsa del punto interrogativo?

Messaggio da Giotto » martedì 25 giugno 2019, 0:47

Anche "calciatrice" mi pare sia già ben inserito nell'uso comune, no?

Ad ogni modo, nonostante abbia passato gli ultimi sessanta minuti circa a leggere testi circa la declinazione al femminile, gli interrogativi che mi ero posto non hanno ricevuto risposta: immagino sia più opportuno avere un confronto diretto con qualcuno (o qualcuna ;)).

Avatar utente
otosclerosi
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 21
Iscritto il: venerdì 9 settembre 2016, 9:31
Misura preferita del pennino: Fine
Contatta:

Siamo alla scomparsa del punto interrogativo?

Messaggio da otosclerosi » martedì 25 giugno 2019, 9:19

lucaparte ha scritto:
lunedì 24 giugno 2019, 18:12
alfredop ha scritto:
lunedì 24 giugno 2019, 18:06


Ma quelli non sono errori, sono piuttosto un tentativo di influenzare l'evoluzione della lingua introducendo dei nuovi concetti. Può piacere o non può piacere ma chi usa il termine deputata non lo fa per ignoranza.

Alfredo
E avvocata, architetta ecc.: sono assolutamente d'accordo con Alfredo. Perdipiù l'intento di demaschilizzare la lingua è, per me, apprezzabile, proveniendo dalle donne, che ne hanno tutto il diritto, e lo esercitano. Noi dovremmo solo stare a vedere se ce la fanno. E stare zitti, o quantomeno non avversare questo tentativo. Poi anche la percezione cambia
Luca
Concordo anche io.
Ben diversa invece è la mia opinione sull'uso egualitario dell'asterisco, che trovo una forzatura piuttosto brutta.
Ne capisco il senso e il tentativo di abbracciare il concetto di "rispettiamo tutti in qualunque modo", ma a parer mio è un po' esagerato.
A riguardo ho avuto anche uno scambio di mail con la Treccani.

Avatar utente
Polemarco
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 473
Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2017, 13:37
Sesso:

Siamo alla scomparsa del punto interrogativo?

Messaggio da Polemarco » martedì 25 giugno 2019, 10:39

schnier ha scritto:
lunedì 24 giugno 2019, 17:29
Polemarco ha scritto:
mercoledì 12 giugno 2019, 18:24

In italiano ci sono delle parole che hanno soltanto il maschile (elefante, serpente) o soltanto il femminile (tigre, giraffa).
Coniuge (come testimone) è soltanto maschile quindi si dice "il" coniuge anche se si sta parlando della moglie, come si direbbe la tigre anche per il maschio o l'elefante per la femmina
Ne consegue che "uno dall'altro" va bene per i due coniugi; è un di più il "viceversa" perchè la frase esplicitata suonerebbe : "di non aver nulla a che pretendere l'uno dall'altro e l'altro dall'uno".
P.S.
Non parliamo poi di "suo" e "proprio"
Qualcuno lo spieghi anche agli emuli della Boldrini, che vorrebbero scrivere "la calciatora", "la presidenta" e "la sindaca". Però caro Polemarco "perché" si scrive con l'accento acuto e non con quello grave.
In effetti è un errore che faccio spesso, anzi sempre,perché quando digito con la tastiera non pigio contemporaneamente il tasto del maiuscolo. Il problema è anche un altro. Secondo alcuni, la maggioranza degli italiani non è in grado di comprendere sino in fondo un articolo di giornale. E non parlo di un giornale che tratti di economia ma di quelli sportivi. Il fenomeno si chiama analfabetismo funzionale. È sufficiente una doppia negazione perché il senso vada perduto. E tutto questo è stato compreso. Considerate le trasmissioni televisive o le campagne elettorali o, ancora, le pubblicità. Il linguaggio e il tessuto narrativo sono ormai quelli delle soap opera. La semplicità facilita la comprensione del “disattento”, ma diventa un limite insuperabile per un’adeguata elaborazione concettuale sia per chi scrive o parla, sia per chi legge o ascolta.

Avatar utente
zoniale
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1442
Iscritto il: domenica 16 ottobre 2016, 13:48
La mia penna preferita: Tutte, troppe, anni '40 - '60
Il mio inchiostro preferito: avatar by Ooti
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Varese
Sesso:

Siamo alla scomparsa del punto interrogativo?

Messaggio da zoniale » martedì 25 giugno 2019, 13:46

otosclerosi ha scritto:
martedì 25 giugno 2019, 9:19
Ben diversa invece è la mia opinione sull'uso egualitario dell'asterisco, che trovo una forzatura piuttosto brutta.
Un segno grafico non pronunciabile non può far parte di una lingua. Al più di un linguaggio di programmazione.


Ma visto che abbondiamo di italianisti, ho un quesito.
Io seguo con piacere le gare di ciclismo, sia maschili che femminili. Ora c'è un termine utilizzatissimo nelle gare maschili per definire i ciclisti ed è: "corridore".
Secondo voi come si declina al femminile?
Michele

Rispondi