mi è scappato di mano l' ordine

Per fare due chiacchiere insieme su argomenti vari
Avatar utente
shinken
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 849
Iscritto il: sabato 26 marzo 2016, 20:42
La mia penna preferita: Sailor GT EF, PilotCustom 74SF
Il mio inchiostro preferito: Diamine Midnight, 朝顔
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Genova
Sesso:
Contatta:

mi è scappato di mano l' ordine

Messaggio da shinken » lunedì 13 maggio 2019, 13:48

HoodedNib ha scritto:
lunedì 13 maggio 2019, 13:28
hai idea di quanto potrebbe costare mettere quella roba (anche dopo aver tentato di separare delle componenti) in una qualsiasi macchina analitica. Il rischio di buttare colonne, rivelatori, collegamenti e via dicendo e' grosso, senza contare tutta la preparativa (e le relative spese) che ci vorrebbero. Cioe', si potrebbe fare, ma nessuno rischia uno strumento che tende a viaggiare per multipli di 100k euro.
Io pensavo ad un analisi di livello molto più rudimentale.
Intanto una rilevazione del colore, e quella non richiede un contatto diretto.

Quello che dici tu servirebbe per replicare l' inchiostro o a ricavarne una composizione precisa, ma a me utente servirebbe più un raffronto delle caratteristiche fisiche e il margine di errore accettabile sarebbe piuttosto grande, sempre meglio di quello che ora è una sensazione soggettiva, quindi anche dei test rudimentali potrebbero fornire valori interessanti.
Luigi, tabaccaio in Genova.
Quarantadue è la risposta!

Avatar utente
HoodedNib
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1382
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

mi è scappato di mano l' ordine

Messaggio da HoodedNib » lunedì 13 maggio 2019, 13:55

shinken ha scritto:
lunedì 13 maggio 2019, 13:48
HoodedNib ha scritto:
lunedì 13 maggio 2019, 13:28
hai idea di quanto potrebbe costare mettere quella roba (anche dopo aver tentato di separare delle componenti) in una qualsiasi macchina analitica. Il rischio di buttare colonne, rivelatori, collegamenti e via dicendo e' grosso, senza contare tutta la preparativa (e le relative spese) che ci vorrebbero. Cioe', si potrebbe fare, ma nessuno rischia uno strumento che tende a viaggiare per multipli di 100k euro.
Io pensavo ad un analisi di livello molto più rudimentale.
Intanto una rilevazione del colore, e quella non richiede un contatto diretto.

Quello che dici tu servirebbe per replicare l' inchiostro o a ricavarne una composizione precisa, ma a me utente servirebbe più un raffronto delle caratteristiche fisiche e il margine di errore accettabile sarebbe piuttosto grande, sempre meglio di quello che ora è una sensazione soggettiva, quindi anche dei test rudimentali potrebbero fornire valori interessanti.
Se parli di cromatografie su carta quelle si possono fare tranquillamente ma quello che ottieni e grossomodo dire quali "colori" ci sono dentro o quanta affinita' hanno alla carta (tipo pigmenti o bulletproof dovrebbero muoversi poco o nulla), non ti direbbero nient'altro. Ci si potrebbero fare misure di densita' e viscosita' volendo e quello potrebbe essere utile per legare certi comportamenti e sensazioni a dei numeri. Un'indagine chimica vera e propria risulta difficile come detto, potrebbe esserci di tutto.
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Rispondi