Aurora Optima Flex

Consigli, esperienze, raccomandazioni dagli utenti per gli utenti concernenti negozi e rivenditori.
Rispondi
Avatar utente
AinNithael
Levetta
Levetta
Messaggi: 685
Iscritto il: martedì 8 novembre 2016, 23:25
La mia penna preferita: Ehm... stanno diventando tante
Il mio inchiostro preferito: blu-nero oppure viola
Località: Torino

Aurora Optima Flex

Messaggio da AinNithael » lunedì 11 giugno 2018, 20:56

Chi l'ha la consiglierebbe a chi ama il pennino flessibile?
Enrica
"Non essere mai codardo o crudele. Cerca di essere sempre gentile, ma non smettere mai di essere buono." Doctor Who

Avatar utente
ricart
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 199
Iscritto il: venerdì 18 agosto 2017, 14:05
La mia penna preferita: PELIKAN 120
Il mio inchiostro preferito: ADESSO J.HERBIN BLEU-NUIT
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it Vera: 054
Località: PROVINCIA DI UDINE
Sesso:

Aurora Optima Flex

Messaggio da ricart » martedì 12 giugno 2018, 1:23

Salve, non ho la Optima ma la 88 ultima serie limitata,dovrebbero avere lo stesso pennino "flessibile". Il pennino flessibile attuale è il vecchio pennino con i rebbi lunghi della prima serie della 88 ritoccato sui fianchi per renderlo un po' più cedevole. Non raggiunge la flessibilità degli Omas di anni fa però qualche soddisfazione la dà.Uso la penna con inchiostri molto fluidi perchè altrimenti l'alimentatore non riesce a portare al pennino la giusta quantità di inchiostro,premendo molto si formano i binari.Rimane comunque un buon pennino anche nell'uso normale della penna.Poi è una questione di costo/beneficio nel senso se vale la pena acquistare una penna di un certo peso (euro) o,con pazienza,aspettare l'occasione giusta per avere una penna datata con un vero pennino flessibile spendendo meno.Io non ho adottato la seconda soluzione ma non mi sono pentito dell'acquisto fatto.

Siccome non ho ancora sonno allego una prova volante per farti vedere la differenza dei due pennini
DSCN2272.JPG
La prima è con la 88 caricata con Pelikan Edelstein Tanzanite e la seconda è con l'Omas Extra caricato con il Pelikan Edelstein Olivella.
Con il pennino Aurora non vado oltre perchè non so cosa può succedere dal punto di visto meccanico, con l'Omas, usando la stessa forza, sono più tranquillo. Se non usi l'inchiostro fluido il pennino Aurora forma i binari. Entrambi i pennini sono F.

Buonanotte a tutti

Avatar utente
AinNithael
Levetta
Levetta
Messaggi: 685
Iscritto il: martedì 8 novembre 2016, 23:25
La mia penna preferita: Ehm... stanno diventando tante
Il mio inchiostro preferito: blu-nero oppure viola
Località: Torino

Aurora Optima Flex

Messaggio da AinNithael » martedì 12 giugno 2018, 7:24

Grazie per l'esauriente risposta. :thumbup:
Enrica
"Non essere mai codardo o crudele. Cerca di essere sempre gentile, ma non smettere mai di essere buono." Doctor Who

Avatar utente
Stormwolfie
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 236
Iscritto il: lunedì 4 dicembre 2017, 16:59
La mia penna preferita: Namiki VP
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Baystate Blue
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Roma
Sesso:

Aurora Optima Flex

Messaggio da Stormwolfie » martedì 12 giugno 2018, 11:36

E' una bella penna La Optima Flex, ma costa decisamente troppo!!!!
STEFANO

Ogni penna corre con inchiostri diversi su altrettante innumerevoli carte. Alcune scivolano rapide, altre con piena lentezza, altre grattano ritmi piacevoli. Ognuna esprime un suo carattere che lo scrittore dolcemente doma.

Avatar utente
Colombre
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 177
Iscritto il: lunedì 6 marzo 2017, 21:24
La mia penna preferita: Aurora 88P
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Fp.it Vera: 028
Località: Pordenone (provincia)
Sesso:

Aurora Optima Flex

Messaggio da Colombre » martedì 19 giugno 2018, 23:15

Io ho una 88th anniversario con pennino F.
Il tratto però è veramente molto esile e non mi soddisfa.
Dalle foto del mio conterraneo ricart il tratto della sua mi sembra decisamente migliore. Appena mi metto al pc vi allego un paio di foto dimostrative giusto per capire se la penna ha bisogno di un ritocco o se son io ad avere le traveggole. Adesso sto postando dal cellulare e non ho esempi a portata di mano. Scusatemi.
I've seen things you people wouldn't believe,
attack ships on fire off the shoulder of Orion,
I watched c-beams glitter in the dark near the Tannhäuser Gates.
All those moments will be lost in time,
like tears in rain.
Time to die.

gionni
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 345
Iscritto il: venerdì 3 febbraio 2017, 16:32
La mia penna preferita: Aurora 88K
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Torino
Sesso:

Aurora Optima Flex

Messaggio da gionni » mercoledì 20 giugno 2018, 9:14

Stormwolfie ha scritto:
martedì 12 giugno 2018, 11:36
E' una bella penna La Optima Flex, ma costa decisamente troppo!!!!
Concordo. I prezzi delle Aurora di alta gamma sono decisamente alti, anche considerando che la produzione viene fatta in casa.
Peccato, perchè si tratta di bei prodotti, specialmente i pennini.

Ciao. Gionni

Avatar utente
colex
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1396
Iscritto il: lunedì 28 novembre 2011, 16:22
La mia penna preferita: OMAS Extra Lucens L.E. 331
Il mio inchiostro preferito: NoodlersBlack MB Permanent Blu
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 080
Arte Italiana FP.IT M: 028
Fp.it ℵ: 010
Località: Foggia

Aurora Optima Flex

Messaggio da colex » mercoledì 20 giugno 2018, 10:36

Mi allaccio ai commenti fin qua letti... Stesse impressioni rilevate da me provando una 88 che, sintetizzo:

Immagine

- il nuovo pennino Aurora è alla stessa altezza dei moderni pennini OMAS "extra flessibile", quindi se si preme troppo i rebbi si deformano, come mi è capitato con una OMAS "moderna";
- non è un "vero" pennino flessibile; qualunque pennino vintage Waterman, Parker o restando in Italia, OMAS, lo surclassa;
- l'alimentatore non "segue" il pennino, basta premere un po' di più ed il tratto si divide come Mosé fece dividere il Mar Rosso
- prezzo troppo elevato (esagerato), circa 600 euro, direte che anche le OMAS moderne con lo stesso pennino avevano lo stesso costo... Dite male, non sono paragonabili, le OMAS erano in celluloide e non di plastica come queste Aurora!
- non credo sia prodotto internamente dall'Aurora come i suoi pennini di default, è identico per caratteristiche meccaniche e forma agli "extra flessibili" moderni montati dalla OMAS; sono sicuro che la Bock li faceva in esclusiva per OMAS ma, ora che non c'è più, li vende al miglior offerente!
- esteticamente queste penne sono inguardabili: plastica e colori solidi, l'ufficio marketing si è sforzato molto inventandosi un colore diverso al mese... Pessimi!

Io eviterei di comprarla, preferisco di gran lunga le versioni con la plastica screziata ed il pennino rigido, dal costo inferiore, o consiglio una bella stilo vintage, per chi vuol provare la vera scrittura "flessibile" senza rimanerne deluso e svenarsi inutilmente.
pen: Aurora*Delta*Kaweco*LAMY*Montblanc*OMAS*Parker*Pelikan*Pilot*Sheaffer*Stipula*TWSBI*Visconti*Waterman

ink: Aurora*Delta*Diamine*J.Herbin*Montblanc*Noodler's*Omas*Pelikan*Pilot Iroshizuku*Sailor*Visconti*Waterman

Avatar utente
Stormwolfie
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 236
Iscritto il: lunedì 4 dicembre 2017, 16:59
La mia penna preferita: Namiki VP
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Baystate Blue
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Roma
Sesso:

Aurora Optima Flex

Messaggio da Stormwolfie » mercoledì 20 giugno 2018, 12:00

colex ha scritto:
mercoledì 20 giugno 2018, 10:36
Mi allaccio ai commenti fin qua letti... Stesse impressioni rilevate da me provando una 88 che, sintetizzo:


- il nuovo pennino Aurora è alla stessa altezza dei moderni pennini OMAS "extra flessibile", quindi se si preme troppo i rebbi si deformano, come mi è capitato con una OMAS "moderna";
- non è un "vero" pennino flessibile; qualunque pennino vintage Waterman, Parker o restando in Italia, OMAS, lo surclassa;
- l'alimentatore non "segue" il pennino, basta premere un po' di più ed il tratto si divide come Mosé fece dividere il Mar Rosso
- prezzo troppo elevato (esagerato), circa 600 euro, direte che anche le OMAS moderne con lo stesso pennino avevano lo stesso costo... Dite male, non sono paragonabili, le OMAS erano in celluloide e non di plastica come queste Aurora!
- non credo sia prodotto internamente dall'Aurora come i suoi pennini di default, è identico per caratteristiche meccaniche e forma agli "extra flessibili" moderni montati dalla OMAS; sono sicuro che la Bock li faceva in esclusiva per OMAS ma, ora che non c'è più, li vende al miglior offerente!
- esteticamente queste penne sono inguardabili: plastica e colori solidi, l'ufficio marketing si è sforzato molto inventandosi un colore diverso al mese... Pessimi!

Io eviterei di comprarla, preferisco di gran lunga le versioni con la plastica screziata ed il pennino rigido, dal costo inferiore, o consiglio una bella stilo vintage, per chi vuol provare la vera scrittura "flessibile" senza rimanerne deluso e svenarsi inutilmente.
Ragionamento e riflessioni che non fanno una piega. Mi sembra che poi il materiale lo abbiano battezzato Auroloid o qualcosa del genere, ma alla celluloide non si avvicina nemmeno di striscio. Io sostengo che sia un bell'oggetto, ma non vale nemmeno un terzo del prezzo che chiedono.
STEFANO

Ogni penna corre con inchiostri diversi su altrettante innumerevoli carte. Alcune scivolano rapide, altre con piena lentezza, altre grattano ritmi piacevoli. Ognuna esprime un suo carattere che lo scrittore dolcemente doma.

Rispondi