Come migliorare la presa della stilografica

Per fare due chiacchiere insieme su argomenti vari
Rispondi
Avatar utente
Syrok
Levetta
Levetta
Messaggi: 619
Iscritto il: domenica 28 giugno 2015, 23:19
La mia penna preferita: Seilor ecoule nera glitterata
Il mio inchiostro preferito: Seilor gentle ink blu/black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Alba (CN)
Sesso:

Come migliorare la presa della stilografica

Messaggio da Syrok » venerdì 11 maggio 2018, 22:59

Eccomi qui con un altro quesito.
Anzi tutto voglio scusarmi con gli amministratori se ho messo nella sezione sbagliata e se per caso fosse già stato trattato l'argomento.
Come dicevo tempo fa io ho praticamente perso l'uso della scrittura in corsivo dopo 30 anni di computer e scrittura in stampatello soprattutto con la penna stilografica.
Ora che sto ricominciando a scrivere mi sono accorto che dopo un po di tempo di scrittura (circa una pagina) comincio ad avere i formicolii alla mano questo è dovuto a una mia scorretta presa della penna e ne risento ancora di più con la stilografica visto che di solito ha un fusto leggermente più grosso rispetto alle classiche biro o matite.
Questo mio errore nasce dalle elementari quando ho incominciato a scrivere in quanto credo fossi nato come mancino ma a scuola come un po tutti penso negli anni 70 venivano "invogliati" a scrivere con la destra dico credo perché anche quando giocavo a calcio preferivo il piede sinistro a quello destro ma poco importa.
La mia presa della penna è molto simile a questa foto
impugnatura.png
impugnatura.png (29.01 KiB) Visto 282 volte
Ora sto cercando di migliorare per alleviare i segni di stanchezza ma non trovo niente di utile per me in quanto di solito gli ausili per postura corretta ci sono di solito solo per bambini e quindi sono piccoli da usare per me, ho provato anche con varie impugnature facilitate come quelle della Lamy ma la scrittura ne risulta ancora più incerta e dopo un po torno alla posizione di partenza errata, per non parlare delle Pelikan twist che non sopporto neanche a guardarle figuriamoci a usarle. :lol:
Avete per caso qualche soluzione per questo mio problema?
Alcune volte vinci, tutte le altre volte impari
(poverbio giapponese)
Alessandro
Immagine

Polemarco
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 300
Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2017, 13:37
Sesso:

Come migliorare la presa della stilografica

Messaggio da Polemarco » sabato 12 maggio 2018, 12:15

Ti capisco.
Io, per scrivere uso il computer dal 1990 e, dopo un po', si perde in manualità.
Ho continuato a usare la penna a sfera per le scritture "veloci" in ambienti "ostili".
La stilografica per la scrittura "meditata".
I problemi che ho riscontrato nello scrivere manualmente è che la mia calligrafia è peggiorata con il tempo (la i , la n, la m, la r erano tutte uguali e avevo perduto la rotondità del carattere, insomma lo scritto sembrava un elettroencefalogramma) ed è tornata a essere leggibile soltanto usando più intensamente la stilografica.
Per l'impugnatura non ho mai avuto problemi.
In effetti dovresti sacrificarti un poco a scrivere con la Lamy (per l'impugnatura obbligata) cercando raggiungere una buona calligrafia.
L'abbandono dopo poco tempo della impugnatura obbligata significa che l'impugnatura "classica" è ancora scomoda per te che, quindi, sei portato a tornare all'impugnatura a "morsa" che comporta una minore inclinazione della penna (e quel che è più grave del pennino).
Provaci e dicci come va.
Cordialità
Polemarco

Avatar utente
HoodedNib
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 936
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Come migliorare la presa della stilografica

Messaggio da HoodedNib » sabato 12 maggio 2018, 12:30

Guarda io ho notato che il mio modo di scrivere e' migliorato quando ho cambiato il modo di tenere la penna, qualunque penna, da quello classico "a tre dita" a quello con la penna "appoggiata" sul dito come quello che vedi nella figura 3 a questo link http://www.paperpenalia.com/handwriting.html

Il trucco e' tenere la penna ferma ma non mettere piu' forza del necessario, del resto una stilografica non dovrebbe avere bisogno di molta pressione per scrivere (diverso se devi usare pennini con una certa flessibilita', ma anche li...).

Se proprio non riesci cerca almeno di passare alla figura 1 di questo sito che e' la presa "a tre dita" di cui ti dicevo prima o la 2, anche se per me sembra faticosa ugualmente ma magari per te e' un miglioramento.

Non ti riuscira' di cambiarla subito ma e' questione di farci l'abitudine, sostanzialmente.
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Avatar utente
Syrok
Levetta
Levetta
Messaggi: 619
Iscritto il: domenica 28 giugno 2015, 23:19
La mia penna preferita: Seilor ecoule nera glitterata
Il mio inchiostro preferito: Seilor gentle ink blu/black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Alba (CN)
Sesso:

Come migliorare la presa della stilografica

Messaggio da Syrok » sabato 12 maggio 2018, 12:46

Grazie per il link sto cominciando a studiare il metodo Palmer e sto vedendo le varie posizioni anche lì che non riguardano solo la presa della penna ma tutto il corpo e sinceramente quando ho visto che tengono il foglio a 45 gradi sulla sinistra sono rimasto stupefatto perché credevo fosse la posizione sbagliata e ritenevo che tenere il foglio dritto fosse gusto.
Alcune volte vinci, tutte le altre volte impari
(poverbio giapponese)
Alessandro
Immagine

Avatar utente
SirVaco
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 198
Iscritto il: martedì 28 novembre 2017, 12:03
La mia penna preferita: Montegrappa Fortuna Palladio
Il mio inchiostro preferito: Prima li devo provare tutti...
Misura preferita del pennino: Medio
Sesso:

Come migliorare la presa della stilografica

Messaggio da SirVaco » sabato 12 maggio 2018, 12:56

Il fatto che mentre scrivi, in automatico ritorni ad impugnare la penna come sei abituato penso sia del tutto normale, soprattutto se velocizzi la scrittura, non è molto semplice modificarla. Secondo me dovresti provare ad esercitarti con l'ausilio di una penna dalla sezione abbondante, potrebbe facilitarti nel tenere ferma la posizione di scrittura, cosa che ho notato si perde più facilmente con sezioni più snelle, soprattutto se parliamo di geometrie tonde!
"Lo dirà il tempo cosa siamo, saremo quel che meritiamo...ma se c'è un sogno per sognare, ci sarà un ballo da ballare"

Avatar utente
HoodedNib
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 936
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Come migliorare la presa della stilografica

Messaggio da HoodedNib » sabato 12 maggio 2018, 14:37

SirVaco ha scritto:
sabato 12 maggio 2018, 12:56
Il fatto che mentre scrivi, in automatico ritorni ad impugnare la penna come sei abituato penso sia del tutto normale, soprattutto se velocizzi la scrittura, non è molto semplice modificarla. Secondo me dovresti provare ad esercitarti con l'ausilio di una penna dalla sezione abbondante, potrebbe facilitarti nel tenere ferma la posizione di scrittura, cosa che ho notato si perde più facilmente con sezioni più snelle, soprattutto se parliamo di geometrie tonde!
Vero in generale ma... dipende. Voglio dire la penna "appoggiata" sul medio funziona bene se hai la mano della dimensione giusta, su una mano piccola quel modo di tenere la penna favorisce una penna piccola e viceversa (Credo, io ho una mano abbastanza piccola)
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Rispondi