Che libro state leggendo?

Per fare due chiacchiere insieme su argomenti vari
Avatar utente
Mauro78
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 108
Iscritto il: giovedì 7 settembre 2017, 13:45
La mia penna preferita: Visconti Rembrandt
Il mio inchiostro preferito: blue/black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Marche
Sesso:

Che libro state leggendo?

Messaggio da Mauro78 » lunedì 19 marzo 2018, 15:42

Silemar ha scritto:
venerdì 16 marzo 2018, 12:08
Lele15120 ha scritto:
venerdì 16 marzo 2018, 9:13
Io sono al 60% di IT di Stephen King. Mi è sempre mancato e quest’hanno ho deciso di recuperarlo. In pieno stile King, lungo ma molto piacevole, fa entrare bene nel mondo del libro.
“IT” è un libro, alto quanto una piramide, che mi è capitato in mano in un periodo in cui non ero a casa mia. Un libro quindi che non avrei scelto per me stessa perché non amo il genere horror. Ma in questo libro, incredibilmente, ho ritrovato parte della mia fanciullezza. Alla fine della sua lettura, scrissi questo commento:

Fastidio, ecco cosa ho provato all’inizio. Troppi nomi da ricordare, continui salti di scena, viaggi nel tempo, avanti, indietro e poi ancora avanti. Un rompicapo, un puzzle, un garbuglio complicato da seguire anche se amabilmente scorrevole.
E poi…
King descrive una banda di ragazzini. Li descrive uno ad uno, carattere, fisico, sentimenti. Il rapporto, spesso difficile, con i propri genitori, l’amicizia che nasce tra i singoli fino alla formazione del gruppo, il Club dei Perdenti. I giochi vicino ai canali e alla discarica, lo scoppiare dei petardi, il fumare di una sigaretta, le sassaiole con i ragazzi più grandi. Persino l’amore fa la sua pudicissima comparsa, amori piccoli, intensi, indimenticabili.
E alla fine...
Il genere horror continua a non essere il mio genere. Ho barattato la lettura delle parti truculente, marcescenti e invasate di questo best seller con un po’ del mio sonno. Sono scritte mirabilmente ma non le amo, né le cercherò più. Ma in IT c’è molto più di It, il pagliaccio dai denti a lametta, assassino di bambini. C’è la magia dell’infanzia, l’avventura bambina, la forza pura e leale dell’amicizia. Saranno queste le pagine di “IT”, tra le 1238, che, nel mio tempo, diverranno traslucide.

Dopo tutto quanto avete scritto avete rafforzato la mia convinzione a leggere IT. Già avevo deciso di farlo dopo aver visto il remake del film più che altro per poter approfondire la trama in quanto nel film, per ovvie ragioni, sono solo accennate o tratteggiate. Mi conforta che la lettura sia scorrevole :crazy:

Avatar utente
Miata
Levetta
Levetta
Messaggi: 706
Iscritto il: giovedì 23 giugno 2016, 14:03
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 Violet
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Sicilia
Sesso:
Contatta:

Che libro state leggendo?

Messaggio da Miata » lunedì 19 marzo 2018, 15:45

davide451 ha scritto:
venerdì 16 marzo 2018, 23:09
... mi permetto però di condividere il consiglio di Siberia su Fahrenheit 451, personalmente lo trovo eccellente ed eccellente anche il film che ne è stato tratto credo da Truffault ma non ne sono sicuro, Il 451 del mio nick è stato preso dal titolo del libro. Ciao a tutti. Davide.
Letto il libro e visto il film. Non posso che consigliarli entrambi anche io :thumbup:
Di Bradbury merita tantissimo anche Cronache Marziane!
Florinda


"Non abbiate nelle vostre case nulla che non sapete essere utile o che non ritenete essere bello" William Morris

Avatar utente
HoodedNib
Levetta
Levetta
Messaggi: 533
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Che libro state leggendo?

Messaggio da HoodedNib » lunedì 19 marzo 2018, 16:03

The Nightmare Stacks di Charles Stross, della serie The Laundry (si e' in Inglese, spesso leggo roba in lingua originale) ambientato nell'Inghilterra moderna dove una molto segreta agenzia della Corona ha a che fare con entita' non proprio terrene... diciamo molto lovecraftiane, dove i protagonisti tendono ad avere titoli come Necromancer System Admininstator, Combat Epistemiologist, V-infected Mathematician (e prima che me lo chiediate, V sta proprio per Vampire), il tutto con un tipico humour inglese che con l'andare della serie diventa sempre piu' dark e con palesi citazioni e prese in giro di vari personaggi pubblici contemporanei alla scrittura del romanzo stesso (la descrizione di Boris Johnson quando era sindaco di Londra e' esilarante).

Annibale
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 44
Iscritto il: mercoledì 17 gennaio 2018, 16:07

Che libro state leggendo?

Messaggio da Annibale » martedì 20 marzo 2018, 15:03

Ultimamente ho letto "Il Problema Spinoza" di Yalom (di cui avevo già letto gli altri). Un bellissimo racconto di un giovane Spinoza alle prese con il "fondamentalismo" della religione ebraica. Il tutto visto dal punto di vista di un generale nazista affascinato dal pensiero del filosofo.

Una lettura scorrevolissima che avvicina al pensiero del filosofo calzato in una storia scritta perfettamente.

Lo straconsiglio.

Un saluto

Silemar
Levetta
Levetta
Messaggi: 573
Iscritto il: sabato 26 marzo 2016, 18:02
La mia penna preferita: Aurora 88P
Il mio inchiostro preferito: Aurora black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Rieti
Sesso:

Che libro state leggendo?

Messaggio da Silemar » venerdì 30 marzo 2018, 19:08

Ho appena terminato di leggere il libro “Se sembra impossibile allora si può fare” di Bebe Vio, la campionessa paralimpica di fioretto individuale. Il libro mi è stato regalato da mio marito, inguaribile ottimista, per cercare di risollevare un po' il mio umore da inguaribile pessimista. :D
Il libro è scritto in modo semplice ed il suo intento è scritto chiaramente dall'autrice stessa:
"Perché ho accettato di scrivere questo libro? Per dirlo chiaro a tutti, non importa se giovani o adulti, con tutti i pezzi o con qualche pezzo in meno: bisogna darsi da fare, ragazzi. Non perdetevi niente, godetevi ogni secondo, godetevi ogni cosa. Io lo faccio tutti i giorni, da quando mi alzo al mattino a quando metto in carica le protesi delle mani alla sera. Potete riuscirci anche voi! Che ne dite? Garetta?".
Trattasi di una lettura facile, a tratti un po' ripetitiva, ma estremamente sincera e positiva. C'è tanta energia, gioia di vivere, grinta e coraggio in tutte le pagine, dalla prima all'ultima. Bebe ci invita a sorridere sempre, anche se non se ne ha voglia, perché:
“La vita perfetta non esiste, per questo dobbiamo essere scialli: per goderci al massimo quella vita meravigliosa e imperfetta che abbiamo.”
:wave:
Laura

Avatar utente
fab66
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 1619
Iscritto il: mercoledì 31 ottobre 2012, 19:27
La mia penna preferita: Doric che non ho regalato a 8
Il mio inchiostro preferito: pelikan 4001
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Cecina
Sesso:

Che libro state leggendo?

Messaggio da fab66 » venerdì 30 marzo 2018, 20:22

La costola di Adamo di Antonio Manzini...... non ho volutamente seguito il vice questore Schiavone nei passaggi in tv, altrimenti i libri non li avrei mai letti...... ne ho una ventina in tutto (autori vari) da iniziare, senza contare quelli sul kindle :crazy: :crazy:
Le vena di lettore mi prende a fasi alterne, magari ne faccio fuori tre/quattro in poco tempo poi mi fermo......
Fabrizio

Avatar utente
ciro
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3032
Iscritto il: martedì 7 aprile 2015, 15:12
La mia penna preferita: Montblanc Noblesse VIP
Il mio inchiostro preferito: Quel Montblanc verde
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Londra, UK
Sesso:

Che libro state leggendo?

Messaggio da ciro » venerdì 30 marzo 2018, 22:45

"Il seggio vacante" (originale The casual vacancy) di J.K. Rowling. Un titolo palesemente scritto dalla famosissima per dimostrare al mondo che è in grado di scrivere un romanzo di tutto rispetto senza doversi ampliare nel mondo del fantastico/mistico della magia.
L'avevo letto non ricordo quando per il semplice motivo che "Oh, l'ha scritto la Rowling!" e ora lo sto rileggendo perché ho notato che la letteratura di Lady Joanne assume un altro sapore quando vivi nelle terre di Sua Maestà Britannica, in più ho trovato questa copia in lingua originale in una libreria di Barcellona e m'è partito l'acquisto compulsivo.
Parla delle vicende scaturite intorno ad una vacanza nel consiglio della cittadina inventata di Pagford - che si dice sia ispirata a quella reale di Kelso, in Scozia - dovuta alla dipartenza improvvisa ed inaspettata di uno dei membri. La Rowling esce dalla sua comfort zone del filo narrativo che segue da vicino il personaggio principale (Il ragazzo sopravvissuto? No grazie) e tesse una tela di storie che si toccano in più punti fino ad intrecciarsi. Ci sono gli adolescenti in preda a crisi ormonali, i casi disperati di periferia, e gli scozzesi.
A proposito di scozzesi ricordo le parole del saggio Willy, il giardiniere della scuola elementare di Springfield in "The Simpsons": Gli inglesi e gli scozzesi sono nemici per natura. Come gli irlandesi e gli scozzesi. O i gallesi e gli scozzesi. O gli scozzesi e gli altri scozzesi. Maledetti scozzesi, avete rovinato la Scozia!
Quindi direi che si fa leggere più che volentieri.

Nel tramento (terrone per "frattempo") sono anche su "Esercizi D'Amore" (originale Essays in love) di Alain De Botton, che è un romanzo scritto nella testa del suo personaggio principale e narratore. Una storia d'amore in effetti, analizzata da un appassionato di filosofia, spezzettata e ricomposta a giustificare ogni singola azione e reazione dalla nascita fino alla fine.

Nel caso vi interessasse sto leggendo anche Superintellicence di Nick Bostrom, uno dei due libri che apparentemente mister Bill Gates consiglia a chi volesse avere un quadro più chiaro sulla intelligenza artificiale.

E poi - giuro la finisco qui - siccome è periodo di pulizie di primavera, qui a Londra si trovano libri abbandonati in strada a cataste che io ovviamente raccolgo senza neanche controllare. Chissà che ci troverò quando li trasferiró dal sottoscala alla nuova libreria IKEA che dovrebbe arrivare settimana prossima... :D
Ciro
(Io sono per le firme a colori, sapevatelo!)
“La vita è come una fresella, s'è troppo dura sponzala.”
- Nonna
Immagine

aleck
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 223
Iscritto il: lunedì 28 agosto 2017, 16:37
Misura preferita del pennino: Medio
Sesso:

Che libro state leggendo?

Messaggio da aleck » sabato 31 marzo 2018, 11:16

Al momento, Aristote au Monte Saint Michel... Testo di base per la mia tesi di laurea. Parallelamente, L'ultima stagione di Dan Robertson. :thumbup: :wave:

Avatar utente
ciro
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3032
Iscritto il: martedì 7 aprile 2015, 15:12
La mia penna preferita: Montblanc Noblesse VIP
Il mio inchiostro preferito: Quel Montblanc verde
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Londra, UK
Sesso:

Che libro state leggendo?

Messaggio da ciro » domenica 6 maggio 2018, 23:00

Un aneddoto mi ha fatto cercare un libro sul matematico napoletano, dunque ora sto leggendo "Renato Caccioppoli, l'enigma" di Antonio Toma.

L'aneddoto è il seguente.

Secondo un professore universitario, che fu allievo di Caccioppoli, durante una seduta di esame di analisi matematica, il suo assistente, il sacerdote Savino Coronato (anche questo accostamento è leggenda, un po’ come il diavolo e l’acqua santa, credo) assegnò alla lavagna una equazione differenziale ad un allievo, il quale non fu in grado di risorverla e fu bocciato. Purtroppo per l’allievo, il prete si era confuso e aveva assegnato un’equazione differenziale non risolvibile analiticamente. Caccioppoli non disse niente, ma poi si avvicinò al prete e disse: “Quest’equazione differenziale la sappiamo risolvere solo io e il tuo padrone!” (Caccioppoli era ateo).
Ciro
(Io sono per le firme a colori, sapevatelo!)
“La vita è come una fresella, s'è troppo dura sponzala.”
- Nonna
Immagine

Polemarco
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 244
Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2017, 13:37
Sesso:

Che libro state leggendo?

Messaggio da Polemarco » domenica 6 maggio 2018, 23:11

ciro ha scritto:
domenica 6 maggio 2018, 23:00
Un aneddoto mi ha fatto cercare un libro sul matematico napoletano, dunque ora sto leggendo "Renato Caccioppoli, l'enigma" di Antonio Toma.

L'aneddoto è il seguente.

Secondo un professore universitario, che fu allievo di Caccioppoli, durante una seduta di esame di analisi matematica, il suo assistente, il sacerdote Savino Coronato (anche questo accostamento è leggenda, un po’ come il diavolo e l’acqua santa, credo) assegnò alla lavagna una equazione differenziale ad un allievo, il quale non fu in grado di risorverla e fu bocciato. Purtroppo per l’allievo, il prete si era confuso e aveva assegnato un’equazione differenziale non risolvibile analiticamente. Caccioppoli non disse niente, ma poi si avvicinò al prete e disse: “Quest’equazione differenziale la sappiamo risolvere solo io e il tuo padrone!” (Caccioppoli era ateo).
Bello anche il film.
Forse un po' troppo "enfatico".
A proposito, il Nonno (materno) era Michail Bakunin.
Mica Pinco Panco

Avatar utente
Siberia
Levetta
Levetta
Messaggi: 653
Iscritto il: martedì 10 febbraio 2009, 20:34
La mia penna preferita: La Parker 51?
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero, Pelikan Blu-Black
Misura preferita del pennino: Medio
Località: L'Aquila-Pescara
Sesso:
Contatta:

Che libro state leggendo?

Messaggio da Siberia » lunedì 7 maggio 2018, 20:41

Un pugno allo stomaco: Ágota Kristóf "La città di K"
Luca (renitente alla sfera, sempre)

Avatar utente
Rodelinda
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 161
Iscritto il: lunedì 9 aprile 2018, 23:10
La mia penna preferita: L'Aurora Hastil!
Il mio inchiostro preferito: Quello che non ho ancora!
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Hinterland Milanese
Sesso:
Contatta:

Che libro state leggendo?

Messaggio da Rodelinda » martedì 8 maggio 2018, 0:11

Ho recentemente finito di leggere "La versione di Barney"; io arrivo sempre in ritardo con i grandi successi letterari, in questo caso di, boh, una decina d'anni.
Che dire?, mi è piaciuto moltissimo. All'inizio fatica un po' a ingranare, il protagonista è un individuo quantomeno sgradevole, e man mano che le sue capacità mentali vengono erose dall'Alzheimer il filo della narrazione si "sfilaccia" per così dire - l'effetto è reso con grande maestria narrativa - ma è veramente avvincente. Alla fine il forse-no omicidio del migliore amico del protagonista è solo il pretesto per la definizione di un contesto ampio e generale, una specie di romanzo di formazione di un individuo adulto. Il tutto condito con un sarcasmo yiddish graffiante e quasi ustionante.

Avatar utente
Saphur
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 116
Iscritto il: lunedì 29 gennaio 2018, 16:48
La mia penna preferita: Primapenna Pelikan
Il mio inchiostro preferito: Waterman
Località: Napoli
Sesso:

Che libro state leggendo?

Messaggio da Saphur » martedì 8 maggio 2018, 11:19

Rodelinda ha scritto:
martedì 8 maggio 2018, 0:11
Ho recentemente finito di leggere "La versione di Barney"; io arrivo sempre in ritardo con i grandi successi letterari, in questo caso di, boh, una decina d'anni.
Che dire?, mi è piaciuto moltissimo. All'inizio fatica un po' a ingranare, il protagonista è un individuo quantomeno sgradevole, e man mano che le sue capacità mentali vengono erose dall'Alzheimer il filo della narrazione si "sfilaccia" per così dire - l'effetto è reso con grande maestria narrativa - ma è veramente avvincente. Alla fine il forse-no omicidio del migliore amico del protagonista è solo il pretesto per la definizione di un contesto ampio e generale, una specie di romanzo di formazione di un individuo adulto. Il tutto condito con un sarcasmo yiddish graffiante e quasi ustionante.
Ho visto il film con un bravissimo Paul Giamatti, e altri attori del calibro di Rosamund Pike e Dustin Hoffman! :D
Anche lì con un inizio un poco lento e farraginoso poi diventa avvincente ed intrigante...fino al finale spiazzante.

Avatar utente
Miata
Levetta
Levetta
Messaggi: 706
Iscritto il: giovedì 23 giugno 2016, 14:03
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 Violet
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Sicilia
Sesso:
Contatta:

Che libro state leggendo?

Messaggio da Miata » martedì 8 maggio 2018, 14:58

Siberia ha scritto:
lunedì 7 maggio 2018, 20:41
Un pugno allo stomaco: Ágota Kristóf "La città di K"
Davvero molto, molto bello.
Letto qualche anno fa. Mi lasciò sconquassata.
Florinda


"Non abbiate nelle vostre case nulla che non sapete essere utile o che non ritenete essere bello" William Morris

Avatar utente
XFer
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 842
Iscritto il: giovedì 22 maggio 2014, 21:35
La mia penna preferita: Pilot Custom 845
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Borealis Black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Roma
Sesso:

Che libro state leggendo?

Messaggio da XFer » domenica 3 giugno 2018, 14:09

"Quando il rosso è nero" di Qiu Xiaolong.
E' il terzo libro della serie dell'ispettore Chen (i primi due sono "La misteriosa morte della compagna Guan" e "Visto per Shanghai").

Questi gialli li trovo interessanti non tanto per la trama in sé, comunque godibile, ma perché ambientati (mirabilmente, a parer mio) nella Shanghai dei primi anni '90, subito dopo gli eventi di piazza Tienanmen.
Forniscono un affascinante spaccato di prima mano della quotidianità popolare e politica cinese di quegli anni, senza però la retorica a volte pesante degli scrittori dissidenti (come è Qiu Xialong, che dai primi anni '90 vive negli Stati Uniti).
Sono libri strapieni di citazioni letterarie e poesie, il che a volte può renderli faticosi, ma anche ricchi di interessanti spunti sulla storia cinese moderna, diciamo dalla prima Rivoluzione in poi.

Fernando

Rispondi