Jinhao 450

Per fare due chiacchiere insieme su argomenti vari
Rispondi
Avatar utente
mistermike
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 184
Iscritto il: lunedì 4 settembre 2017, 17:09
La mia penna preferita: La prossima
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Pompei
Sesso:

Jinhao 450

Messaggio da mistermike » giovedì 1 marzo 2018, 19:11

Jinhao 450


Sono un patito delle stilo economiche (non necessariamente per questioni di budget, possiedo anche diverse blasonate) perché trovo gratificante acquistarle senza doversi svenare. Le amo perché mi piace sperimentare, ma anche per il fatto che si possano usare senza l’ansia di rotture o smarrimenti. Non le considero penne da battaglia, il concetto mi è estraneo. Tratto con il medesimo riguardo sia le “nobili” sia le “popolane”. A dispetto delle cineserie nei vari campi, in quello delle stilografiche il made in China non è quasi mai sinonimo di “munnezza”. Costano poco e scrivono bene. Davvero bene. Almeno per la mia esperienza. Poca spesa e tanta resa, insomma.
Ieri mi arrivata (dopo un mese e mezzo) la Jinhao 450. Pagata 2,90 euro, spese comprese.
E la mia convinzione nei confronti di questo brand si è ulteriormente rafforzata. Le cinesine mi soddisfano proprio (non fate i maliziosi).
La penna non ha false partenze e la scrittura è morbida e fluida. Non c’è stato nemmeno bisogno di lavarla. Inchiostrata con il Blu Pelikan 4001 (che uso soltanto per i test), l’asiatica ha subito dimostrato la sue qualità. Equilibrata e maneggevole, è dotata di impugnatura ergonomica che assolve anche alla funzione di antiscivolo. Le rifiniture sono dorate a 18 k (ma qui non ci giurerei). La trovo anche carina esteticamente, in virtù della colorazione bourdeaux a motivi floreali

Vediamola un po’ in dettaglio.
Jinhao 450
Fornita nuova senza confezione
Materiale: metallo
Pennino: M in acciao dorato 18k GP
Apertura a pressione (push)
Converter in dotazione
Misura cm 14 chiusa, cm 12,5 aperta e cm 16,3 con il cappuccio calzato, diametro 14 mm
Peso: 40 grammi
Insomma, un medio-massimo che danza come una libellula in fiore
Allego foto e test di scrittura
Allegati
28276788_10214086328464559_7205244760933739837_n.jpg
28471649_10214085809691590_1004805298059786888_n.jpg
28576263_10214086245662489_6333627164344648415_n.jpg

Avatar utente
Gargaros
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 30
Iscritto il: giovedì 6 dicembre 2018, 3:54
Il mio inchiostro preferito: Al gusto fragola
Misura preferita del pennino: Extra Fine

Jinhao 450

Messaggio da Gargaros » sabato 15 dicembre 2018, 15:18

La penso come te sulle cinesi. Peccato solo che la loro mania di copiare sia anche "endogena". Nel senso che, facendo un esempio a caso, magari tu credi di prendere una Jinhao che imita una Parker, e invece è una Jinaho falsa che imita l'imitazione della Jinhao di un Parker :lol:

Poi, a sentire qualche iutubber, il problema dei cinesi è che non fanno controllo qualità: tutto quello che esce dalle loro fabbriche finisce sul mercato, con una probabilità non bassa che poi l'acquirente incappi in un prodotto difettoso...

Il mese prossimo dovrebbero arrivarmi due cinesate (Hero 616 e Jinhao 750 Lava red che è molto simile alla tua)... Tengo le dita incrox :mrgreen:

Buona recenzion.

Avatar utente
ASTROLUX
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 953
Iscritto il: sabato 21 aprile 2018, 12:18
La mia penna preferita: La prossima
Il mio inchiostro preferito: Il prossimo
Località: Napoli
Sesso:

Jinhao 450

Messaggio da ASTROLUX » sabato 15 dicembre 2018, 15:43

Direi che il gioco vale la candela...spendi davvero pochi spiccioli e ti diverti a sperimentare nuovi tratti e nuovi modelli.
Anche io ne ho 6 o 7 tra Baoer, Wing Sung, Jinhao e Hero, tutte valgono ben più del loro prezzo.

hobbit
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 84
Iscritto il: mercoledì 2 marzo 2016, 23:16

Jinhao 450

Messaggio da hobbit » sabato 15 dicembre 2018, 17:17

Bellissimo il decoro della tua 450!

Personalmente ho esperienze contrastanti con le cinesi.
È vero costano poco, arrivano a casa in genere dopo molto tempo e sembrano proprio ben fatte, ma ....
.... dopo un po' cominciano a rivelare i loro limiti.

Avevo preso 4 Wing Sung 3008:

Immagine

molto belle, però dopo un po' di tempo la vite che fissa il fermaglio, esposta all'inchiostro ha cominciato ad arrugginirsi, dentro dalle parti dello stantuffo a formarsi della condensa, il fermaglio di una si è spellato rivelando sotto del "metallaccio" tipo ottone e più grave di tutto il pennino non è in acciaio visto che se premuto mantiene una deformazione permanente, cosa accadutami su tutte e quattro.

Mi sono anche preso la Jinhao 605:

Immagine

pesantuccia e veramente bella. Anche questa la vite all'interno che tiene il fermaglio tende ad arrugginirsi, l'ho già sostituita una volta. Però devo dire che complessivamente è molto ben fatta, una laccatura bellissima e anche le cromature delle parti metalliche sembrano ottime. Il pennino è abbondante e largo, ma scorrevolissimo. La scrittura rovescia non gratta per niente, è affidabile ed ha un tratto di una buona giapponese!

Per me Wing Sung è bocciata, mentre Jinhao è promossa, penso che proverò a prendere altro visti i prezzi.

Avatar utente
Stormwolfie
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 327
Iscritto il: lunedì 4 dicembre 2017, 16:59
La mia penna preferita: Sailor 1911
Il mio inchiostro preferito: Sailor Blue Black
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Roma
Sesso:

Jinhao 450

Messaggio da Stormwolfie » lunedì 17 dicembre 2018, 14:28

Su quelle a pistone sono d'accordo. Si sfaldano dopo poco tempo. Le Jinhao sono un altro passo, specialmente la 992 è una gran penna. Anche la 159 non scherza, ha solo il fusto decisamente fuori misura:-)
STEFANO

Ogni penna corre con inchiostri diversi su altrettante innumerevoli carte. Alcune scivolano rapide, altre con piena lentezza, altre grattano ritmi piacevoli. Ognuna esprime un suo carattere che lo scrittore dolcemente doma.

Rispondi