Stilografiche, penne da utilizzo e da collezione senza uso come vi comportate?

Per fare due chiacchiere insieme su argomenti vari
Marioegnazio
Converter
Converter
Messaggi: 19
Iscritto il: mercoledì 21 giugno 2017, 18:22
La mia penna preferita: Parker
Il mio inchiostro preferito: Pelikan
Misura preferita del pennino: Medio

Stilografiche, penne da utilizzo e da collezione senza uso come vi comportate?

Messaggio da Marioegnazio » martedì 20 febbraio 2018, 18:02

Salve a tutti, dopo una piccola pausa apro un post sul forum.
Ogni giorno utilizzo le stesse penne Montblanc Scenium, la Parker Jotter e come stilografica la Waterman in acciaio.
In custodia e solo per eventi importanti (matrimoni, cerimonie ecc.) alterno una Delta Lex (penna) e l'Aurora 88.
Voi invece come vi regolate? Dalla collezione delle penne del mio compianto padre non ho il coraggio di toccarne alcuna, ma di tanto mi piacerebbe utilizzarle. A tal proposito chiedo lumi, opinioni e pensieri, sottolineando che il mezzo di scrittura lo utilizzo per la professione forense e altre attività parallele.
Grazie anticipatamente per le risposte che darete a questa mia elucubrazione mentale :D

LucaC
Levetta
Levetta
Messaggi: 648
Iscritto il: venerdì 6 febbraio 2015, 10:38
La mia penna preferita: Montblanc 149 Masterpiece
Il mio inchiostro preferito: Private Reserve Electric Blue
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it Vera: 114
Località: Bergamo
Sesso:

Stilografiche, penne da utilizzo e da collezione senza uso come vi comportate?

Messaggio da LucaC » martedì 20 febbraio 2018, 18:28

Ciao, io fino ad ora le ho sempre utilizzate tutte, almeno una volta. Non trovo che ci sia senso avere una penna nata per scrivere senza usarla e tenerla solo in una teca. Ma questo è il mio pensiero e capisco anche chi si limita a guardarle. Poi un giorno mi capiterà una penna talmente desiderata e magari mai inchiostrata che forse avrò difficoltà nell' inchiostrarla. :D

Avatar utente
SirVaco
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 198
Iscritto il: martedì 28 novembre 2017, 12:03
La mia penna preferita: Montegrappa Fortuna Palladio
Il mio inchiostro preferito: Prima li devo provare tutti...
Misura preferita del pennino: Medio
Sesso:

Stilografiche, penne da utilizzo e da collezione senza uso come vi comportate?

Messaggio da SirVaco » martedì 20 febbraio 2018, 18:57

La mia opinione in merito è la seguente: una stilografica per quanto pregiatissima deve essere uno strumento di scrittura, ne segue che l'oggetto stesso perderebbe il suo senso di esistere se non lo si utilizzasse... poi certo ci sono penne che magari possono essere usate quotidianamente ed altre che magari si usano meno frequentemente, magari perché più delicate o meno facili da trasportare senza rischiare danni, tuttavia ritengo che l'uso sia parte integrante della collezione stessa.

Avatar utente
Mightyspank
Levetta
Levetta
Messaggi: 746
Iscritto il: lunedì 23 febbraio 2015, 22:46
La mia penna preferita: L'ultima
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku Yu-Yake
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Milano
Sesso:

Stilografiche, penne da utilizzo e da collezione senza uso come vi comportate?

Messaggio da Mightyspank » martedì 20 febbraio 2018, 21:35

Tutte, subito!
Certo le più delicate e preziose evito di portarle troppo in giro ma comunque le uso.
A cosa serve tenerle sotto una teca a prendere polvere? Le ammiri meglio quando fanno il loro dovere.
Per me il massimo piacere è avere una penna che scrive bene e che sia accompagnata da una estetica altrettanto interessante. Il piacere principale resta quello di guidare la mano sul foglio e tracciare un segno.

Avatar utente
XFer
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 842
Iscritto il: giovedì 22 maggio 2014, 21:35
La mia penna preferita: Pilot Custom 845
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Borealis Black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Roma
Sesso:

Stilografiche, penne da utilizzo e da collezione senza uso come vi comportate?

Messaggio da XFer » martedì 20 febbraio 2018, 22:28

Io le uso tutte, ma la più costosa che ho è sui 400 euro.
Non so cosa farei con una penna da 4'000! Anzi sì: non la comprerei perché mi piace usarle e avrei timore di rovinarla!! :D

Avatar utente
alfredop
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2197
Iscritto il: martedì 30 dicembre 2008, 17:48
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 061
Fp.it Vera: 002
Località: Napoli
Sesso:

Stilografiche, penne da utilizzo e da collezione senza uso come vi comportate?

Messaggio da alfredop » martedì 20 febbraio 2018, 22:44

In teoria le uso tutte, in pratica ho una lunga lista di penne che non ho ancora inchiostrato, prima o poi accadrà.

Alfredo
“Andare all’inferno è facile . C’è una scala. Scendi il primo gradino. Poi scendi il secondo. Poi scivoli." (Leo Ortolani, Rat-Man n. 91)

Polemarco
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 301
Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2017, 13:37
Sesso:

Stilografiche, penne da utilizzo e da collezione senza uso come vi comportate?

Messaggio da Polemarco » martedì 20 febbraio 2018, 22:54

Scusate, ora non vorrei tirare fuori la storia che l'inchiostro lubrifica le penne e che le penne non inchiostrate e, quindi, non lubrificate si rovinano.
E' un argomento che non domino: potrebbe essere una sciocchezza.
Ma mi domando e chiedo: immaginate di essere sposati a Marilyn Monroe (le signore presenti nel forum, pensino a Robert Redford) e decidere di limitarsi a rimirarla(lo).
Ma come si fa?
Ma non ricorda Gollum del Signore degli Anelli che si tiene stretto il suo "tessssoro" ?
Ma è solo una opinione.
Cordialità Polemarco

Avatar utente
Monet63
Artista
Artista
Messaggi: 880
Iscritto il: sabato 5 ottobre 2013, 22:34
La mia penna preferita: Delta Goldpen Mezzanotte n°52
Il mio inchiostro preferito: Nero Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cassino
Sesso:
Contatta:

Stilografiche, penne da utilizzo e da collezione senza uso come vi comportate?

Messaggio da Monet63 » martedì 20 febbraio 2018, 23:34

Una stilografica senza inchiostro e senza carta è una stilografica sola e triste.
L’opera d’arte è sempre una confessione.
Umberto Saba

elipiume
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 97
Iscritto il: giovedì 22 gennaio 2015, 14:24
Fp.it Vera: 120
Località: Bologna

Stilografiche, penne da utilizzo e da collezione senza uso come vi comportate?

Messaggio da elipiume » mercoledì 21 febbraio 2018, 0:03

Certo, bisogna usarle, con i limiti che sono già stati detti.
Poi con luso le si conosce anche meglio. Un po' come i vini. Si riconosce la penna da "meditazione", quella più frizzante, quella fastosa, quella formmale, eccecc e non elenco le combinazioni con gli inchiostri.
Certo, si farà un po' di rotazione ....

Avatar utente
Ottorino
Tecnico - Moderatore
Tecnico - Moderatore
Messaggi: 7226
Iscritto il: lunedì 24 novembre 2008, 9:21
La mia penna preferita: Doric donatami da Fab66
Il mio inchiostro preferito: colorato brillante o neronero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 096
Fp.it ℵ: 022
Fp.it 霊気: 022
Località: Firenze
Sesso:

Stilografiche, penne da utilizzo e da collezione senza uso come vi comportate?

Messaggio da Ottorino » mercoledì 21 febbraio 2018, 0:21

Capisco il ritegno verso la collezione paterna. Prendine una e usala sempre: saranno bei momenti.
Le altre forse verranno usate di conseguenza e forse ne trarrai maggior piacere e buoni ricordi.
C'è rimedio ? Perché preoccuparsi ? Non c'è rimedio ? Perché preoccuparsi ?

Avatar utente
jebstuart
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 249
Iscritto il: sabato 4 febbraio 2017, 22:41
La mia penna preferita: Parker 51
Il mio inchiostro preferito: Sailor Blue-Black Nano Pigment
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Napoli
Sesso:

Stilografiche, penne da utilizzo e da collezione senza uso come vi comportate?

Messaggio da jebstuart » mercoledì 21 febbraio 2018, 1:33

Argomento controverso.
Personalmente mi guardo bene dall'usare una penna vintage trovata NOS o mai inchiostrata, conservandola come tale con intento storico-documentativo.
Uso invece tranquillamente quelle di nuova produzione o le vintage usate.

Amando particolarmente il vintage NOS, però, finisco per possedere centinaia di penne (sistemate in vassoi e numerate secondo un database complesso) che potrebbero stare tranquillamente in un museo, e un numero infinitamente minore (diciamo non oltre una quarantina) di penne che uso quotidianamente.

Ovviamente ci saranno molti forumisti completamente d'accordo ed altrettanti letteralmente inorriditi.
Ma l'Umanità è bella perché è varia... :)

Godowsky1930
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 169
Iscritto il: domenica 25 settembre 2016, 17:52
La mia penna preferita: Dupont linea 1
Il mio inchiostro preferito: Rohrer
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it Vera: 005
Località: Milano
Sesso:

Stilografiche, penne da utilizzo e da collezione senza uso come vi comportate?

Messaggio da Godowsky1930 » mercoledì 21 febbraio 2018, 10:35

Anche io le carico tutte , almeno una volta. E se hanno problemi di scrittura le faccio riparare, quando non riesco io per ottimizzare la scrittura, anche se devo investire qualcosa Non compro più numerate da anni ( peccato di gioventù), non tutte le porto in giro anvhe per motivi di sicurezza ( alludo alle safety ) Una penna non può essere oggetto da ammirare ; è nata per scrivere. umberto

Avatar utente
ricart
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 199
Iscritto il: venerdì 18 agosto 2017, 14:05
La mia penna preferita: PELIKAN 120
Il mio inchiostro preferito: ADESSO J.HERBIN BLEU-NUIT
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it Vera: 054
Località: PROVINCIA DI UDINE
Sesso:

Stilografiche, penne da utilizzo e da collezione senza uso come vi comportate?

Messaggio da ricart » mercoledì 21 febbraio 2018, 12:44

Salve a tutti, io le uso tutte a rotazione, costose e non costose,vecchie e nuove, cambio solo l'inchiostro quando è esaurito, in questo modo posso valutare il comportamento della penna. Le porto anche in ufficio e in giro per i convegni senza paura di perderle e/o di danneggiarle,se poi capita pazienza non è la fine del mondo. Possiedo molte penne usate acquistate nei mercatini o dagli amici che non le usano più. Mi piace pensare che ai precedenti proprietari faccia piacere che qualcuno abbia cura delle loro penne che magari hanno tanto amato.
Mandi da Ricart

Avatar utente
Sergjei
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1048
Iscritto il: sabato 28 giugno 2014, 11:49
Il mio inchiostro preferito: Al momento Marrone
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it Vera: 017
Località: Roma
Sesso:
Contatta:

Stilografiche, penne da utilizzo e da collezione senza uso come vi comportate?

Messaggio da Sergjei » mercoledì 21 febbraio 2018, 13:43

Usarle sempre tutte a rotazione
Ovviamente appena comprate (vintage o nuove) le metto in uso, poi magari alcune restano per mesi/anni inutilizzate ma solo per caso ....
Sergio

davide451
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 53
Iscritto il: sabato 25 novembre 2017, 18:24
La mia penna preferita: Parker 75
Il mio inchiostro preferito: Parker blu
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Reggio Emilia
Sesso:

Stilografiche, penne da utilizzo e da collezione senza uso come vi comportate?

Messaggio da davide451 » mercoledì 21 febbraio 2018, 13:52

Anch'io le uso tutte a rotazione, tenendo sempre inchiostrate la Parker 75 e la Montblanc 149. Non sono un collezionista ma ho una trentina di penne e le uso tutte. Uniche eccezioni, per ora, una MB von Karajan ed una Omas Arte Italiana, regali recenti che per pigrizia non ho ancora inchiostrate. Ciao. Davide

Rispondi