La paranoia della verginità

Per fare due chiacchiere insieme su argomenti vari
Avatar utente
jebstuart
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 196
Iscritto il: sabato 4 febbraio 2017, 22:41
La mia penna preferita: Parker 51
Il mio inchiostro preferito: Sailor Blue-Black Nano Pigment
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Napoli
Sesso:

La paranoia della verginità

Messaggio da jebstuart » domenica 5 novembre 2017, 18:52

piccardi ha scritto:
domenica 5 novembre 2017, 18:33
... compromettere irrimediabilmente lo stato originale di un oggetto antico è una azione che non riesco a concepire.
Sia lodato il Cielo... mi stavo convincendo di essere veramente pazzo :D ;)

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

La paranoia della verginità

Messaggio da Musicus » domenica 5 novembre 2017, 18:54

netosaf ha scritto:
domenica 5 novembre 2017, 8:06
Continuando a far della filosofia, mi rivolgo ai numerosi colleghi medici che frequentano il forum, per un consulto.
Sono affetto da un disturbo che mi affligge e che inquadrerei definendolo una sindrome, visto il quadro complesso e con diversi sintomi, che sinteticamente riassumo:
- diverse penne vergini, mai inchiostrate o NOS (come si ama dire qui nel forum) giacciono nei loro loculi preposti a casa mia;
- durante il giorno con leggerezza ed entusiastica determinazione, programmo l'uso di questa o quella ancora intonsa, ipotizzando con libidine quale inchiostro meglio può deflorarla;
- di sera, con la penna in mano, qualcosa mi blocca, aumenta il battito, compare sudorazione, secchezza delle fauci e respirazione accelerata;
- la remissione dei sintomi è rapida e progressiva riponendo l'illibata, anche stavolta rimasta intonsa.
Grazie per chi vorrà raccontare patologie analoghe o suggerimenti terapeutici.
Ahi, ahi, Stefano: qui si dà per scontato che vi sia una membrana da lacerare e che i vampiri fuoriuscenti nottetempo dai loculi siano femmine... :mrgreen:

A parte la pietosa bugia degli amanti delle MB149 (sì ne abbiamo anche qui sul Forum, che notoriamente compensano quel che c'è da compensare :ugeek: ), la prova dell'errore, ahimè comune, è nella Pubblicità.......
Provati un pò a deflorare queste!!! :geek:
3. PARKER - 1918-04-07 - L'Illustrazione Italiana - Anno XLV - N. 14, pag.284.jpg
PARKER - 1918-04-07 - L'Illustrazione Italiana - Anno XLV - N. 14, pag.284
3. WATERMAN - modello x - L'Illustrazione Italiana - Anno LI. N.23 - 1924-06-08 - pag.745.jpg
WATERMAN - modello x - L'Illustrazione Italiana - Anno LI. N.23 - 1924-06-08 - pag.745
4. PARKER - mod. div. - 1918-02-10 - L'Illustrazione Italiana - Anno XLV - N.6.jpg
PARKER - mod. div. - 1918-02-10 - L'Illustrazione Italiana - Anno XLV - N.6
7. WATERMAN - 1918-12-29- L'Illustrazione Italiana - Anno XLV - N.52 - pag.607.jpg
WATERMAN - 1918-12-29- L'Illustrazione Italiana - Anno XLV - N.52 - pag.607
11.WATERMAN -L'Illustrazione Italiana - Anno XLVIII. N.29 - 1921-07-17 - pag.59 (1922-07-09 - pag.42).jpg
WATERMAN -L'Illustrazione Italiana - Anno XLVIII. N.29 - 1921-07-17 - pag.59 (1922-07-09 - pag.42)
13. WATERMAN - modello x - L'Illustrazione Italiana - Anno LI. N.25 - 1924-06-22 - pag.827.jpg
WATERMAN - modello x - L'Illustrazione Italiana - Anno LI. N.25 - 1924-06-22 - pag.827
WATERMAN Ideal Fountain Pen - Concessionario L.&C. Hardtmuth (fino al 1913).jpg
WATERMAN Ideal Fountain Pen - Concessionario L.&C. Hardtmuth (fino al 1913)
WATERMAN'S IDEAL - 1908-11.  LA LETTURA - Rivista Mensile del Corriere della Sera - ANNO VIII - N.11 - Novembre 1908.jpg
WATERMAN'S IDEAL - 1908-11. LA LETTURA - Rivista Mensile del Corriere della Sera - ANNO VIII - N.11 - Novembre 1908

Ecco un ultimo virtuosismo del "PENNONE"...
WATERMAN IDEAL FOUNTAIN PEN - 1920 - by Giuseppe CAPPADONIA - L'ILLUSTRAZIONE ITALIANA - 1920-02 numero speciale di Natale-Capodanno.jpg
WATERMAN IDEAL FOUNTAIN PEN - 1920 - by Giuseppe CAPPADONIA - L'ILLUSTRAZIONE ITALIANA - 1920-02

Ormai tutto è sdoganato, fate tranquillamente outing: quando la moglie vi lascia da soli, è sempre la grande penna che deflora!!! :twisted:
WATERMAN - Eyedropper #14. 1916-01-02. L'Illustrazione Italiana - Anno XLIII - N.1 - pag.21.jpg
WATERMAN - Eyedropper #14. 1916-01-02. L'Illustrazione Italiana - Anno XLIII - N.1 - pag.21.

Giorgio

P.s.: chiedete al Reparto tecnico cosa usare in questi casi... :mrgreen:

netosaf
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 324
Iscritto il: giovedì 31 dicembre 2015, 9:04
La mia penna preferita: Omas extra lucens
Il mio inchiostro preferito: tutti i blue
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it 霊気: 054
Località: Pistoia
Sesso:

La paranoia della verginità

Messaggio da netosaf » domenica 5 novembre 2017, 18:57

Caro Jebstuart,
comunque siamo abbastanza emarginati e colpevolizzati dalla maggior parte del popolo stilografico!
Dispiace tu stia a Napoli ed io a Pistoia altrimenti ti proponeno di vedersi per fare outing!
Penso però che ci siano dei vili in questo forum che non osano dichiarare la nostra malattia.

s

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

La paranoia della verginità

Messaggio da Musicus » domenica 5 novembre 2017, 19:07

Solo per completare il mio pensiero: la penna stilografica è sempre maschio (senior, junior), solo la lady può essere anche femmina: nei limiti delle possibilità di ognuno, possa il nostro pensiero fecondare la carta su cui si depositerà l'inchiostro... 8-)
A2. WATERMAN - 1926-01-24. Suppl. di Natale e Capo d'Anno - L'Illustrazione Italiana 1925-1926.jpg
Tutte le penne vanno usate, con rispetto e con passione, ma senza pietà... :thumbup:

;)

Giorgio

Avatar utente
jebstuart
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 196
Iscritto il: sabato 4 febbraio 2017, 22:41
La mia penna preferita: Parker 51
Il mio inchiostro preferito: Sailor Blue-Black Nano Pigment
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Napoli
Sesso:

La paranoia della verginità

Messaggio da jebstuart » domenica 5 novembre 2017, 19:37

netosaf ha scritto:
domenica 5 novembre 2017, 18:57
Dispiace tu stia a Napoli ed io a Pistoia altrimenti ti proponeno di vedersi per fare outing!

Stavo pensando la stessa cosa... :)

Mauro

Avatar utente
jebstuart
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 196
Iscritto il: sabato 4 febbraio 2017, 22:41
La mia penna preferita: Parker 51
Il mio inchiostro preferito: Sailor Blue-Black Nano Pigment
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Napoli
Sesso:

La paranoia della verginità

Messaggio da jebstuart » domenica 5 novembre 2017, 19:45

Musicus ha scritto:
domenica 5 novembre 2017, 19:07
... la penna stilografica è sempre maschio (senior, junior), solo la lady può essere anche femmina ...

Non sono d'accordo, caro Giorgio :)

A me sembrano irrimediabilmente femmine.
Per capirci, ammesso che costruissi penne, chiamerei il primo modello Lilith... ;)

Maruska
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1743
Iscritto il: lunedì 11 agosto 2014, 22:49
La mia penna preferita: Pilot Capless
Il mio inchiostro preferito: Bleu Nuit J. Herbin
Misura preferita del pennino: Medio
Località: imperia (provincia)
Sesso:

La paranoia della verginità

Messaggio da Maruska » domenica 5 novembre 2017, 20:12

Divertente questa discussione :lol:
Io ho il problema opposto, devo per forza caricare tutte le penne che compro!
Poi le scarico, e le metto a riposo, ma di penne "vergini" non ne ho, anzi sì ne ho qualcuna, ma solo perché sono 4 Eco identiche alle altre che già posseggo e che tengo di riserva: nonsisamai
:clap:
Maruska
L’egoismo non consiste nel vivere come ci pare ma nell’esigere che gli altri vivano come pare a noi.
(Oscar Wilde)

Avatar utente
fab66
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 1618
Iscritto il: mercoledì 31 ottobre 2012, 19:27
La mia penna preferita: Doric che non ho regalato a 8
Il mio inchiostro preferito: pelikan 4001
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Cecina
Sesso:

La paranoia della verginità

Messaggio da fab66 » lunedì 6 novembre 2017, 22:09

netosaf ha scritto:
domenica 5 novembre 2017, 18:57
Caro Jebstuart,
comunque siamo abbastanza emarginati e colpevolizzati dalla maggior parte del popolo stilografico!
Dispiace tu stia a Napoli ed io a Pistoia altrimenti ti proponeno di vedersi per fare outing!
Penso però che ci siano dei vili in questo forum che non osano dichiarare la nostra malattia.

s
In considerazione del fatto che io a Pistoia invece vengo tutti i santi giorni sono pronto al sacrificio: portamele che ci penso io :twisted: :mrgreen:
Fabrizio

Polemarco
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 244
Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2017, 13:37
Sesso:

La paranoia della verginità

Messaggio da Polemarco » lunedì 6 novembre 2017, 23:09

La singolarità della quaestio richiede una risposta in esametri, da leggere con la voce impostata di Gassman:

Che la penna sia un simbolo fallico
È questione ben chiara agli umani
Non occor mai confonder l’idea
dello stil coi più dolci talàmi.

Cordialità
Polemarco
Ultima modifica di Polemarco il martedì 7 novembre 2017, 6:22, modificato 2 volte in totale.

Avatar utente
alfredop
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2060
Iscritto il: martedì 30 dicembre 2008, 17:48
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 061
Fp.it Vera: 002
Località: Napoli
Sesso:

La paranoia della verginità

Messaggio da alfredop » lunedì 6 novembre 2017, 23:59

Metti questo thread insieme a quello degli acquisti compulsivi (ed anche a qualcun altro magari) e si capisce perchè in questo forum capitano studenti di psicologia, psichiatria, etc. etc. in cerca di materiale per la tesi :D :D :D

Alfredo
“Andare all’inferno è facile . C’è una scala. Scendi il primo gradino. Poi scendi il secondo. Poi scivoli." (Leo Ortolani, Rat-Man n. 91)

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 9413
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

La paranoia della verginità

Messaggio da maxpop 55 » martedì 7 novembre 2017, 14:06

alfredop ha scritto:
lunedì 6 novembre 2017, 23:59
Metti questo thread insieme a quello degli acquisti compulsivi (ed anche a qualcun altro magari) e si capisce perchè in questo forum capitano studenti di psicologia, psichiatria, etc. etc. in cerca di materiale per la tesi :D :D :D

Alfredo
Alfredo, dici la verità stai scrivendo un nuovo libro sull' impatto matematico delle penne sull'economia dei soggetti iscritti a Fountainpen.it.
:lol: :lol:
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

sansenri
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 43
Iscritto il: mercoledì 27 gennaio 2016, 0:43
Fp.it Vera: 032
Sesso:

La paranoia della verginità

Messaggio da sansenri » mercoledì 8 novembre 2017, 1:27

sto ridendo come un matto a leggere questo thread :lol:
non c'è dubbio che in parte è una sindrome da troppe penne...
io (forse l'ho detto altrove, ma lo riracconto in breve) mi facevo scrupoli a usare la Omas 361 appartenuta a mio nonno, ma mio padre quando me la regalò, affidandomela poco prima di morire, mi disse che lui si era pentito, perchè anche lui, essendo di suo padre, l'aveva conservata a lungo senza mai usarla, e ora se ne amareggiava. "una penna che non scrive è come un orologio che non cammina, è inutile" mi disse, è così che io mi faccio forza e anche le bellissime le porto al ballo!
Semmai il mio problema è un altro...ne ho parecchie, e alcune sono NOS, e accidenti... a volte non ricordo dove le ho messe! :D

piobove
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 146
Iscritto il: giovedì 21 aprile 2016, 18:21
La mia penna preferita: Lamy 620e
Il mio inchiostro preferito: Rohrer & Klingner
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it 霊気: 122
Località: Firenze
Sesso:

La paranoia della verginità

Messaggio da piobove » mercoledì 8 novembre 2017, 7:31

Una penna nuova va sverginata subito. Altrimenti si rischia di trovarsi tra le mani un chiodo, quando, nelle grandi occasioni, si vuole mettere una firma speciale. Tutte le penne devono scrivere e tutte le penne hanno bisogno di un po' di rodaggio. Quindi bisogna lavare bene una penna nuova (o usata dopo molti anni) dopo utilizzare un'intera cartuccia (o 1 ml di inchiostro) scrivendo su qualche foglio. DOPO si può conservare la penna, lavandola bene, asciugandola e magari lucidandola, in qualche cassettino, avvolta eventualmente in un sacchetto di velluto. :angel:

netosaf
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 324
Iscritto il: giovedì 31 dicembre 2015, 9:04
La mia penna preferita: Omas extra lucens
Il mio inchiostro preferito: tutti i blue
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it 霊気: 054
Località: Pistoia
Sesso:

La paranoia della verginità

Messaggio da netosaf » mercoledì 8 novembre 2017, 10:07

Intervengo di nuovo perché si sta andando fuori dal tema originale o comunque dal concetto che volevo condividere.
E' scontato che le penne attuali acquistate debbono essere usate e quindi prima possibile sverginate altrimenti si rischia di ribadire inutilmente una serie di concetti scontati (le penne servono per scrivere e non per rimirarle, le penne vanno usate ecc.).
Il mio ragionamento è stato ben interpretato da Jebstuart :

E' del tutto logico che la sindrome si appalesi solo se hai a che fare con una vera NOS (quindi con un "nuovo" d'epoca) e non con un banale nuovo contemporaneo, visto che la psicodinamica del disturbo risiede proprio nel non "deflorare" qualcosa che potresti non ritrovare mai più in quello stato, mentre del nuovo ancora in produzione puoi sempre comprare un'altro esemplare.

Saluti

stefano

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 10047
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Sesso:
Contatta:

La paranoia della verginità

Messaggio da piccardi » mercoledì 8 novembre 2017, 15:41

netosaf ha scritto:
mercoledì 8 novembre 2017, 10:07
Intervengo di nuovo perché si sta andando fuori dal tema originale o comunque dal concetto che volevo condividere.
Si, mi pare che l'attenzione si stia spostando sul nuovo, per il quale il discorso di conservazione senza uso per me non ha senso, ma io non colleziono il nuovo e manco lo compro...

Sull'antico ripeto quello che ho già detto: compromettere irrimediabilmente lo stato originale di un oggetto antico è una azione che non riesco a concepire. Per questo, visto che le penne mi piace usarle, evito (salvo occasioni clamorose, che non ho più visto da anni) l'aggravio di spesa di comprare un NOS antico, e prendo sempre penne che posso usare senza patemi d'animo.

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Rispondi