Mamma, ho perso la penna!

Per fare due chiacchiere insieme su argomenti vari
talpons
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 168
Iscritto il: sabato 8 gennaio 2011, 2:49
La mia penna preferita: Visconti HS
Il mio inchiostro preferito: S.T. Doupont bleu royal
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Novara

Mamma, ho perso la penna!

Messaggio da talpons » sabato 7 settembre 2013, 1:43

Rogozin ha scritto:
Rogozin ha scritto:In effetti questo tipo di post più che nell'area relax dovrebbe essere inserito nell'area stress.

E' successo credo a molti di noi prima o poi: penne che scompaiono senza lasciare traccia, biglietti d'addio o prove di qualsiasi tipo. Semplicemente scompaiono.
Non possiamo fare una stima di quante penne l'anno, nel mondo, vengono perse, anche perché spesso i proprietari non si rassegnano all'idea e continuano a pensare che prima o poi la penna smarrita si pentirà e tornerà all'ovile, ma il fenomeno è rilevante e merita più risonanza da parte dei media internazionali.

A me è successo (parte dell'ovile esclusa) con una Visconti Rembrandt. La usavo solo a casa e nello studio (dove ci sono solo io), un giorno si è semplicemente volatilizzata. Forse non si trovava bene, forse ha trovato un altro, forse è stata rapita, forse si trova sulla luna dove notoriamente vanno le cose smarrite.
Tutto sommato il danno è stato relativo, ma era comunque il regalo di una persona a cui tenevo.

A voi è mai successo? Com quale penna?
Il post è dell'anno scorso, la penna mi pare del 2008 o giù di lì. Aveva un certo valore affettivo... ancora non sapevo quasi nulla del mondo delle stilografiche, mondo del quale rimango tuttora un entusiasta profano, però me l'aveva regalata "a caso" una ragazza che frequentavo allora. Non le avevo mai parlato del mio interesse per le stilografiche, parimenti Visconti per me era un nome che vedevo spesso passando dal negozio del centro e niente di più.

Quella penna mi consentì di conoscere, visto che avevo bisogno di un converter (quel coso lungo che si svita e avvita, per me il nome era più o meno quello), il sig. Quercia, venditore storico di Visconti e gran personaggio che tra l'altro mi iniziò al mondo delle stilografiche: pur consapevole della mia condizione sostanzialmente di pezzente, mi dedicava un sacco di tempo tra spiegazioni e racconti pur sapendo che difficilmente avrei comprato qualcosa.

Poi gli anni son passati, qualche passo avanti l'ho fatto e qualche penna l'ho pure comprata. Ma per me quella Rembrandt, mentre sbiadiva il ricordo della tizia che me l'aveva regalata, rimaneva un momento di umile ingresso in questo mondo.

Poi succede che risenti quella ragazza (e ti metti a scrivere in seconda persona ma non te ne importa nemmeno granchè): sono passati gli anni, vedi che lei si aggrappa disperatamente a quella bellezza che crede stia svanendo ma che in realtà è sempre lì, ti vien voglia di appianare vecchi contrasti, rancori e rotture. Vien voglia di dire "si, alla fine sono stato difficile da gestire, ma nel mio analfabetismo emotivo ti amavo per davvero". E incredibilmente lo fai. E scopri che la cosa è reciproca e lo è sempre stata, serenamente puoi continuare a vivere il tuo presente con chi ti accompagna, con un nodo in meno e altrettanto farà lei.

E poi succede che il giorno dopo ritrovi quella Rembrandt...
Sembra un finale di quelli che solo la celluloide americana può dare.
Il ritorno del vecchio amore ed in contemporanea il ritorno della penna che lo simboleggia.
Che dire: auguri per il tuo futuro, e cerca di non perdere più le penne.
Andrea.
Lo scrivere è un ozio affaccendato
Goethe
Immagine
Immagine

ander75it
Levetta
Levetta
Messaggi: 530
Iscritto il: lunedì 3 giugno 2013, 11:38
La mia penna preferita: Lamy 2000
Il mio inchiostro preferito: R&K Blu Mare
Misura preferita del pennino: Flessibile
Fp.it ℵ: 012
Località: Genova

Mamma, ho perso la penna!

Messaggio da ander75it » sabato 7 settembre 2013, 8:44

A me hanno salpato una biro Waterman al lavoro... Era un regalo e mi è dispiaciuto. Per le stilo invece non ci sono grossi problemi, in azienda siamo due a saperle usare, quindi se una scompare so dove recuperarla :)
Ander
@=

Mobilis in mobile
Immagine

Gustav
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 181
Iscritto il: venerdì 3 maggio 2013, 15:21
La mia penna preferita: Sailor 1911
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Roma

Mamma, ho perso la penna!

Messaggio da Gustav » sabato 7 settembre 2013, 8:56

Una biro Montblanc... Mi è dispiaciuto perché era un regalo importante e perché, come biro, era perfetta. Penso che molte penne si nascondano nelle fodere delle giacche, passando dai fori delle tasche che a volte contribuiscono a creare.

Avatar utente
sangrisano
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 137
Iscritto il: martedì 5 febbraio 2013, 8:59
La mia penna preferita: Sailor Profit 1911
Il mio inchiostro preferito: Diamine Teal, Waterman Purple
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Sumirago (Varese)

Mamma, ho perso la penna!

Messaggio da sangrisano » domenica 8 settembre 2013, 10:54

Personalmente sento la mancanza di due penne, anzi: una penna e mezzo... ;)
Di una Parker (credo una 21) con cappuccio in oro, regalatami per la prima comunione, mi è rimasto solo il cappuccio: non ho la più pallida idea di dove sia finita la penna, o se qualcuno l'abbia presa. Semplicemente è evaporata.
La seconda, intera, era una penna a sfera Cross in oro, avuta come premio dall'azienda per cui lavoro. Devo ammettere che le penne troppo sottili (e la Cross è la penna sottile per eccellenza) non mi piacciono molto, non le sento in mano, quindi può essere stata 'presa in prestito' da un collega, oppure il mio subconscio l'ha smarrita volontariamente...
Fatto sta che della prima mi dispiace molto, della seconda per nulla.
Sono rimasto per qualche ora senza connessione Internet, e ho conosciuto delle persone stupende qui a casa.
Dicono di essere la mia famiglia.
Immagine

OokamiKirai
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 46
Iscritto il: domenica 12 maggio 2013, 21:08
La mia penna preferita: Twsbi Diamond 580
Il mio inchiostro preferito: Aurora black ink
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Como
Contatta:

Mamma, ho perso la penna!

Messaggio da OokamiKirai » domenica 8 settembre 2013, 22:52

Penne? Solo penne? Vogliamo parlare delle candide gomme nuove, delle matite, dei temperini, dei pastelli, oppure, cosa che mi ha fatto rodere il fegato per anni, il furto delle mie fantastiche squadre dei Pink Floyd ?!?! Furti, sparizioni, rapimenti alieni, .. le cose scompaiono sempre! Questo è e rimarrà sempre il più grande mistero: il mondo fagocita le cose che ci stanno a cuore? :?
« Ricorda, ricorda, il 5 Novembre.
Polvere da sparo, tradimento e complotto.
Non vedo alcuna ragione per cui la Congiura delle Polveri dovrebbe mai essere dimenticata! »




Ookami Kirai

Avatar utente
iskander66
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 209
Iscritto il: martedì 6 agosto 2013, 11:40
La mia penna preferita: Waterman Allure Matte Black
Il mio inchiostro preferito: Diamine Mediterranean Blue
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Cagliari

Mamma, ho perso la penna!

Messaggio da iskander66 » lunedì 9 settembre 2013, 17:03

Una bellissima penna a sfera della Ferrari, rossa e oro, regalo di mia zia. Neoassunto la lasciai imprudentemente sulla scrivania dell'ufficio inconsapevole che in reparto svolazzasse una "gazza", uccellaccio femminile che ben altri colpi riuscì a mettere a segno prima di essere cacciato dal reparto e destinato ad altro incarico. Purtroppo nella P.A. uno può fare praticamente qualunque cosa senza rischiare alcunché. La cosa "divertente" è che un mese e mezzo fa mi sono ritrovato la "gazza" nel nuovo ufficio in cui lavoro e l'ho colta con le mani nel mio portafoglio... :twisted: Non è riuscita a rubarmi niente così le ho solo lanciato uno sguardo talmente carico di maledizioni che se solo l'un per cento di esse va a segno, per la disgraziata la vedo veramente molto dura arrivare alla pensione. Da allora, ufficio rigorosamente chiuso a chiave anche per pochi minuti... :lol:
Il linguaggio è lo strumento più potente che Dio ci abbia dato. E la stilografica è il miglior mezzo per usarlo

Alessandro, utente n.° 1.317

Avatar utente
Rogozin
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 973
Iscritto il: lunedì 6 giugno 2011, 13:53
La mia penna preferita: Homo Sapiens
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Firenze

Mamma, ho perso la penna!

Messaggio da Rogozin » mercoledì 11 settembre 2013, 13:50

iskander66 ha scritto:Una bellissima penna a sfera della Ferrari, rossa e oro, regalo di mia zia. Neoassunto la lasciai imprudentemente sulla scrivania dell'ufficio inconsapevole che in reparto svolazzasse una "gazza", uccellaccio femminile che ben altri colpi riuscì a mettere a segno prima di essere cacciato dal reparto e destinato ad altro incarico. Purtroppo nella P.A. uno può fare praticamente qualunque cosa senza rischiare alcunché. La cosa "divertente" è che un mese e mezzo fa mi sono ritrovato la "gazza" nel nuovo ufficio in cui lavoro e l'ho colta con le mani nel mio portafoglio... :twisted: Non è riuscita a rubarmi niente così le ho solo lanciato uno sguardo talmente carico di maledizioni che se solo l'un per cento di esse va a segno, per la disgraziata la vedo veramente molto dura arrivare alla pensione. Da allora, ufficio rigorosamente chiuso a chiave anche per pochi minuti... :lol:
Sguardo? Il licenziamento per giusta causa ci sta tutto.
Roba da pazzi...

Avatar utente
maczadri
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 812
Iscritto il: martedì 11 giugno 2013, 12:09
La mia penna preferita: Mont Blanc Meisterstuck 146
Il mio inchiostro preferito: Alla ricerca del definitivo
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Castano Primo (MI)

Mamma, ho perso la penna!

Messaggio da maczadri » mercoledì 11 settembre 2013, 14:23

Nel mio di ufficio non sarebbe più entrata ;)
Luca

Fenice

Mamma, ho perso la penna!

Messaggio da Fenice » giovedì 12 settembre 2013, 9:24

Prima io avrei tentato la strada formale della "Lettera al Dirigente", debitamente protocollata (trattenendo una copia con il "ricevuto in data ...").
Il Dirigente ovviamente qualcosa deve fare ...
Se non fa nulla e succede di nuovo un episodio di quel tipo, la precedente inerzia del Dirigente gli tornerebbe indietro come un boomerang!

Alternativa:
- fiancata della macchina della "gazza" + chiavi (ti dice qualcosa?)
- cacciavite + pneumatici (ma aspetta che siano quelli nuovi, magari gli invernali quando ha appena iniziato a "ghiacciare"). Mi raccomando ... tutti e 4! :D

Avatar utente
iskander66
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 209
Iscritto il: martedì 6 agosto 2013, 11:40
La mia penna preferita: Waterman Allure Matte Black
Il mio inchiostro preferito: Diamine Mediterranean Blue
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Cagliari

Mamma, ho perso la penna!

Messaggio da iskander66 » giovedì 12 settembre 2013, 10:52

Non mi crederete ma vi dico che non c'è stato niente da fare. Sono state fatte lettere e comunicazioni ma niente, questa, ovunque vada continua a rubare infatti, alla fine, è stata messa alla reception ove non può rubare niente. Nel mio caso ultimo è venuta all'ufficio del personale, ove qualunque dipendente può accedere, per un'informazione e avrà pensato bene di tenersi in allenamento. Ci sono stati casi di giustizia fai da te da parte di suoi ex-colleghi e le fiancate e gli pneumatici sono già stati presi in debita considerazione... :twisted: Di sicuro la tipa deve avere un fascicolo personale pessimo ma evidentemente il fatto di essere una ladra acclarata non basta per essere licenziata da un'Azienda Ospedaliera. Misteri della Pubblica Amministrazione. Vi dico solo che un commesso dell'Azienda è in carcere per rapina e spaccio di stupefacenti e, nonostante tutto, conserva - almeno per il momento - il posto, pur se a zero stipendio.

Ps. ora penserete che lavoro in un posto orribile... :o invece no, sono solo 2 pecoracce nere su più di 2.200 dipendenti... :lol:

Pps. a Cagliari è quasi impossibile che ghiacci... :mrgreen:
Il linguaggio è lo strumento più potente che Dio ci abbia dato. E la stilografica è il miglior mezzo per usarlo

Alessandro, utente n.° 1.317

gbiotti
Levetta
Levetta
Messaggi: 527
Iscritto il: mercoledì 27 marzo 2013, 15:19
La mia penna preferita: Adesso, Aleph
Il mio inchiostro preferito: Adesso, Marlen Verde
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Arte Italiana FP.IT M: 036
Fp.it ℵ: 028
Località: Provincia di Pisa

Mamma, ho perso la penna!

Messaggio da gbiotti » giovedì 12 settembre 2013, 11:19

Tutto il mondo va in giro a fare foto e filmini con il telefonino per poi metterli su facebook, ma mai nessuno che l'abbia prontamente disponibile quando serve.
Se riuscite a filmarla, prove alla mano, bella denuncia alle forze dell'ordine e vediamo come va a finire; soprattutto se in precedenza ci sono state delle proteste formali ben argomentate e, come dice Barbara, protocollate.

Poi ti svegli e ti ricordi di essere in Italia dove, per assurdo, quello ad avere maggiori problemi saresti tu.

Bah!

Geraldo.

Avatar utente
Phormula
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3190
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Delta "Phormula"
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano

Mamma, ho perso la penna!

Messaggio da Phormula » giovedì 12 settembre 2013, 14:55

Mi dispiace per la perdita, è il motivo per cui non tengo mai penne (o altra oggettistica di valore) in ufficio.
Per carattere non riesco a vivere in un mondo in cui qualsiasi cosa è chiusa a chiave.
Fenice ha scritto: Alternativa:
- fiancata della macchina della "gazza" + chiavi (ti dice qualcosa?)
- cacciavite + pneumatici (ma aspetta che siano quelli nuovi, magari gli invernali quando ha appena iniziato a "ghiacciare"). Mi raccomando ... tutti e 4! :D
Alternativa B, come Bastarda (dentro, fuori e anche sulla frontiera)

- Con una chiave inglese da 10 allenti i dadi di spurgo dei tubi dei freni della macchina o della moto.

Ci sono due varianti, o li sviti del tutto, e il malcapitato appena mette in moto la macchina e tocca il pedale del freno si trova completamente senza, oppure li allenti quasi del tutto, le vibrazioni e le ondate di pressione faranno il resto e il poveretto si troverà, da qualche parte in qualche punto, in un futuro più o meno remoto, completamente senza freni... :shock:

Nell'azienda in cui lavoravo fecero questo scherzo ad uno dei capi, nella prima variante.
Uscendo dal cancello aziendale, finì con il muso della macchina piantato nel fosso dall'altro lato della strada.
Il responsabile dell'azione, nonostante la denuncia, non venne mai scoperto, e il tizio chiese il trasferimento il giorno dopo.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Andrea_R

Mamma, ho perso la penna!

Messaggio da Andrea_R » giovedì 12 settembre 2013, 15:47

Io sono il dichiarato ladro di una penna... dopp che il mio compagno di banco mi ha distrutto la Reform ho preso "in prestito" la sua :lol:
@Phormula sei uno che non vorrei mai far arrabbiare :shock:

Avatar utente
iskander66
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 209
Iscritto il: martedì 6 agosto 2013, 11:40
La mia penna preferita: Waterman Allure Matte Black
Il mio inchiostro preferito: Diamine Mediterranean Blue
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Cagliari

Mamma, ho perso la penna!

Messaggio da iskander66 » sabato 14 settembre 2013, 13:57

Oddio, sabotare i freni della macchina mi sembra un po' esagerato, considerando che ci potrebbe andare di mezzo un pedone innocente. Preferisco sputtanarla presso chi non la conosce. Un cordone "sanitario", :lol: visto che lavoro in ospedale, mi sembra la cosa migliore.
Il linguaggio è lo strumento più potente che Dio ci abbia dato. E la stilografica è il miglior mezzo per usarlo

Alessandro, utente n.° 1.317

Avatar utente
rbocchuzz
Levetta
Levetta
Messaggi: 514
Iscritto il: venerdì 14 settembre 2012, 14:50
La mia penna preferita: La prossima che comprerò
Il mio inchiostro preferito: Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it ℵ: 134
Fp.it 霊気: 029
Località: Avellino
Sesso:

Mamma, ho perso la penna!

Messaggio da rbocchuzz » mercoledì 18 settembre 2013, 22:12

Fortunatamente non ho ancora perso nessuna stilografica ... salvo aver dimenticato che avevo spostato da un cassetto a un altro un tre 88 vintage, una Capri Day, una Rembrandt e qualcos'altro, ho ritrovato il tutto la settimana scorsa.

Invece di biro un bel po' sono divenate M.I.A., vado a ritroso 2 Waterman Allure, la prima ricevuta in regalo, la seconda comprata in quanto mi era dispiaciuto perdere la prima, adesso ho preso la stilo Allure che pare resista.

Andando ancora indietro c'è un Jotter Parker, e altre 2 Aurora di cui non ricordo i modelli.
La dinamica è stata sempre la stessa, in una pausa d'uso sono restate sole sulla scrivanie di clienti, dal direttore di stabilimento al gabbiotto dei caporeparto nella zona produttiva.

Analizzando i due fenomeni azzardo un'ipotesi, forse nel secondo caso il senso di soliudune le ha portate ad allontanarsi e non sono riuscite a ritrovare la via del ritorno.

Rispondi