Rotring Isograph

Tutto ciò che serve per scrivere... e tanto altro!
Rispondi
Avatar utente
Linos
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 252
Iscritto il: sabato 12 agosto 2017, 9:48
La mia penna preferita: Aurora 88 (Nizzoli)
Località: Asti
Sesso:

Rotring Isograph

Messaggio da Linos » lunedì 25 febbraio 2019, 19:44

Una curiosità... ho comprato al mercatino per qualche moneta due Isograph (1.0 e 0.5 mm.) e una sezione Koh-I-Noor 0.5 mm., vorrei sapere se è possibile usare qualche tipo di inchiostro da stilografica e se possono funzionare.
Vi prego non rispondetemi prova :D
Allegati
DSC07521.JPG

Sanciok
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 76
Iscritto il: domenica 16 ottobre 2016, 12:17
La mia penna preferita: Aurora Hastil
Il mio inchiostro preferito: J. Herbin Vert Empire
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Venezia
Sesso:

Rotring Isograph

Messaggio da Sanciok » lunedì 25 febbraio 2019, 19:56

FB4E04C8-8869-499B-8EF5-5CE65D50F6AB.jpeg
Inchiostro di china!

Sanciok

Avatar utente
Linos
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 252
Iscritto il: sabato 12 agosto 2017, 9:48
La mia penna preferita: Aurora 88 (Nizzoli)
Località: Asti
Sesso:

Rotring Isograph

Messaggio da Linos » lunedì 25 febbraio 2019, 19:59

OK, ma quella è china per disegno tecnico, domandavo se c'è qualche inchiostro per stilografica :) :thumbup:

VincenzoDG
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 65
Iscritto il: martedì 2 ottobre 2018, 22:14

Rotring Isograph

Messaggio da VincenzoDG » martedì 26 febbraio 2019, 0:48

Salve.
Ho usato quelle penne per lunghi anni all’università (ingegneria).
Ovviamente ci disegnavo ma è possibile anche scriverci.
La loro peculiarità è che hanno un tratto di spessore costante (ed é proprio per questo, assieme al fatto di usare la china ossia un inchiostro indelebile, nerissimo, e utilizzabile anche sui lucidi, che li faceva assurgere a strumenti propri del disegno tecnico).
Premesso quanto sopra, una domanda:
Posto che restituendo un tratto di spessore costante perderesti parte del fascino della scrittura stilografica, perché vuoi usare un inchiostro stilografico e non proprio la china?
Così come usare la china in una stilografica intaserebbe l’alimentatore, sospetto che qualunque inchiostro per stilografica sia troppo fluido per queste penne tecniche.

Avatar utente
Linos
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 252
Iscritto il: sabato 12 agosto 2017, 9:48
La mia penna preferita: Aurora 88 (Nizzoli)
Località: Asti
Sesso:

Rotring Isograph

Messaggio da Linos » martedì 26 febbraio 2019, 9:15

Grazie Vincenzo per le tue giuste considerazioni, come ho scritto è più una curiosità che una reale necessità :thumbup:

Avatar utente
alfredop
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2570
Iscritto il: martedì 30 dicembre 2008, 17:48
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 061
Fp.it Vera: 002
Località: Napoli
Sesso:

Rotring Isograph

Messaggio da alfredop » martedì 26 febbraio 2019, 9:30

Comunque io l'esperimento l'ho fatto, ed in effetti l'inchiostro stilografico funziona bene anche in queste penne. :thumbup:

Alfredo
“Andare all’inferno è facile . C’è una scala. Scendi il primo gradino. Poi scendi il secondo. Poi scivoli." (Leo Ortolani, Rat-Man n. 91)

Scriptor
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 93
Iscritto il: martedì 20 febbraio 2018, 9:34
La mia penna preferita: Quella che uso al momento
Il mio inchiostro preferito: Quello nella penna preferita
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Varese
Sesso:

Rotring Isograph

Messaggio da Scriptor » martedì 26 febbraio 2019, 11:14

Faccio un'altra osservazione, avendo anch'io usato i "rapidi" per lunghi anni: per farli scrivere, la punta deve sostanzialmente restare perpendicolare rispetto al foglio, con un angolo di tolleranza di pochi gradi. Insomma, scrivere con questi attrezzi da disegno tecnico risulterebbe molto faticoso.

Poi, un'osservazione sul sistema di funzionamento: la punta altro non è che un tubicino cavo, con all'interno un filo metallico che sporge leggermente dalla punta, circa mezzo millimetro o meno. Questo filo nella parte interna è attaccato a un peso cilindrico più largo, che lo mantiene in posizione quando la penna è verticale, e contemporaneamente chiude dall'interno il tubicino.
Quando si poggia la punta sulla carta, il filo rientra leggermente sollevando il peso interno, e liberando così il flusso dell'inchiostro. Questo meccanismo, inoltre, rimuove eventuali piccoli intasamenti nella punta, causati dall'inchostro di china essiccato (ovviamente, se non vi sono grosse incrostazioni).

Penso che questo meccanismo "aperto/chiuso" possa rendere utilizzabile senza gocciolamenti anche un inchiostro stilografico, purché non troppo fluido e con punte di diametro non troppo largo. È comunque una sorta di ripiego, perché questi oggetti sono stati progettati appositamente per gli inchiostri di china. ;)

Avatar utente
Linos
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 252
Iscritto il: sabato 12 agosto 2017, 9:48
La mia penna preferita: Aurora 88 (Nizzoli)
Località: Asti
Sesso:

Rotring Isograph

Messaggio da Linos » martedì 26 febbraio 2019, 22:52

Grazie a tutti delle informazioni e pareri.
La curiosità si sta trasformando in voglia di provare, vi terrò informati. :thumbup:

Avatar utente
Iorek
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 153
Iscritto il: lunedì 30 maggio 2016, 21:24
La mia penna preferita: Aurora 88 Nizzoli
Il mio inchiostro preferito: Diamine Classic Green
Misura preferita del pennino: Fine
Località: provincia di TO
Sesso:

Rotring Isograph

Messaggio da Iorek » mercoledì 27 febbraio 2019, 13:11

Da vecchio utilizzatore scolastico di "rapidi" (liceo, a ingegneria disegnavamo solo a matita, per quel poco che facevano fare a noi elettronici), aggiungo che un inchiostro stilo idrosolubile ridurrebbe i problemi di essiccazione irreversibile della china.
Se penso a quanti puntali 0.1 ho dovuto gettar via, nonostante li lavassi dopo ogni uso...

Igorscripta
Converter
Converter
Messaggi: 16
Iscritto il: martedì 13 novembre 2018, 23:01
La mia penna preferita: Montegrappa Merry Skull
Il mio inchiostro preferito: Pilot Asa-Gao
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Arese
Sesso:

Rotring Isograph

Messaggio da Igorscripta » giovedì 28 febbraio 2019, 13:09

Anche io da poco ho recuperato tre Rapidograph incrostati da anni (prezzo della confezione ancora in lire).
Ebbene, ci ho messo una settimana di ammollo, sciacqui e molta, moltissima pazienza. Ma ce l’ho fatta :) Non vi nascondo la soddisfazione a vederli funzionare ancora - io però mi sono procurato le cartucce originali.
Non volevo rischiare “allagamenti” con inchiostri stilografici.

Rispondi