Converter per Kaweco DIA. Anche a Norimberga si distraggono...

Tutto ciò che serve per scrivere... e tanto altro!
Avatar utente
Phormula
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2857
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Delta "Phormula"
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano
Sesso: Non Specificato

Converter per Kaweco DIA. Anche a Norimberga si distraggono...

Messaggio da Phormula » lunedì 4 dicembre 2017, 19:02

jebstuart ha scritto:
lunedì 4 dicembre 2017, 15:12
Phormula ha scritto:
lunedì 4 dicembre 2017, 12:45
Kaweco non produce in proprio.
Probabilmente il roller e la stilografica si distinguono solo per la sezione.
Il produttore fornisce fusto, cappuccio e sezioni separate, che vengono assemblate in stilografiche o roller a seconda della domanda.
Capito. Qualcuno poteva però prendersi la briga di collaudare l'insieme fusto-converter. Mi pare sciatto commercializzare un prodotto malfunzionante.
Bisognerebbe capire se è un caso, e allora qualcuno ha sbagliato, o se tutte le Dia hanno la molla.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2047
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

Converter per Kaweco DIA. Anche a Norimberga si distraggono...

Messaggio da Musicus » martedì 5 dicembre 2017, 0:40

jebstuart ha scritto:
lunedì 4 dicembre 2017, 15:12
Phormula ha scritto:
lunedì 4 dicembre 2017, 12:45
Kaweco non produce in proprio.
Probabilmente il roller e la stilografica si distinguono solo per la sezione.
Il produttore fornisce fusto, cappuccio e sezioni separate, che vengono assemblate in stilografiche o roller a seconda della domanda.
Capito. Qualcuno poteva però prendersi la briga di collaudare l'insieme fusto-converter. Mi pare sciatto commercializzare un prodotto malfunzionante.
Beh, Jeb, ma fosse solo questo... :?
Rispondo in questa sede alla domanda di Luigi/Lucre:
《...mi sono reso conto che non mi ricordo ( o forse non ho mai saputo ) cosa significhi DIA, ammesso che significhi qualcosa...》
Io direi che la Kaweco con il suo primo modello a pistone (1934) cercava di copiare il sistema e possibilmente il successo ottenuto dalla Pelikan con la sua "trasparente" (modello 100 del 1929).
874px-1930-09-Pelikan-100.jpg
In questa mia Ad del Settembre 1930 si vede bene che ciò che colpiva il pubblico era la possibilità di vedere il livello dell'inchiostro. Dall'inizio degli anni Trenta tutte i Produttori mondiali dovettero, volenti o nolenti, fare i conti con la "trasparenza", brevettando come trade marks i nomi più suggestivi in questo senso: da lucens a television, da inkview a grand visible... Dia, dal greco "attraverso", vocabolo utilizzato come prefisso in molte parole (anche di fresco conio) come nell'italiano diafano, rispondeva perfettamente all'esigenza di....trasparenza di Kaweco.
Quello che è per me intollerabile, e torno al punto, è vedere che la Dia del 1934 attraverso la cui finestra di ispezione si poteva guardare l'inchiostro residuo, oggi è completamente opaca :mrgreen: e va svitata per guardare un converter (proprietario, che nemmeno resta avvitato :thumbdown: ): poi magari si stupiscono che uno si butta a capofitto sul vintage... 8-)

Giorgio

Avatar utente
jebstuart
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 142
Iscritto il: sabato 4 febbraio 2017, 22:41
La mia penna preferita: ... non saprei ...
Il mio inchiostro preferito: Blu, Verdi e Grigi
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Napoli
Sesso: Uomo

Converter per Kaweco DIA. Anche a Norimberga si distraggono...

Messaggio da jebstuart » martedì 5 dicembre 2017, 7:08

Musicus ha scritto:
martedì 5 dicembre 2017, 0:40
Quello che è per me intollerabile, e torno al punto, è vedere che la Dia del 1934 attraverso la cui finestra di ispezione si poteva guardare l'inchiostro residuo, oggi è completamente opaca :mrgreen: e va svitata per guardare un converter (proprietario, che nemmeno resta avvitato :thumbdown: ): poi magari si stupiscono che uno si butta a capofitto sul vintage... 8-)

Giorgio
Sottoscrivo, parola per parola ... :)

Rispondi