Il sorpasso: quando la biro prese il sopravvento

Note storiche sulle penne stilografiche e sui loro produttori. Aneddoti e curiosità.
Rispondi
kircher
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 907
Iscritto il: martedì 4 novembre 2014, 5:44
Località: Firenze/Londra

Il sorpasso: quando la biro prese il sopravvento

Messaggio da kircher » mercoledì 6 febbraio 2019, 23:55

Scartabellando nell'annuario statistico inglese del 1968 (Annual abstract of statistics del Central Statistical Office, n 105, 1968), mi sono imbattuto in questa tabella:
IMG_20190204_122921838.jpg
Penne!
È già singolare, rispetto ai nostri tempi, che penne e affini abbiano una tabella sé, anche se piccolina.
Ma più interessante è vedere l'anno del sorpasso, quando in Gran Bretagna s'iniziò a produrre più biro che stilografiche.

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8851
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Il sorpasso: quando la biro prese il sopravvento

Messaggio da Irishtales » giovedì 7 febbraio 2019, 7:44

Magnifica scoperta! Grazie per averla condivisa.
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

thepanz66
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 46
Iscritto il: lunedì 5 febbraio 2018, 13:52

Il sorpasso: quando la biro prese il sopravvento

Messaggio da thepanz66 » giovedì 7 febbraio 2019, 8:32

molto interessante, grazie! :thumbup:

Avatar utente
marco077
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 100
Iscritto il: domenica 6 gennaio 2019, 1:49
La mia penna preferita: Aurora Hastil
Il mio inchiostro preferito: Diamine Royal blue
Misura preferita del pennino: Fine
Sesso:

Il sorpasso: quando la biro prese il sopravvento

Messaggio da marco077 » giovedì 7 febbraio 2019, 17:06

Solo gli Inglesi potevano tenere traccia di queste cose :D . Comunque mi associo, statistica simpatica ed interessante.

Iridium
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 46
Iscritto il: giovedì 25 ottobre 2018, 5:52
La mia penna preferita: Pelikan M200 Marbled Green
Il mio inchiostro preferito: Rohrer & Klingner Scabiosa
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Palermo

Il sorpasso: quando la biro prese il sopravvento

Messaggio da Iridium » giovedì 7 febbraio 2019, 19:23

grazie per aver condiviso :thumbup:

saluti
Fabio

Polemarco
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 370
Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2017, 13:37
Sesso:

Il sorpasso: quando la biro prese il sopravvento

Messaggio da Polemarco » giovedì 7 febbraio 2019, 20:41

kircher ha scritto:
mercoledì 6 febbraio 2019, 23:55
Scartabellando nell'annuario statistico inglese del 1968 (Annual abstract of statistics del Central Statistical Office, n 105, 1968), mi sono imbattuto in questa tabella:
IMG_20190204_122921838.jpg
È già singolare, rispetto ai nostri tempi, che penne e affini abbiano una tabella sé, anche se piccolina.
Ma più interessante è vedere l'anno del sorpasso, quando in Gran Bretagna s'iniziò a produrre più biro che stilografiche.
Attenzione: non si tratta della tabella del numero delle penne vendute ma di quella del valore complessivo degli acquisti delle biro e delle stilografiche.
Se le biro costavano unitariamente di meno di una stilografica, il sorpasso (del numero delle biro vendute rispetto alle stilografiche) potrebbe essere avvenuto prima.

Molto interessante.
Grazie
Polemarco

Avatar utente
Stormwolfie
Levetta
Levetta
Messaggi: 584
Iscritto il: lunedì 4 dicembre 2017, 16:59
La mia penna preferita: Sailor 1911
Il mio inchiostro preferito: Sailor Blue Black
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Roma
Sesso:

Il sorpasso: quando la biro prese il sopravvento

Messaggio da Stormwolfie » sabato 9 febbraio 2019, 14:51

Almeno fino al 67 le stilografiche hanno mantenuto la
loro rispettabile quota.
STEFANO

Ogni penna corre con inchiostri diversi su altrettante innumerevoli carte. Alcune scivolano rapide, altre con piena lentezza, altre grattano ritmi piacevoli. Ognuna esprime un suo carattere che lo scrittore dolcemente doma.

Rispondi