Pennini Summit: la novità del 1935

Note storiche sulle penne stilografiche e sui loro produttori. Aneddoti e curiosità.
Rispondi
A Casirati
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 984
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
La mia penna preferita: Summit S.175 bcc 1935
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Sesso: Uomo

Pennini Summit: la novità del 1935

Messaggio da A Casirati » domenica 17 settembre 2017, 18:23

S.175 - nib - closeup.JPG
Nel 1935 il marchio Summit, commercializzato dal gruppo inglese di Liverpool Lang - Curzons, decise di introdurre pennini di maggiori dimensioni, ovviamente rispetto alla propria produzione precedente.
Il nuovo pennino andò ad equipaggiare la nuova penna di punta del marchio, la S. 175 Mk. 1.
Il pennino è lungo 28 mm ed è largo 7,5 mm, mentre il suo alimentatore misura 46 mm per 5,25 mm.
SDC16021.JPG
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 7629
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso: Uomo

Pennini Summit: la novità del 1935

Messaggio da maxpop 55 » domenica 17 settembre 2017, 18:32

Bel pennino :thumbup:
E' flex ?
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

A Casirati
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 984
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
La mia penna preferita: Summit S.175 bcc 1935
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Sesso: Uomo

Pennini Summit: la novità del 1935

Messaggio da A Casirati » lunedì 18 settembre 2017, 7:19

Grazie, Max. No, non è flessibile ma ben molleggiato. Lang produceva anche pennini flex ma in quel periodo cominciavano ad essere meno richiesti a quanto pare.
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"

Rispondi

Torna a “Storia e Produttori”