Una piccola Reynolds

Note storiche sulle penne stilografiche e sui loro produttori. Aneddoti e curiosità.
Rispondi
domenicop
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 68
Iscritto il: domenica 23 aprile 2017, 13:00
La mia penna preferita: Pelikan M250
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku Take-Sumi
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it Vera: 038
Sesso:
Contatta:

Una piccola Reynolds

Messaggio da domenicop » domenica 9 luglio 2017, 12:48

Premetto che non saprei se postare in questa sezione o nelle recensioni, quindi nel caso prego gli amministratori di spostare senza problemi.


Girare per gli assolati mercatini estivi in un caldo pomeriggio di luglio è quasi surreale. I pochi venditori se ne stanno seduti all'ombra e la merce languisce sotto il caldo sole estivo mentre i pochissimi avventori in cerca di affari vagano sconsolati fra i pochi banchi cercando senza criterio un affare improbabile.

Ero già pronto a ripercorrere i miei passi e abbandonare quel desolato e irreale mercatino estivo, quando il mio amico mi ferma e mi fa notare su un banco alcune penne stilografiche. Non mi sembravano nulla di particolare ma tanto valeva dare un occhio. In effetti non erano penne interessanti almeno per me così non chiesi neppure il prezzo. Le stavo già posando quando vidi in fondo alla piccola vetrina una piccola penna tutta nera, ero quasi sicuro che si trattasse di una biro ma l'istinto mi disse di vederla ugualmente.

Si rivelò essere una piccola stilografica dal pennino dorato e dalla clip lunga quasi tutta il cappuccio d'orata anch'essa ma ormai scolorita dal tempo. Era molto piacevole e in qualche modo mi ricordava la piccola Pilot Birdie, decisi di prenderla e non stetti neppure troppo a trattare sul prezzo che in effetti era di una decina di euro. All'interno notai subito una cartuccia standard ormai esaurita e nel pennino alcune incrostazioni di inchiostro blu.

Tornato a casa iniziai subito l'esame della penne e notai l'unica scritta sulla clip: "Reynolds". Forse una delle penne prodotte dalla Reynolds International Pen Company, società fondata a Chicago nel 1945 da Milton Reynolds e rimasto famoso per aver aggirato il brevetto di Biro.

La penna è lunga meno di 10,5cm con il cappuccio e pesa 14,1gr.
Un bagno di pulizia completo ha permesso di poter iniziare scrivere con una nuova cartuccia blu Pelikan 4001 senza problemi, con un flusso regolare ma sicuramente non abbondante. Unica pecca la perdita di doratura sulla clip.

La penna ha un tratto fine e piacevole anche se è sicuramente piccola e quindi alla lunga stanca la mano. Non ho scoperto molto ne sulla penna ne sul modello, ma, a mio parere, è molto affascinante.
Reynolds-1.jpg
Reynolds-2.jpg
Reynolds-3.jpg
Reynolds-4.jpg

A Casirati
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1158
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
La mia penna preferita: Summit S. 175 mk1, 1930s
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Sesso:

Una piccola Reynolds

Messaggio da A Casirati » giovedì 3 agosto 2017, 15:20

Molto carina e comoda per la tasca della giacca. Bell'acquisto, congratulazioni.
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 9751
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Una piccola Reynolds

Messaggio da maxpop 55 » giovedì 3 agosto 2017, 17:47

Carina e comoda da tenere sempre con se, come la Kaweco sport si può portare comodamente nella tasca dei jeans.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Rispondi