LA MILANO BREVETTATA R.T.18

Note storiche sulle penne stilografiche e sui loro produttori. Aneddoti e curiosità.
Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 10115
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Sesso:
Contatta:

LA MILANO BREVETTATA R.T.18

Messaggio da piccardi » sabato 1 aprile 2017, 0:38

Accidenti che penna strana e misteriosa che hai trovato Giorgio, non ne esiste davvero traccia non solo in rete e nemmeno nell'archivio dei marchi, e la modalità costruttiva la pone in una categoria tutta sua. Curiosa pure la dicitura sul brevetto, che non si capisce a cosa di riferisca visto che i brevetti erano per numero o nella forma numero/anno.

Proverò a sentire in giro fra i collezionisti con più esperienza che frequentano poco la rete, ma ho poche speranze di dipanare il mistero. Però resta lo stesso una penna molto interessante, anzi forse per questa sua peculiarità ancora di più.

Simone
PS complimenti, ringraziamenti, ecc. per una volta li do per scontati se no divento davvero noioso...
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

LA MILANO BREVETTATA R.T.18

Messaggio da Musicus » sabato 1 aprile 2017, 12:01

piccardi ha scritto:Accidenti che penna strana e misteriosa che hai trovato Giorgio, non ne esiste davvero traccia non solo in rete e nemmeno nell'archivio dei marchi, e la modalità costruttiva la pone in una categoria tutta sua. Curiosa pure la dicitura sul brevetto, che non si capisce a cosa di riferisca visto che i brevetti erano per numero o nella forma numero/anno.

Proverò a sentire in giro fra i collezionisti con più esperienza che frequentano poco la rete, ma ho poche speranze di dipanare il mistero. Però resta lo stesso una penna molto interessante, anzi forse per questa sua peculiarità ancora di più.

Simone
PS complimenti, ringraziamenti, ecc. per una volta li do per scontati se no divento davvero noioso...
Caro Simone, grazie a te che mi hai... contagiato!! :mrgreen:
:lol: Tutta la ricerca, dal mercatino (a proposito, anche oggi fortunato ;) prima di una settimana di clausura) alle fonti, dalle ricostruzioni sociopolitiche alle suggestioni artistiche è così divertente e (per me) "disintossicante"... :D
Attendiamo comunque il responso degli esperti non informatizzati: chissà che non venga fuori qualche cosa. ;)
Un caro saluto!

Giorgio

Rispondi