Una tenzone pubblicitaria nella Torino del 1922

Note storiche sulle penne stilografiche e sui loro produttori. Aneddoti e curiosità.
Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2144
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

Una tenzone pubblicitaria nella Torino del 1922

Messaggio da Musicus » domenica 5 novembre 2017, 15:26

piccardi ha scritto:
domenica 5 novembre 2017, 0:54
Complimenti per l'n-simo ritrovamento, direi assai più interessante, sul piano estetico, dei precedenti. Mi resterà comunque il dubbio se il basso profilo sul piano pubblicitario fosse solo una scelta (nel caso alquanto miope) o non ci pesasse anche una disponibilità finanziaria minore rispetto ad un concorrente come Aurora...
Hai perfettamente ragione, Simone!
I tempi, almeno in Italia, erano "pionieristici". Non so quale ordine di grandezza a livello industriale connotasse le due imprese nel 1922, e forse la signora Jacopini o il GM potrebbero aiutarci ad appurarlo: Aurora, stando alla quantità e alla frequenza delle sue inserzioni (così come risulta anche dal nostro formidabile Wiki) compì negli anni un significativo sforzo pubblicitario già dagli esordi, coi risultati che tutti conosciamo.

Giorgio

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2144
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

Una tenzone pubblicitaria nella Torino del 1922

Messaggio da Musicus » domenica 5 novembre 2017, 15:33

sanpei ha scritto:
domenica 5 novembre 2017, 10:36
Calendarietto con la stessa iconografia

Immagine



Carta assorbente

Immagine
Un gran bel vedere, Gran Maestro :clap:
Grazie!!! :thumbup:
Nel calendarietto si punta principalmente sulla convenienza, ma eravamo a Zena.... :mrgreen:, mentre Aurora puntava sempre più sul "prestigio"...
Il ragionamento esposto sulla carta assorbente, invece, non fa una grinza... ;)

:wave:

Giorgio

Rispondi