Asciugare sacchetto lever filler

Tecniche e consigli per l'uso, la manutenzione e la riparazione delle penne stilografiche.
Avatar utente
FryOne
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 339
Iscritto il: mercoledì 1 maggio 2013, 8:16
La mia penna preferita: Platinum + F nib
Il mio inchiostro preferito: Aurora black
Località: Palermo

Asciugare sacchetto lever filler

Messaggio da FryOne » martedì 12 agosto 2014, 0:23

Ciao a tutti!
Mi chiedevo: esiste un metodo, magari noto ai soli iniziati - così numerosi in questo forum -, per asciugare bene il sacchetto delle penne con caricamento a levetta dopo averle pulite per il cambio inchiostro? essendo questo sigillato, continuo a vedere all'interno (è semi-trasparente) numerose gocciloine d'acqua a distanza di 48h dal lavaggio... :roll:
Non ho mai avuto problemi del genere, in quanto le altre mie penne o sono cartuccia/converter, o, quelle a pistone, hanno la sezione che si svita liberando il serbatoio.
La penna in questione è una Conway Stewart model 58 (che dovrei restaurare a settembre), e non so se il pennino si può estrarre agevolmente.
Comincio a capire perché questo sistema di caricamento sia stato quasi completamente abbandonato...

Immagine
Rosario
A differenza di quanto accade per il collezionista di orologi - o di automobili, di donne... -, di un collezionista di penne si potrà sempre dire che ha troppe penne per poche idee. (R.G.)

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 11129
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Contatta:

Asciugare sacchetto lever filler

Messaggio da piccardi » martedì 12 agosto 2014, 2:12

Non capisco cosa vuoi fare. o meglio, perché lo vuoi fare.

Asciugare l'interno del serbatoio è fattibile solo con tanta pazienza (aspettando che l'acqua evapori dall'alimentatore, o staccandolo dalla sezione (cosa che personalmente non mi sognerei neanche di fare). Dell'umido e dei resti dell'inchiostro precedente restano comunque, ed a meno di uno smontaggio della penna completo ad ogni caricamento (e relativo, alto, costo di usura) non li levi facilmente.

Da sempre io faccio al più un paio di carichi e scarichi d'acqua, e ricarico (e solo se cambio inchiostro). A voler esser paranoici sui colori dell'inchiostro (cosa che faccio solo per i miei test di colore), mi assicuro che non restino tracce significative sempre caricando acqua pulita, eseguendo però l'operazione due o tre volte, e lasciando passare un giorno anziché un secondo fra una volta e l'altra.

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Avatar utente
rolex hunter
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1722
Iscritto il: martedì 1 dicembre 2009, 10:54
La mia penna preferita: Waterman 554 LEC
Il mio inchiostro preferito: Diamine Sherwood green
Misura preferita del pennino: Flessibile
Arte Italiana FP.IT M: 077
Fp.it ℵ: 114
Fp.it 霊気: 034
Località: domiciliato a Reggio Calabria, residente a Torino
Sesso:

Asciugare sacchetto lever filler

Messaggio da rolex hunter » martedì 12 agosto 2014, 10:50

Forse Rosario teme che l'acqua residua diluisca l'inchiostro che successivamente verrà caricato...

Mah, una procedura "palliativa" potrebbe essere la seguente:

Penna impugnata a mo' di termometro, pennino verso il basso, agitare come fosse un termometro a mercurio da azzerare;
Assicurato di fare questa manovra (per ovvie ragioni) in luogo lontano da mobili, ripiani e simili :ugeek:
Un pò di liquido schizzerà fuori dall'alimentatore ma, soprattutto, la forza (centripeta???) porterà la maggior parte del liquido a fluire nell'alimentatore;
A questo punto, tamponare il pennino (se ha un foro, è quello il punto migliore da cui cominciare) con carta cucina, asciugoni, carta igienica... qualcosa ad alta assorbenza; in qualche minuto il liquido ancora presente nell'alimentatore verrà assorbito dalla carta.

Ma sinceramente.... :thumbdown:
FryOne ha scritto: Comincio a capire perché questo sistema di caricamento sia stato quasi completamente abbandonato...
No, non credo fosse questo il motivo... :)

Giorgio

Avatar utente
FryOne
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 339
Iscritto il: mercoledì 1 maggio 2013, 8:16
La mia penna preferita: Platinum + F nib
Il mio inchiostro preferito: Aurora black
Località: Palermo

Asciugare sacchetto lever filler

Messaggio da FryOne » martedì 12 agosto 2014, 14:50

Ciao Simone,
il mio problema non è quello di alterare, coi redidui del precedente, il colore dell'inchiostro successivo, ma, come dice Giorgio, di diluirlo... 4-5 goccioline d'acqua in 1,0ml di inchiostro si sentono!
rolex hunter ha scritto: Mah, una procedura "palliativa" potrebbe essere la seguente:

Penna impugnata a mo' di termometro, pennino verso il basso, agitare come fosse un termometro a mercurio da azzerare;
Assicurato di fare questa manovra (per ovvie ragioni) in luogo lontano da mobili, ripiani e simili :ugeek:
Un pò di liquido schizzerà fuori dall'alimentatore ma, soprattutto, la forza (centripeta???) porterà la maggior parte del liquido a fluire nell'alimentatore;
A questo punto, tamponare il pennino (se ha un foro, è quello il punto migliore da cui cominciare) con carta cucina, asciugoni, carta igienica... qualcosa ad alta assorbenza; in qualche minuto il liquido ancora presente nell'alimentatore verrà assorbito dalla carta.

Ma sinceramente.... :thumbdown:
Giorgio
Grazie Giorgio, proverò. Se così facendo l'acqua finisce nell'alimentatore, avrei risolto. ;)
Rosario
A differenza di quanto accade per il collezionista di orologi - o di automobili, di donne... -, di un collezionista di penne si potrà sempre dire che ha troppe penne per poche idee. (R.G.)

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8950
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Asciugare sacchetto lever filler

Messaggio da Irishtales » martedì 12 agosto 2014, 14:58

Ciao Rosario, segui i consigli di Simone e Giorgio e vai sul sicuro. Se poi la tua pedanteria arriva ai livelli della mia, riponi la penna in un contenitore con il pennino a punta in giù, delicatamente avvolto in un kleenex e lascialo così per qualche giorno, senza cappuccio.
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Avatar utente
fabri00
Levetta
Levetta
Messaggi: 718
Iscritto il: venerdì 15 febbraio 2013, 9:29
La mia penna preferita: Quella che mi manca.
Il mio inchiostro preferito: Blu d'estate - Nero d'inverno
Misura preferita del pennino: Medio
Località: FC

Asciugare sacchetto lever filler

Messaggio da fabri00 » martedì 12 agosto 2014, 15:33

FryOne ha scritto:Ciao Simone,
il mio problema non è quello di alterare, coi redidui del precedente, il colore dell'inchiostro successivo, ma, come dice Giorgio, di diluirlo... 4-5 goccioline d'acqua in 1,0ml di inchiostro si sentono!
Basta che quando carichi fai entrare ed uscire l'inchiostro un paio di volte, e a quel punto le gocce si diluiscono nel volume della bottiglia di inchiostro. Ovvero diventano ininfluenti.
Neofita a chi ?

Avatar utente
FryOne
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 339
Iscritto il: mercoledì 1 maggio 2013, 8:16
La mia penna preferita: Platinum + F nib
Il mio inchiostro preferito: Aurora black
Località: Palermo

Asciugare sacchetto lever filler

Messaggio da FryOne » martedì 12 agosto 2014, 15:40

Irishtales ha scritto:Ciao Rosario, segui i consigli di Simone e Giorgio e vai sul sicuro. Se poi la tua pedanteria arriva ai livelli della mia, riponi la penna in un contenitore con il pennino a punta in giù, delicatamente avvolto in un kleenex e lascialo così per qualche giorno, senza cappuccio.
Cara Daniela, non so se la nostra sia pedanteria, sacrosanto diritto di non scrivere con l'inchiostro annaquato o chissà cosa; temo solo che la mia cominci dove la tua finisce ( :mrgreen: ):

Immagine

(trovo l'aerosol poco efficace per le affezioni delle vie respiratorie: in compenso sono sufficienti pochi secondi di trattamento per togliere qualsiasi traccia di acqua o umidità dalle mie Pelikan a pistone!)

P.s.: adoro le persone che usano il termine "kleenex"! ;)
Rosario
A differenza di quanto accade per il collezionista di orologi - o di automobili, di donne... -, di un collezionista di penne si potrà sempre dire che ha troppe penne per poche idee. (R.G.)

Avatar utente
FryOne
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 339
Iscritto il: mercoledì 1 maggio 2013, 8:16
La mia penna preferita: Platinum + F nib
Il mio inchiostro preferito: Aurora black
Località: Palermo

Asciugare sacchetto lever filler

Messaggio da FryOne » martedì 12 agosto 2014, 15:47

fabri00 ha scritto:
FryOne ha scritto:Ciao Simone,
il mio problema non è quello di alterare, coi redidui del precedente, il colore dell'inchiostro successivo, ma, come dice Giorgio, di diluirlo... 4-5 goccioline d'acqua in 1,0ml di inchiostro si sentono!
Basta che quando carichi fai entrare ed uscire l'inchiostro un paio di volte, e a quel punto le gocce si diluiscono nel volume della bottiglia di inchiostro. Ovvero diventano ininfluenti.
Anche questa è un'ottima idea, almeno per gli inchiostri che uso più di frequente... grazie!
Rosario
A differenza di quanto accade per il collezionista di orologi - o di automobili, di donne... -, di un collezionista di penne si potrà sempre dire che ha troppe penne per poche idee. (R.G.)

Avatar utente
fabri00
Levetta
Levetta
Messaggi: 718
Iscritto il: venerdì 15 febbraio 2013, 9:29
La mia penna preferita: Quella che mi manca.
Il mio inchiostro preferito: Blu d'estate - Nero d'inverno
Misura preferita del pennino: Medio
Località: FC

Asciugare sacchetto lever filler

Messaggio da fabri00 » martedì 12 agosto 2014, 16:16

FryOne ha scritto:
fabri00 ha scritto:
Basta che quando carichi fai entrare ed uscire l'inchiostro un paio di volte, e a quel punto le gocce si diluiscono nel volume della bottiglia di inchiostro. Ovvero diventano ininfluenti.
Anche questa è un'ottima idea, almeno per gli inchiostri che uso più di frequente... grazie!
Perché solo con quelli che usi di frequente?
E' preciso con qualsiasi inchiostro, quando carichi la penna.
Neofita a chi ?

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 11129
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Contatta:

Asciugare sacchetto lever filler

Messaggio da piccardi » martedì 12 agosto 2014, 16:56

FryOne ha scritto: Cara Daniela, non so se la nostra sia pedanteria, sacrosanto diritto di non scrivere con l'inchiostro annaquato o chissà cosa; temo solo che la mia cominci dove la tua finisce ( :mrgreen: ):)
Capisco la volontà di non diluire, ma ti faccio presente che buona parte dei pezzi che smonti per ottenere il risultato non sono progettati per essere smontati e rimontati in continuazione. E sulle antiche, in particolare quelle a levetta in cui la sezione è a incastro, continuare ad estrarre e rimettere non fa certo bene ad una delle parti più fragile della penna (la fine del corpo con la filettatura).

Il che vuol dire che per evitare una diluizione facilmente evitabile in altri modi (carta assorbente e cariche multiple ad esempio) stai rischiando una usura precoce di parti cui fai subire più sforzi di quelli previsti.

Io sono abbastanza paranoico sulla salute della penna, per cui non lo farei mai, anche a costo di rinunciare alla "purezza" dell'inchiostro, ma riconosco che di quest'ultima, rispetto alla prima, m'importa abbastanza poco.

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Avatar utente
FryOne
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 339
Iscritto il: mercoledì 1 maggio 2013, 8:16
La mia penna preferita: Platinum + F nib
Il mio inchiostro preferito: Aurora black
Località: Palermo

Asciugare sacchetto lever filler

Messaggio da FryOne » martedì 12 agosto 2014, 18:52

fabri00 ha scritto:
FryOne ha scritto: Anche questa è un'ottima idea, almeno per gli inchiostri che uso più di frequente... grazie!
Perché solo con quelli che usi di frequente?
E' preciso con qualsiasi inchiostro, quando carichi la penna.
Hai ragione, non ho spiegato il perché. Il fatto è, che qualche mese fa, ho dovuto buttare l'inchiostro di una vecchia boccetta di Aurora Blu: aveva formato una specie di muffa. Non so se è stata colpa mia, ma da allora, non avendo intenzione di fare travasi vari come fanno alcuni, con i calamai che uso meno frequentemente sto più attento a evitare "contaminazioni" - fondamentalmente cerco di fare sì che il contenuto del calamaio finisca nella penna e non viceversa.
Tutto qui.
Rosario
A differenza di quanto accade per il collezionista di orologi - o di automobili, di donne... -, di un collezionista di penne si potrà sempre dire che ha troppe penne per poche idee. (R.G.)

Avatar utente
FryOne
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 339
Iscritto il: mercoledì 1 maggio 2013, 8:16
La mia penna preferita: Platinum + F nib
Il mio inchiostro preferito: Aurora black
Località: Palermo

Asciugare sacchetto lever filler

Messaggio da FryOne » martedì 12 agosto 2014, 19:05

piccardi ha scritto:
FryOne ha scritto: Cara Daniela, non so se la nostra sia pedanteria, sacrosanto diritto di non scrivere con l'inchiostro annaquato o chissà cosa; temo solo che la mia cominci dove la tua finisce ( :mrgreen: ):)
Capisco la volontà di non diluire, ma ti faccio presente che buona parte dei pezzi che smonti per ottenere il risultato non sono progettati per essere smontati e rimontati in continuazione. E sulle antiche, in particolare quelle a levetta in cui la sezione è a incastro, continuare ad estrarre e rimettere non fa certo bene ad una delle parti più fragile della penna (la fine del corpo con la filettatura).

Il che vuol dire che per evitare una diluizione facilmente evitabile in altri modi (carta assorbente e cariche multiple ad esempio) stai rischiando una usura precoce di parti cui fai subire più sforzi di quelli previsti.

Io sono abbastanza paranoico sulla salute della penna, per cui non lo farei mai, anche a costo di rinunciare alla "purezza" dell'inchiostro, ma riconosco che di quest'ultima, rispetto alla prima, m'importa abbastanza poco.

Simone
C'è un quivoco: è la prima volta che apro la Conway Stewart in questione! non mi aspettavo neppure di trovare il sacchetto integro (non scrive da almeno 25 anni!), e l'ho dovuta pulire dall'inchiostro che era lì ad attendermi da altrettanti decenni...
Esprimevo quindi la mia perplessità - da ignorante, lo capisco - circa un sistema di caricamento a me finora sconosciuto.
Le uniche penne con cui mi permetto un trattamento di lavaggio/asciugatura più "intenso" sono le cartuccia/converter e la Pelikan M150 - il che tra l'altro avviene solo quando cambio inchiostro, ovvero raramente, visto che io tendo ad usare sempre lo stesso inchiostro sulla stessa penna. ;)
Rosario
A differenza di quanto accade per il collezionista di orologi - o di automobili, di donne... -, di un collezionista di penne si potrà sempre dire che ha troppe penne per poche idee. (R.G.)

Avatar utente
nello56
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 1172
Iscritto il: venerdì 11 novembre 2011, 19:37
La mia penna preferita: quella rimessa insieme da me
Il mio inchiostro preferito: Diamine Violet o 4001 Nero
Misura preferita del pennino: Italico
Arte Italiana FP.IT M: 056
Fp.it ℵ: 056
Fp.it Vera: 056
Località: Torino
Sesso:

Asciugare sacchetto lever filler

Messaggio da nello56 » mercoledì 13 agosto 2014, 9:45

Ciao Rosario,
FryOne ha scritto:un sistema di caricamento a me finora sconosciuto.
Troverai questo sistema di caricamento in molte penne datate e non. Il principio della compressione di un sacchetto,
pur con tutte le sue varianti di azionamento, copre una vasta casistica. Si va dal sistema a levetta, a bottone, a moneta
a fiammifero etc. fino al sistema aerometric della Parker o del converte Sheaffer (tanto per citarne un paio)
usato ancora oggi su alcune penne tipo la Pilot 78G.
(http://www.fountainpen.it/Caricamento)
Quindi, non è stato mai completamente abbandonato. Lo ritroverai spesso! ;)

Prima di smontare pennino e sezione, prova se dopo un buon bagno il flusso è buono e se tutto è accettabile.

Per lo smontaggio del pennino della Conway, se non ricordo male, dovrai estrarre alimentatore e pennino verso
il lato esterno (ovvero verso il pennino stesso). L'ottimale sarebbe avvalersi di un blocco di rimozione che puoi
facilmente auto-costruirti con un blocchetto di legno nel quale avrai fatto un foro dove possa entrare liberamente
il pennino e l'alimentatore, ma non la sezione (vedi foto allegata).
Inserita la sezione, con un pezzetto di legno o plastica, puoi agire sull'alimentatore con dei colpetti (delicati) per
spingere il tutto verso l'esterno.
Naturalmente questo presuppone che tu debba sostituire anche il sacchetto.
Alcune attenzioni: la sezione deve essere stata "in ammollo" per un discreto tempo in quanto l'inchiostro vecchio
è un ottimo collante. Prima di fare l'estrazione dell'alimentatore e del pennino, controlla quest'ultimo.
Se le punte sono allineate, segna sulla sezione (con un pezzetto di nastro) la posizione, in modo da rimontarlo
esattamente nella stessa posizione. L'azione di spiantaggio è comunque una azione meccanica
e quindi con delle forze in gioco. Se puoi evitarla è sicuramente meglio.Una volta che hai tolto il sacchetto,
La pulizia della sezione (non smontata) puoi agevolmente effettuarla con i vari mezzi
indicati sul wiki. (bagni, ultrasuoni, siringhe etc.)

Nello
Allegati
P1090060.JPG
blocco di smontaggio casalingo
P1090060.JPG (1.57 MiB) Visto 1498 volte

Avatar utente
FryOne
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 339
Iscritto il: mercoledì 1 maggio 2013, 8:16
La mia penna preferita: Platinum + F nib
Il mio inchiostro preferito: Aurora black
Località: Palermo

Asciugare sacchetto lever filler

Messaggio da FryOne » mercoledì 13 agosto 2014, 16:57

Grazie Nello! ;)
Lo smontaggio della sezione, come tu saggiamente mi suggerisci, me lo voglio proprio risparmiare - vedremo. Mettendo per ora tra parentesi la questione alimentazione, so già di dovere comunque intervenire sui rebbi, che sono disallineati (si vede ad occhio nudo), ma conto di poterlo fare senza smontare nulla.
A settembre, quando rimetterò mano alla penna per restaurarla (mi piace tantissimo!), spero tanto di potermi ancora avvalere del tuo aiuto ;) .
Rosario
A differenza di quanto accade per il collezionista di orologi - o di automobili, di donne... -, di un collezionista di penne si potrà sempre dire che ha troppe penne per poche idee. (R.G.)

Avatar utente
nello56
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 1172
Iscritto il: venerdì 11 novembre 2011, 19:37
La mia penna preferita: quella rimessa insieme da me
Il mio inchiostro preferito: Diamine Violet o 4001 Nero
Misura preferita del pennino: Italico
Arte Italiana FP.IT M: 056
Fp.it ℵ: 056
Fp.it Vera: 056
Località: Torino
Sesso:

Asciugare sacchetto lever filler

Messaggio da nello56 » mercoledì 13 agosto 2014, 18:55

FryOne ha scritto:spero tanto di potermi ancora avvalere del tuo aiuto
Come sempre, tutti gli amici del Forum ed io, saremo a Tua disposizione! ;)
Nello

Rispondi