La Parker che fu

Tecniche e consigli per l'uso, la manutenzione e la riparazione delle penne stilografiche.
Rispondi
Avatar utente
Crononauta
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 483
Iscritto il: martedì 8 gennaio 2013, 16:16
La mia penna preferita: Aurora 98 millerighe oro
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 Blu-Nero
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it ℵ: 079
Località: Ravenna
Sesso:
Contatta:

La Parker che fu

Messaggio da Crononauta » domenica 8 settembre 2019, 23:24

Qualche tempo fa avevo fatto "spesa" di converter vari per rimettere in linea svariate stilografiche che avevo recuperato dal cassetto di mio papà.
Causa la rotazione abbastanza ampia (cui si è aggiunta anche qualche nuova acquisizione, ehm) sono arrivato alla prova della Parker 45 vintage solo stasera. Vado per caricarla, e non tira su niente. Penso che sia otturata, così per verifica sfilo il converter e provo a caricarlo, senza ottenere risultato.
Intanto che ci penso, provo a caricare la "95", con un altro converter. Noto che il pomellino fa molta più resistenza.
Allora li confronto da vicino, e per farla breve mi accorgo che nel primo converter manca completamente la guarnizione. Non si è sfilata, sennò in un modo o nell'altro si vedrebbe. Né il converter risulta smontabile, per cui non vi è neppure modo di accedervi per inserirne una (ammesso di trovare la misura giusta).

Considerato quanto costano i converter Parker (costosi come l'oro, maledetti), vista la m***a che sono - o meglio del controllo qualità che denotano -, direi che qualificano definitivamente il livello cui è scaduta la Parker oggidì :-(
DSC_0483b.JPG
Massimo Bacilieri
Omas Extra 620, Pelikan M250, Aleph n.79, Aurora... troppe

Avatar utente
Monet63
Artista
Artista
Messaggi: 1182
Iscritto il: sabato 5 ottobre 2013, 22:34
La mia penna preferita: Delta Goldpen Mezzanotte n°52
Il mio inchiostro preferito: Nero Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cassino - Sud Europa
Sesso:
Contatta:

La Parker che fu

Messaggio da Monet63 » domenica 8 settembre 2019, 23:56

Io mi ricordo benissimo di com'era Parker.
Quella di oggi è una roba diversa.
Peccato.
L’opera d’arte è sempre una confessione.
Umberto Saba

Avatar utente
Gargaros
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 234
Iscritto il: giovedì 6 dicembre 2018, 3:54
La mia penna preferita: P.Plasir (dopo cambio pennino)
Il mio inchiostro preferito: Al gusto fragola!
Misura preferita del pennino: Extra Fine

La Parker che fu

Messaggio da Gargaros » lunedì 9 settembre 2019, 3:23

Io vorrei sapere quali modelli vengono prodotti in India (se non persino in Cina). Sulla IM che ho preso di recente non ho trovato nessuna indicazione di provenienza...

Ovviamente non mi formalizzo: se è buona, può essere stata prodotta anche dalle foche del polo sud, che tanto non importa. Peccato che la penna presa ha il cappuccio non a tenuta d'aria. Significa che anche dopo qualche ora di non utilizzo l'inchiostro in punta si secca e per farla ripartire devi fare brutto. Possibile che anche la progettazione è sbolognata all'India?

Avatar utente
francoiacc
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1318
Iscritto il: martedì 19 dicembre 2017, 23:29
La mia penna preferita: OMAS Extra Arco Brown
Il mio inchiostro preferito: P.W. Akkerman #5 Shocking Blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Capitale del Regno delle Due Sicilie
Sesso:

La Parker che fu

Messaggio da francoiacc » lunedì 9 settembre 2019, 8:51

Il converter si dovrebbe smontare, probabilmente è solo incollato. Affera con qualcosa che fa presa ben ( io uso normalmente due pezzi di camera d'aria di bici) la parte in plastica e la ghiera metallica e svita, magari prova a riscaldare un po' prima. Male che vada lo spacchi ma tanto non è che serva a molto senza guarnizione.. :wave:
Francesco

"E' sempre meglio vivere di rimorsi che di rimpianti"

Avatar utente
sciumbasci
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 851
Iscritto il: venerdì 23 ottobre 2015, 11:58
La mia penna preferita: Hero 616
Località: Reggio Emilia
Sesso:

La Parker che fu

Messaggio da sciumbasci » lunedì 9 settembre 2019, 11:15

Gargaros ha scritto:
lunedì 9 settembre 2019, 3:23
Io vorrei sapere quali modelli vengono prodotti in India (se non persino in Cina). Sulla IM che ho preso di recente non ho trovato nessuna indicazione di provenienza...

Ovviamente non mi formalizzo: se è buona, può essere stata prodotta anche dalle foche del polo sud, che tanto non importa. Peccato che la penna presa ha il cappuccio non a tenuta d'aria. Significa che anche dopo qualche ora di non utilizzo l'inchiostro in punta si secca e per farla ripartire devi fare brutto. Possibile che anche la progettazione è sbolognata all'India?
https://www.luxor.in/brands/parker.html

Questi sono i modelli prodotti su licenza esclusivamente per il mercado indiano.
Se vuoi stare sicuro di non prendere una indiana, devi comprare da rivenditori autorizzati Parker.

Avatar utente
Crononauta
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 483
Iscritto il: martedì 8 gennaio 2013, 16:16
La mia penna preferita: Aurora 98 millerighe oro
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 Blu-Nero
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it ℵ: 079
Località: Ravenna
Sesso:
Contatta:

Il bisogno aguzza l'ingegno

Messaggio da Crononauta » martedì 10 settembre 2019, 21:03

Aggiornamento.

Nel vasetto dei "rottami" - che in piena "sindrome da rigattiere" tengo perché "non si sa mai"... e in effetti stavolta è stato il caso! - ho per caso visto un vecchio converter Parker rotto: era nella Frontier che avevo dato a mia figlia in quarta elementare, dopodiché ovviamente un suo compagno bestia ci ha giocato con violenza inane e l'ha troncato (e vorrei sapere che fatto animale era, visto che ho personalmente verificato quanto sia solido il converter!).
Fatto sta che mi è rimasto lì con l'idea, un giorno, magari di rimettergliela in marcia. Poi a scuola non fanno più usare le stilografiche, anzi ne osteggiano proprio l'uso :evil: :evil: :evil: maestre degeneri!!!! e allora l'ha ficcata in fondo a qualche cassetto e amen.

Fatto sta che il converter era rotto, troncato alla base della sezione di metallo, dove comincia quella in plastica: ma il pistone era buono, e soprattutto aveva la guarnizione! Non mi restava che aprire il converter "nuovo", senza distruggerlo, e sostituire il pistone.
Ipotizzo sia avvitato, ma vorrei evitare di troncare tutto come nell'altro. Vado allora a scaldare la parte metallica sotto l'acqua calda, nella speranza che il metallo dilatandosi più della plastica, ceda quel tanto che basti a permettermi di svitarlo.
Dai e dai, alla fine ce la faccio!

Ed ecco il mio converter nuovo con la guarnizione! Oh! 10 euro risparmiati... costano un assurdità quei converter :crazy:
DSC_0491.JPG
Con lo smontaggio, ho anche verificato che lì la guarnizione non c'era proprio: difetto di fabbrica... l'indiano che lo montava deva aver... fatto l'indiano e saltato un passagio :evil:
Massimo Bacilieri
Omas Extra 620, Pelikan M250, Aleph n.79, Aurora... troppe

Avatar utente
Siberia
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 774
Iscritto il: martedì 10 febbraio 2009, 20:34
La mia penna preferita: Quelle in celluloide
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero, Pelikan Blu-Black
Misura preferita del pennino: Medio
Località: L'Aquila-Pescara
Sesso:

La Parker che fu

Messaggio da Siberia » martedì 10 settembre 2019, 22:09

I migliori per le Parker sono quelli vintage. Li preferisco su tutti, hanno anche un'ottima capienza, e niente plasticaccia.
Allegati
s-l300.jpg
s-l300.jpg (11.14 KiB) Visto 302 volte
Luca (renitente alla sfera, sempre)

Avatar utente
Crononauta
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 483
Iscritto il: martedì 8 gennaio 2013, 16:16
La mia penna preferita: Aurora 98 millerighe oro
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 Blu-Nero
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it ℵ: 079
Località: Ravenna
Sesso:
Contatta:

La Parker che fu

Messaggio da Crononauta » martedì 10 settembre 2019, 22:31

C'era infatti quello lì dentro la "45", in origine, ma il sacchetto era sbriciolato.
Forse, con tanta pazienza, si potrebbe provare a cambiare il sacchetto, ma ho idea che ci sia anche qualche lamella interna rotta, e allora sarebbe comunque inservibile. In fondo, siccome con le stilografiche non ci prendo più quadernate di lezioni a scuola, ma pochi appunti sul lavoro, la questione dell'autonomia è ora secondaria.
Massimo Bacilieri
Omas Extra 620, Pelikan M250, Aleph n.79, Aurora... troppe

Avatar utente
vito72
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 946
Iscritto il: giovedì 21 febbraio 2013, 15:16
La mia penna preferita: Pelikan M205
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Potenza
Sesso:
Contatta:

La Parker che fu

Messaggio da vito72 » martedì 10 settembre 2019, 22:39

Ricordo di aver letto da qualche parte che i converter che hai tu a vite con o ring rosso sono di infima qualità. Meglio il tipo più economico con pistone a slitta e non a vite, ne ho usato uno per anni e ancora funziona bene.

Avatar utente
Gargaros
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 234
Iscritto il: giovedì 6 dicembre 2018, 3:54
La mia penna preferita: P.Plasir (dopo cambio pennino)
Il mio inchiostro preferito: Al gusto fragola!
Misura preferita del pennino: Extra Fine

La Parker che fu

Messaggio da Gargaros » mercoledì 11 settembre 2019, 8:41

sciumbasci ha scritto:
lunedì 9 settembre 2019, 11:15
Questi sono i modelli prodotti su licenza esclusivamente per il mercado indiano.
Se vuoi stare sicuro di non prendere una indiana, devi comprare da rivenditori autorizzati Parker.
Come identifico i rivenditori autorizzati?

Avatar utente
sciumbasci
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 851
Iscritto il: venerdì 23 ottobre 2015, 11:58
La mia penna preferita: Hero 616
Località: Reggio Emilia
Sesso:

La Parker che fu

Messaggio da sciumbasci » mercoledì 11 settembre 2019, 11:55

Comprare da negozi italiani di solito è garanzia di originalità.
Su ebay è più difficile dirlo. Alcuni scrivono chiaramente MADE BY NEWELL RUBBERMAID IN FRANCE, altri no.

Rispondi