Cartucce ricaricabili da "trasporto"

Tecniche e consigli per l'uso, la manutenzione e la riparazione delle penne stilografiche.
Rispondi
qoco
Converter
Converter
Messaggi: 6
Iscritto il: mercoledì 5 giugno 2019, 13:18
Sesso:

Cartucce ricaricabili da "trasporto"

Messaggio da qoco » venerdì 6 settembre 2019, 15:24

Ciao a tutti.
Ho visto proprio oggi su Instagram una “soluzione” che vorrei condividere con voi.
La persona che scriveva aveva un problema con le cartucce riutilizzate perché viaggiava molto e ne voleva portare con se ricaricate con vari tipi di inchiostro (ognuno ha le sue perversioni). Ha trovato la soluzione riempiendo la cartuccia e sigillandola con la colla a caldo. Quando le usa toglie il cappuccio di colla che si è creato e le utilizza. Diceva che la temperatura della colla a caldo non è tale da rovinare la plastica della cartuccia.
Alcuni hanno proposto di inserire un sottile filo di metallo prima di mettere la colla, in modo di creare una specie di tappo riutilizzabile (la mente della gente è imperscrutabile).

Roberto

hobbit
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 306
Iscritto il: mercoledì 2 marzo 2016, 23:16

Cartucce ricaricabili da "trasporto"

Messaggio da hobbit » venerdì 6 settembre 2019, 15:39

Boh, tutto si può fare e potrebbe anche funzionare. Io non ho questo tipo di esigenza, cioè non viaggio per lavoro, anzi purtroppo viaggio piuttosto raramente in generale. Però avessi questo tipo di esigenza adotterei la stessa soluzione che adotto attualmente (faccio l'insegnante e uso le stilo a casa e a scuola), ovvero doterei le mie penne di converter e mi porterei in un astuccio penne e boccette (uno, due colori, .... quelli che mi servono effettivamente). Il tipo di boccette che ho scelto di portarmi dietro sono quelle che a mio giudizio sono le più sicure dal punto di vista del trasporto ovvero le Diamine da 30 mL in plastica:
diamine.png
diamine.png (142.39 KiB) Visto 386 volte
Sono poco ingombranti, il tappo tiene benissimo, se cadono non succede niente e presentano una varietà infinita di inchiostri.

Avatar utente
shinken
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 885
Iscritto il: sabato 26 marzo 2016, 20:42
La mia penna preferita: Sailor GT EF, PilotCustom 74SF
Il mio inchiostro preferito: Diamine Midnight, 朝顔
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Genova
Sesso:
Contatta:

Cartucce ricaricabili da "trasporto"

Messaggio da shinken » venerdì 6 settembre 2019, 19:25

Non tutti possono usare il converter, per alcune penne non c'è.
Però con un attimo di calma usando una pipetta in plastica ( e qualche fazzolettino di carta) si riempie la cartuccia.
510cjEyvYzL._SX425_.jpg
510cjEyvYzL._SX425_.jpg (4.52 KiB) Visto 345 volte
I boccettini in plastica da 30ml della Diamine poi sono perfetti per completare il quadro.
Essendo io un ansioso ho anche aggiunto una scatolettina in metallo che contiene giusto pipetta, due diamine di colori differenti e un po' di cartacasa assorbente, ma forse è eccessivo
Luigi, tabaccaio in Genova.
Quarantadue è la risposta!

Avatar utente
UnGuido
Converter
Converter
Messaggi: 12
Iscritto il: mercoledì 8 novembre 2017, 6:24
La mia penna preferita: Pelikan
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku Syo -ro
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Varese
Sesso:
Contatta:

Cartucce ricaricabili da "trasporto"

Messaggio da UnGuido » domenica 8 settembre 2019, 19:46

Io uso un calamaio portatile. Però dipende dalle vostre esigenze. In un calamaio portatile ci sta un solo tipo di inchiostro (che poi mi sarà capitato una volta di dover ricaricare...)

Rispondi