Smontaggio corpo scrittura di Aurora Magellano

Tecniche e consigli per l'uso, la manutenzione e la riparazione delle penne stilografiche.
Rispondi
Avatar utente
Rodelinda
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 394
Iscritto il: lunedì 9 aprile 2018, 23:10
La mia penna preferita: L'Aurora Hastil!
Il mio inchiostro preferito: Quello che non ho ancora!
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Hinterland Milanese
Sesso:
Contatta:

Smontaggio corpo scrittura di Aurora Magellano

Messaggio da Rodelinda » domenica 14 aprile 2019, 15:48

Buona domenica a tutti forumisti e alle gentili forumiste!
Ho bisogno del dotto aiuto degli "smanettoni analogici" per una questione che, forse, ai più esperti farà ridere, ma che mi sta facendo un po' penare.
In pratica, tempo fa ho acquistato da un noto negozio online tedesco un campione dell'inchiostro Krishna Ink "Anokhi", viola scuro con riflessi lime metallizzato: essendo un inchiostro valorizzato dai pennini B, o almeno M abbondanti, e avendo all'epoca disponibile solo un'Aurora Magellano con queste caratteristiche, ho siringato una cartuccia king-size Aurora vuota e ho messo in opera l'inchiostro.
Il problema è che l'ho lasciato dentro un mesetto (mea culpa, mea culpa, mea maxima culpa!), perché pur bello e pur interessante, non è che un colore del genere occorra tutti i giorni.
Ordunque, quando poi l'ho finito e ho iniziato a pulire la mia fida Magellano, sono iniziati i dolori; il corpo scrittura intero è a mollo da una settimana e ancora, quando lo flusso con la peretta, spurga acqua rosa chiaro: il Krishna Anokhi ha infatti un sottotono rosa, che emerge anche dalla cromatografia, davvero difficile da lavare via.
Alla fine ce la si fa, per l'amor di Dio, l'ho lasciato un caricato tre giorni in una Leonardo Momento Zero e in due giorni di bagnetto quest'ultima era a posto: non è che macchi irrimediabilmente ogni superficie con la quale viene in contatto, come il Noodler's BSB, o che si trasformi in una mostruosa morchia mutante, come il Diamine Bilberry, ma per quanto l'ingrediente principale del lavaggio penne sia la pazienza, mi sorge il dubbio che per aiutare la mia Aurora Magellano a tornare pura e immacolata sia necessario smontare il corpo scrittura e pulirlo pezzo per pezzo.
Qualcuno può spiegarmi come fare, per cortesia?
Vi ringrazio anticipatamente :clap:

Avatar utente
Monet63
Artista
Artista
Messaggi: 1051
Iscritto il: sabato 5 ottobre 2013, 22:34
La mia penna preferita: Delta Goldpen Mezzanotte n°52
Il mio inchiostro preferito: Nero Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cassino - Sud Europa
Sesso:
Contatta:

Smontaggio corpo scrittura di Aurora Magellano

Messaggio da Monet63 » domenica 14 aprile 2019, 16:08

Per quanto ne so io con quel genere di penne, a meno che sia assolutamente indispensabile, è bene evitare lo smontaggio del gruppo; in caso contrario credo possa verificarsi il fenomeno del pennino che ruota, ma non ne ho certezza, bisognerebbe sentire qualcuno che ha già smontato.
L'inchiostro di cui parli non lo conosco, ma ha il comportamento tipico delle sostanze a base di Rhodamina/Xantene, coloranti organici sintetici di intonazione rosa/violetta brillante, di bassa resistenza alla luce, moderatamente macchianti.
In passato ho avuto un incontro con un inchiostro contenente questa sostanza, ma francamente non ricordo più quale. All'epoca risolsi perfettamente lavando la penna con l'efficacissimo "Fountain Pen Flush" di Monteverde, ovvero questo:
http://www.monteverdepens.com/pen_flush_page.html
:wave:
L’opera d’arte è sempre una confessione.
Umberto Saba

Avatar utente
zoniale
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1306
Iscritto il: domenica 16 ottobre 2016, 13:48
La mia penna preferita: Tutte, troppe, anni '40 - '60
Il mio inchiostro preferito: turchese
Località: Varese
Sesso:

Smontaggio corpo scrittura di Aurora Magellano

Messaggio da zoniale » domenica 14 aprile 2019, 16:15

Non conosco le Magellno. Sulle Hastil occorre svitare una ghiera metallica alla base del pennino. Ma, come detto, sarebbe emglio lasciare perdere.
Hai invece considerato di utilizzare per il lavaggio una di quelle piccole perette in gomma per pulire nasi ed orecchie di fanciulli? Nel caso di penne a cartuccia aiutano a velocizzare la pulizia.
Michele

Avatar utente
Pettirosso
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1166
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 21:54
La mia penna preferita: Aurora, per tradizione
Il mio inchiostro preferito: Aurora blu
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Traves (TO)
Sesso:

Smontaggio corpo scrittura di Aurora Magellano

Messaggio da Pettirosso » domenica 14 aprile 2019, 19:28

Assolutamente d'accordo con chi mi ha preceduto: non andiamo a cercarci dei guai, lo smontaggio è l'extrema ratio, in fin dei conti la penna non è ostruita.
I prodotti detergenti aiutano certo (oltre a Monteverde c'è anche Herbin), credo che tutti alla fine siano a base di ammoniaca (per cui si potrebbe anche usare direttamente qualche goccia di questa). Ovviamente nei preparati specifici sarà meglio e più opportunamente dosata.
Eviterei la candeggina, troppo pericolosa, e poi non ci sono ostruzioni.
Ottima idea la peretta, la uso anch'io per "sturare" casi ostinati; comunque velocizzerebbe il processo.
Soluzione che ti consiglierei (qui ognuno dice la sua): lavatrice: http://www.fountainpen.it/Pulitoreidrod ... ontrollato.
Ha un aspetto vagamente inquietante (per noi non tecnici), ma alla fine non morde nessuno. Il suo grosso vantaggio è l'azione lenta ma continua: in un paio di giorni hai risolto senza alcun effetto collaterale per la penna. Gutta cavat lapidem.

Avatar utente
Rodelinda
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 394
Iscritto il: lunedì 9 aprile 2018, 23:10
La mia penna preferita: L'Aurora Hastil!
Il mio inchiostro preferito: Quello che non ho ancora!
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Hinterland Milanese
Sesso:
Contatta:

Smontaggio corpo scrittura di Aurora Magellano

Messaggio da Rodelinda » lunedì 15 aprile 2019, 17:32

Grazie a tutti, ragazzi!
In realtà, a un certo punto, il pennino era un po' incrostato quindi l'ho lasciato a bagno in una soluzione con un pelo di candeggina per una decina di minuti, giusto da ammorbidire l'incrostazione (i Krishna sono pensati per essere usati su quelle penne indiane con pennino abbondante e soprattutto quei conduttori in ebanite grossi come piste d'atterraggio che digeriscono qualsiasi cosa, o comunque su penne con flusso abbondante, quindi sono un po' viscosi). Comunque risolto il problema ho sciacquato subito tutto!
Adesso mi sono procurata un po' di ammoniaca e vedrò di farmi un "fountain pen flush" homemade elaborato con questa ricetta:
- 1 parte di ammoniaca per ogni dieci parti di acqua;
- 1 punta di detersivo neutro per piatti.
Speriamo di risolvere e grazie per i vostri consigli :clap:

Avatar utente
francoiacc
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 902
Iscritto il: martedì 19 dicembre 2017, 23:29
La mia penna preferita: OMAS Extra Arco Brown
Il mio inchiostro preferito: P.W. Akkerman #5 Shocking Blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Capitale del Regno delle Due Sicilie
Sesso:

Smontaggio corpo scrittura di Aurora Magellano

Messaggio da francoiacc » lunedì 15 aprile 2019, 18:45

Prima di metterlo a mollo ti consiglierei di provare con lo sgrassatore universale Chanteclair, quello superpotente, riesce a sciogliere qualsiasi inchiostro e non ho mai avuto problemi con nessuna penna. :wave:
Francesco

"E' sempre meglio vivere di rimorsi che di rimpianti"

Avatar utente
Rodelinda
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 394
Iscritto il: lunedì 9 aprile 2018, 23:10
La mia penna preferita: L'Aurora Hastil!
Il mio inchiostro preferito: Quello che non ho ancora!
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Hinterland Milanese
Sesso:
Contatta:

Smontaggio corpo scrittura di Aurora Magellano

Messaggio da Rodelinda » lunedì 15 aprile 2019, 19:54

Pettirosso ha scritto:
domenica 14 aprile 2019, 19:28

Soluzione che ti consiglierei (qui ognuno dice la sua): lavatrice: http://www.fountainpen.it/Pulitoreidrod ... ontrollato.
Ha un aspetto vagamente inquietante (per noi non tecnici), ma alla fine non morde nessuno. Il suo grosso vantaggio è l'azione lenta ma continua: in un paio di giorni hai risolto senza alcun effetto collaterale per la penna. Gutta cavat lapidem.
Grazie per il consiglio, ma se provo a costruire questo assurdo aggeggio i miei mi internano senza passare dal via :lol:

Avatar utente
Ottorino
Tecnico - Moderatore
Tecnico - Moderatore
Messaggi: 7533
Iscritto il: lunedì 24 novembre 2008, 9:21
La mia penna preferita: Doric donatami da Fab66
Il mio inchiostro preferito: colorato brillante o neronero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 096
Fp.it ℵ: 022
Fp.it 霊気: 022
Località: Firenze
Sesso:

Smontaggio corpo scrittura di Aurora Magellano

Messaggio da Ottorino » lunedì 15 aprile 2019, 20:53

È segno che bisogna cambiar casa !!
C'è rimedio ? Perché preoccuparsi ? Non c'è rimedio ? Perché preoccuparsi ?

Rispondi