Vang Gogh e pennino che si secca

Tecniche e consigli per l'uso, la manutenzione e la riparazione delle penne stilografiche.
Rispondi
Bobbo
Converter
Converter
Messaggi: 5
Iscritto il: giovedì 24 marzo 2016, 19:28
La mia penna preferita: Parker Sonnet
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black
Misura preferita del pennino: Fine
Sesso:

Vang Gogh e pennino che si secca

Messaggio da Bobbo » sabato 4 agosto 2018, 12:09

Buongiorno a tutti,

Torno sul forum dopo qualche tempo di lontananza (ma di uso quotidiano delle stilografiche).
Ho da un paio d'anni una Visconti Van Gogh "Room in Arles" che mi ha sempre dato qualche problema di flusso, motivo per cui ha passato più tempo nel cassetto che nel portapenne. Ora vorrei risolvere questo problema, visto che mi dispiace non utilizzarla, anche considerato che è un regalo di laurea dei miei nonni.
La penna, appena inchiostrata, scrive benissimo (flusso abbondante e pennino scorrevole), ma dopo una pagina A5 il flusso inizia a diminuire fino ad arrestarsi del tutto, tanto che si vede la luce tra i rebbi del pennino, che preciso essere un M "vecchio modello" (di quelli col forellino per capirci).
Il problema si risolve temporaneamente con una piccola rotazione del pistoncino del converter, però non è un'operazione agevole da fare quando si prendono appunti rapidamente. A scanso di equivoci preciso che la penna è al momento inchiostrata con il Pelikan Royal Blue.

Aggiungo anche -qualora possa essere di aiuto- che il pennino risulta avere uno "sweet spot" molto ristretto: basta una minima rotazione lungo l'asse della penna per non lasciare più inchiostro sulla carta.

Grazie in anticipo a quanti vorranno aiutarmi.

Avatar utente
Pettirosso
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1041
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 21:54
La mia penna preferita: Aurora, per tradizione
Il mio inchiostro preferito: Aurora blu
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Traves (TO)
Sesso:

Vang Gogh e pennino che si secca

Messaggio da Pettirosso » sabato 4 agosto 2018, 12:40

Sono tutt'altro che un tecnico, ma il problema potrebbe essere il converter, l'alimentatore, il pennino o una combinazione degli stessi (M. De La Palisse).
Iniziamo a vedere se incriminare o assolvere il converter, che è la parte più facile: prova ad alimentare la penna con una banale cartuccia standard Pelikan, e vediamo cosa succede.
Buon fine settimana!

Maruska
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2198
Iscritto il: lunedì 11 agosto 2014, 22:49
La mia penna preferita: Pilot Capless
Il mio inchiostro preferito: Bleu Nuit J. Herbin
Misura preferita del pennino: Medio
Località: imperia (provincia)
Sesso:

Vang Gogh e pennino che si secca

Messaggio da Maruska » sabato 4 agosto 2018, 17:56

la penso come Pettirosso
Maruska
L’egoismo non consiste nel vivere come ci pare ma nell’esigere che gli altri vivano come pare a noi.
(Oscar Wilde)

Bobbo
Converter
Converter
Messaggi: 5
Iscritto il: giovedì 24 marzo 2016, 19:28
La mia penna preferita: Parker Sonnet
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black
Misura preferita del pennino: Fine
Sesso:

Vang Gogh e pennino che si secca

Messaggio da Bobbo » mercoledì 22 agosto 2018, 22:00

Torno dopo aver terminato un converter ed una cartuccia, entrambi di Pelikan Royal Blue.
Niente, la penna parte benissimo ma dopo un po' il flusso rallenta fino a fermarsi. Con converter basta il solito mezzo giro per farla ripartire, mentre la cartuccia ho dovuto spremerla a cadenze più o meno regolari.
Ho notato che la bolla d'aria all'interno del converter/cartuccia non si ingrandisce al consumarsi dell'inchiostro, potrebbe essere un problema di compensazione?

Avatar utente
ricart
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 207
Iscritto il: venerdì 18 agosto 2017, 14:05
La mia penna preferita: PELIKAN 120
Il mio inchiostro preferito: ADESSO J.HERBIN BLEU-NUIT
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it Vera: 054
Località: PROVINCIA DI UDINE
Sesso:

Vang Gogh e pennino che si secca

Messaggio da ricart » giovedì 23 agosto 2018, 0:51

Prova a cambiare inchiostro, scegli uno più fluido, con le Rembrandt ho risolto così.
Saluti

Avatar utente
Stilo80
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 373
Iscritto il: venerdì 8 giugno 2018, 9:11
La mia penna preferita: Pilot Custom 74, Lamy Studio
Il mio inchiostro preferito: J. HERBIN Blue Pervenche
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Contatta:

Vang Gogh e pennino che si secca

Messaggio da Stilo80 » giovedì 23 agosto 2018, 8:38

ricart ha scritto:
giovedì 23 agosto 2018, 0:51
Prova a cambiare inchiostro, scegli uno più fluido, con le Rembrandt ho risolto così.
Saluti
Per curiosità: che inchiostro usi ricart?
Per aspera ad astra.

Il mio canale YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCEzQej ... emLqOs6Z2A

Avatar utente
Mightyspank
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 769
Iscritto il: lunedì 23 febbraio 2015, 22:46
La mia penna preferita: L'ultima
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku Yu-Yake
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Milano
Sesso:

Vang Gogh e pennino che si secca

Messaggio da Mightyspank » giovedì 23 agosto 2018, 9:20

Ho la tua stessa penna in gradazione F. Scrive molto beme senza problemi di secchezza se non dopo giorni di inutilizzo. Di revente l'ho inchiostrata con Diamine Red Dragon. Ma puoi usare a colpo sicuro inchiostri come Pilot Iroshizuku, Aurora nero, Noodler's American eel, ecc.
I 4001 non brillano per lubrificazione. Meglio gli Edelstein, sempre in casa Pelikan.

Avatar utente
ricart
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 207
Iscritto il: venerdì 18 agosto 2017, 14:05
La mia penna preferita: PELIKAN 120
Il mio inchiostro preferito: ADESSO J.HERBIN BLEU-NUIT
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it Vera: 054
Località: PROVINCIA DI UDINE
Sesso:

Vang Gogh e pennino che si secca

Messaggio da ricart » giovedì 23 agosto 2018, 9:55

Per Stilo80

Con le Visconti normalmente uso Edelstein, Parker, Waterman, Aurora, evito MB e gli stessi Visconti. Ho un po' di tutto ma quelli preferiti sono questi. Della Visconti possiedo solo la Rembrandt, in diversi colori, perchè mi piace esteticamente e si comporta bene ( almeno le mie ). I colori che mi piacciono di più sono l'arancione e il bianco-avorio della vecchia serie. I miei pennini sono tutti con il foro però adesso vorrei acquistare una con il nuovo pennino. Inizialmente le prendevo con il pennino F ma visto che qualche volta avevano problemi sono passato al pennino M che poi non ha neanche un tratto grosso. Ho notato però che tutte le penne italiane che usano il pennino germanico, Visconti, Delta, ultimamente Leonardo e la stessa Vera del Forum,hanno iniziali problemi di scrittura. A parte gli inchiostri io penso che l'abbinamento pennino - alimentatore non sia perfetto, come se tutti i costruttori citati non siano in grado di trovare il profilo giusto. Perchè i suddetti pennini con il loro alimentatore originale non hanno gli stessi problemi o hanno meno problemi?

Mandi

Avatar utente
Stilo80
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 373
Iscritto il: venerdì 8 giugno 2018, 9:11
La mia penna preferita: Pilot Custom 74, Lamy Studio
Il mio inchiostro preferito: J. HERBIN Blue Pervenche
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Contatta:

Vang Gogh e pennino che si secca

Messaggio da Stilo80 » giovedì 23 agosto 2018, 11:16

Uso Visconti Van Gogh Room in Arles con Edelstein Smoky Quartz senza problemi e con bellissimo shading. Se vuoi assenza di shading potresti provare un Iroshizuko che è assai fluido con saturazione costante del colore. Mi sembra ci sia anche una linea d'inchiostri Noodle's lubrificanti.
Per aspera ad astra.

Il mio canale YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCEzQej ... emLqOs6Z2A

Bobbo
Converter
Converter
Messaggi: 5
Iscritto il: giovedì 24 marzo 2016, 19:28
La mia penna preferita: Parker Sonnet
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black
Misura preferita del pennino: Fine
Sesso:

Vang Gogh e pennino che si secca

Messaggio da Bobbo » giovedì 23 agosto 2018, 13:20

Bene, cercherò un inchiostro più fluido, anche se gli stessi problemi li ho riscontrati con altri inchiostri di marche diverse (Waterman e Noodler's).

Altra questione che non ho menzionato: i rebbi sono molto vicini tra di loro, in controluce e senza inchiostro non si vede luce.

E poi, come si smonta il gruppo di scrittura? Non che voglia provarci (per il momento), lo dico per mera curiosità.

Avatar utente
Stilo80
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 373
Iscritto il: venerdì 8 giugno 2018, 9:11
La mia penna preferita: Pilot Custom 74, Lamy Studio
Il mio inchiostro preferito: J. HERBIN Blue Pervenche
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Contatta:

Vang Gogh e pennino che si secca

Messaggio da Stilo80 » giovedì 23 agosto 2018, 13:50

Prova Noodle's Eel o Polar puoi scaricare il pdf a questo link. I lubrificanti hanno yes in penultima colonna del pdf.

Per separare i rebbi occorrono o fogli in ottone (Brass Shim Sheets) o pellicola fotografica da far passare nel mezzo.

Non ho ancora idea di come si smonti la sezione sono certo che altri sapranno aiutarti meglio.
Per aspera ad astra.

Il mio canale YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCEzQej ... emLqOs6Z2A

Avatar utente
Siberia
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 761
Iscritto il: martedì 10 febbraio 2009, 20:34
La mia penna preferita: Quelle in celluloide
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero, Pelikan Blu-Black
Misura preferita del pennino: Medio
Località: L'Aquila-Pescara
Sesso:

Vang Gogh e pennino che si secca

Messaggio da Siberia » giovedì 23 agosto 2018, 13:56

Secondo me non è questione di inchiostri. Se una penna è in ordine scrive sempre. Trovare il difetto non è semplice. Non è buon segno l'assenza di una fessura tra i rebbi. se non ricordo male il pennino è a vite, comunque se non hai esperienza ti conviene fartelo sostituire con un altro, dal negozio, o mandare la penna a Firenze
Luca (renitente alla sfera, sempre)

Avatar utente
Stilo80
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 373
Iscritto il: venerdì 8 giugno 2018, 9:11
La mia penna preferita: Pilot Custom 74, Lamy Studio
Il mio inchiostro preferito: J. HERBIN Blue Pervenche
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Contatta:

Vang Gogh e pennino che si secca

Messaggio da Stilo80 » giovedì 23 agosto 2018, 16:18

In effetti Siberia ha ragione. Domanda: quando il pennino tende a seccarsi hai provato con la scrittura inversa? Riesci ad allegare qualche foto ingrandita della sezione scrittura di profilo, frontale e dei rebbi in controluce in modo da vedere lo spazio tra essi?
Su questi temi nel forum sono stati scritti post, anche il sottoscritto era vittima di problemi simili :mrgreen:
Per aspera ad astra.

Il mio canale YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCEzQej ... emLqOs6Z2A

Rispondi