Sostituire gruppo scrittura Campo Marzio

Tecniche e consigli per l'uso, la manutenzione e la riparazione delle penne stilografiche.
Avatar utente
Siberia
Levetta
Levetta
Messaggi: 738
Iscritto il: martedì 10 febbraio 2009, 20:34
La mia penna preferita: Quelle in celluloide
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero, Pelikan Blu-Black
Misura preferita del pennino: Medio
Località: L'Aquila-Pescara
Sesso:

Sostituire gruppo scrittura Campo Marzio

Messaggio da Siberia » martedì 24 luglio 2018, 21:45

Il difetto mi sembra chiaro: come indicato dalle frecce, la punta dell'alimentatore non combacia bene con il pennino. Bisogna portare avanti le punte, una alla volta. Devi stringere, tra indice e pollice, l'alimentatore, con l'altro dito spingere in avanti un rebbo e poi l'altro.
A seguito di questa operazione, si stringerà la fessura tra i rebbi e, quindi, la allargheremo di nuovo! Poi dovrà funzionare

Comunque è un alimentatore molto comune, puoi trovarlo sulle Conklin, sulla Delta Unica e Markiaro, sulla Pelikan Jazz, ecc. Ciò significa che anche un pennino ci si adatta facilmente.

Secondo me ti conviene provare ad aggiustare, il rischio di rompere il pennino è minimo. Altrimenti, se hai paura, fattela cambiare dal negozio. È evidente che la penna è difettosa.
Allegati
Schermata del 2018-07-24 21-29-47.jpg
400px-Allineamento-Pennino-Disassato.jpg
400px-Allineamento-Pennino-Disassato.jpg (21.96 KiB) Visto 334 volte
Luca (renitente alla sfera, sempre)

Avatar utente
Stilo80
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 339
Iscritto il: venerdì 8 giugno 2018, 9:11
La mia penna preferita: Pilot Custom 74, Lamy Studio
Il mio inchiostro preferito: J. HERBIN Blue Pervenche
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Contatta:

Sostituire gruppo scrittura Campo Marzio

Messaggio da Stilo80 » mercoledì 25 luglio 2018, 8:50

Ok dopo qualche pressione s'inceppa sicuramente meno di ieri. Ci lavoro ancora stasera e vediamo. Intanto grazie. Purtroppo il negozio è a mille km e torno solo il nove agosto. Non sono neanche del tutto sicuro che me lo cambino, speriamo. Grazie ugualmente!

Avatar utente
Stilo80
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 339
Iscritto il: venerdì 8 giugno 2018, 9:11
La mia penna preferita: Pilot Custom 74, Lamy Studio
Il mio inchiostro preferito: J. HERBIN Blue Pervenche
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Contatta:

Sostituire gruppo scrittura Campo Marzio

Messaggio da Stilo80 » venerdì 3 agosto 2018, 11:46

Update: non so se è per via dell'inchiostro ma dopo averla provata per intinzione ho inchiostrate con Diamine Florida blue e s'inceppa per poco raramente. Ora è paragonabile alla Jinhao X750 Lava Red.

Strano, mi pareva che il J. Herbin Blue Pervenche fosse abbastanza fluido...

Scriverò ancora e vedremo.

Avatar utente
Stilo80
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 339
Iscritto il: venerdì 8 giugno 2018, 9:11
La mia penna preferita: Pilot Custom 74, Lamy Studio
Il mio inchiostro preferito: J. HERBIN Blue Pervenche
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Contatta:

Sostituire gruppo scrittura Campo Marzio

Messaggio da Stilo80 » venerdì 10 agosto 2018, 20:10

Allora: il pennino s'inceppava raramente grazie agli aggiustamenti e dritte applicate. Visto che s'inceppava lo stesso e dava false partenze, ho deciso di riportarlo al negoziante una volta tornato in ferie nel negozio "Buff... o" a Brindisi. Non ha fatto una piega sebbene nella prova ci ha messo molto a dare una falsa partenza. Mi ha cambiato il pennino 3 (che dovrebbe rispondere ad un M) con un 4 (B). Visto il costo ridotto (5 €) ne ho preso un altro uguale. Parlando di cinesata con marchio italiano sicuramente anche a questo giro ho fatto marginare parecchio la Campo Marzio, ma la penna mi piaceva davvero troppo... Grazie a tutti dei contributi e dritte!

Avatar utente
nello56
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 1151
Iscritto il: venerdì 11 novembre 2011, 19:37
La mia penna preferita: quella rimessa insieme da me
Il mio inchiostro preferito: Diamine Violet o 4001 Nero
Misura preferita del pennino: Italico
Arte Italiana FP.IT M: 056
Fp.it ℵ: 056
Fp.it Vera: 056
Località: Torino
Sesso:

Sostituire gruppo scrittura Campo Marzio

Messaggio da nello56 » domenica 12 agosto 2018, 18:05

Siberia ha scritto:
martedì 24 luglio 2018, 21:45
Il difetto mi sembra chiaro: come indicato dalle frecce, la punta dell'alimentatore non combacia bene con il pennino. Bisogna portare avanti le punte, una alla volta. Devi stringere, tra indice e pollice, l'alimentatore, con l'altro dito spingere in avanti un rebbo e poi l'altro.
A seguito di questa operazione, si stringerà la fessura tra i rebbi e, quindi, la allargheremo di nuovo! Poi dovrà funzionare

Comunque è un alimentatore molto comune, puoi trovarlo sulle Conklin, sulla Delta Unica e Markiaro, sulla Pelikan Jazz, ecc. Ciò significa che anche un pennino ci si adatta facilmente.

Secondo me ti conviene provare ad aggiustare, il rischio di rompere il pennino è minimo. Altrimenti, se hai paura, fattela cambiare dal negozio. È evidente che la penna è difettosa.
L'alternativa più semplice per mettere a contatto alimentatore con rebbi è quello di immergerli in
acqua calda (acqua portata all'ebollizione e poi spenta) e dopo circa 10 secondi di immersione,
spingere con un dito sulla parte terminale dell'alimentatore per avvicinarlo ai rebbi.
(Da ripetere se non è bastato). In questo modo non si deve variare la geometria dei rebbi.

Quando una penna fatica a scrivere sul lato corretto,
ma riesce a scrivere se usata sul lato secco, è quasi sempre indice di un problema relativo akll' alimentatore staccato.
Infatti, usandola correttamente, si tende naturalmente a staccare l'alimentatore dai rebbi (peggiorando il difetto),
mentre usata sul lato secco, si tende ad avvicinare i rebbi all'alimentatore migliorando la situazione.

In ogni caso, hai fatto benissimo a seguire il corretto suggerimento di Siberia: finchè si dispone di una garanzia valida,
tanto vale utilizzarla! ;)

Nello

Avatar utente
Siberia
Levetta
Levetta
Messaggi: 738
Iscritto il: martedì 10 febbraio 2009, 20:34
La mia penna preferita: Quelle in celluloide
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero, Pelikan Blu-Black
Misura preferita del pennino: Medio
Località: L'Aquila-Pescara
Sesso:

Sostituire gruppo scrittura Campo Marzio

Messaggio da Siberia » domenica 12 agosto 2018, 19:04

Grazie Nello del prezioso consiglio. Imparo una cosa nuova. Sicuramente è più semplice come dici tu
Luca (renitente alla sfera, sempre)

Avatar utente
nello56
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 1151
Iscritto il: venerdì 11 novembre 2011, 19:37
La mia penna preferita: quella rimessa insieme da me
Il mio inchiostro preferito: Diamine Violet o 4001 Nero
Misura preferita del pennino: Italico
Arte Italiana FP.IT M: 056
Fp.it ℵ: 056
Fp.it Vera: 056
Località: Torino
Sesso:

Sostituire gruppo scrittura Campo Marzio

Messaggio da nello56 » domenica 12 agosto 2018, 19:13

Figurati! E' un vero piacere scambiarsi le esperienze…
Io leggendo gli interventi non finisco mai di imparare! Modi diversi di approcciare
i problemi regalano possibilità di scelta più ampie :thumbup:

( e poi con te che hai come icona il mio animale preferito… :clap: )

Nello

Avatar utente
Stilo80
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 339
Iscritto il: venerdì 8 giugno 2018, 9:11
La mia penna preferita: Pilot Custom 74, Lamy Studio
Il mio inchiostro preferito: J. HERBIN Blue Pervenche
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Contatta:

Sostituire gruppo scrittura Campo Marzio

Messaggio da Stilo80 » lunedì 13 agosto 2018, 0:11

Grazie mille nello56 del contributo: fa riflettere sul fatto che si possa rendere un po' duttile l'alimentatore, una notevole possibilità in più.

Immagino che la wiki proponga di flettere i rebbi e non l'alimentatore in quanto i rebbi sono normalmente flessibili e l'alimentatore (al netto di "cozione" nell'acqua calda) no. Va da sé che i rebbi sono si flessibili ma hanno come si suole dire "memoria" della posizione iniziale prima della flessione. Immagino di dover seguire l'ultimo procedimento come estrema ratio per i casi disperati come il mio in cui la flessione dei rebbi verso l'alimentatore non risolva dopo diversi tentativi e quindi la propagazione per capillarità' si possa ripristinare solo rendendo curvo verso i rebbi l'ultimo tratto dell'alimentatore. Un segnale di una necessità di operare in tal senso è il fatto che la parte secca del pennino (scrittura inversa) scriva meglio della parte umida (scrittura normale).

Ho capito bene?

P. S. Il tutto da contestualizzare su un pennino che alla fine vale pur sempre cinque euro il che forse avrà ostacolato la resa delle tecniche che mi avete gentilmente condiviso.

Avatar utente
nello56
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 1151
Iscritto il: venerdì 11 novembre 2011, 19:37
La mia penna preferita: quella rimessa insieme da me
Il mio inchiostro preferito: Diamine Violet o 4001 Nero
Misura preferita del pennino: Italico
Arte Italiana FP.IT M: 056
Fp.it ℵ: 056
Fp.it Vera: 056
Località: Torino
Sesso:

Sostituire gruppo scrittura Campo Marzio

Messaggio da nello56 » lunedì 13 agosto 2018, 13:27

Diciamo che guardando l'immagine al di fuori del contesto per la quale è stata realizzata
può sembrare che si possa fare ANCHE così.
In realtà, se leggi quanto descritto (http://www.fountainpen.it/Analisi_ed_ag ... el_pennino),
scoprirai che non si fà menzione di questo metodo per avvicinare i rebbi all'alimentatore, ma solo per rialiinearli
quando uno è più in basso rispetto all'altro (infatti la didascalia riporta:Allineamento-Pennino-Disassato).

Ed infatti, il principio è quello di abbassare il rebbio più alto (portandolo verso l'alimentatore) piuttosto che alzare
quello più basso (di fatto allontanandolo dall'alimentatore).

Quando il pennino,con la geometria dei rebbi corretta, si presenta discosto dall'alimentatore , il metodo più corretto per avvicinarlo
è quello di scaldare (delicatamente) l'alimentatore e spingerlo a contatto del pennino.

Poi, come sempre, le vie delle riparazioni sono (quasi) infinite; quello che conta è che si riesca a far funzionare le nostre amate stilografiche ;)

Nello

Avatar utente
Stilo80
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 339
Iscritto il: venerdì 8 giugno 2018, 9:11
La mia penna preferita: Pilot Custom 74, Lamy Studio
Il mio inchiostro preferito: J. HERBIN Blue Pervenche
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Contatta:

Sostituire gruppo scrittura Campo Marzio

Messaggio da Stilo80 » lunedì 13 agosto 2018, 19:57

Senza dubbio, grazie della precisazione!

Rispondi