Pennini re-tipped

Tecniche e consigli per l'uso, la manutenzione e la riparazione delle penne stilografiche.
Rispondi
Avatar utente
alfredop
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2215
Iscritto il: martedì 30 dicembre 2008, 17:48
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 061
Fp.it Vera: 002
Località: Napoli
Sesso:

Pennini re-tipped

Messaggio da alfredop » sabato 7 luglio 2018, 16:15

Ho fatto fare il re-tipping ad un paio di pennini in mio possesso (45E. cadauno), ecco il risultato:

Pennino Parker Duofold senior:

Immagine
Immagine
Immagine

Pennino Sheaffer Balance:

Immagine
Immagine

Per il pennino Duofold avevo chiesto un tratto EF, mentre per il pennino Sheaffer avevo chiesto un tratto fine. Il risultato mi sembra buono, c'è da dire che probabilmente (soprattutto per il pennino Sheaffer) avrei potuto recuperare direttamente dei pennini di ricambio spendendo qualcosa in meno, in questo caso ho voluto mettere alla prova l'artigiano incontrato al pen show di Barcellona (dove gli ho consegnato i pennini), per pennini più rari può senz'altro valerne la pena.

Alfredo
“Andare all’inferno è facile . C’è una scala. Scendi il primo gradino. Poi scendi il secondo. Poi scivoli." (Leo Ortolani, Rat-Man n. 91)

Avatar utente
PeppePipes
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 1063
Iscritto il: sabato 12 ottobre 2013, 21:29
La mia penna preferita: Conklin Endura sapphire Sr
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku Ku-Jaku
Misura preferita del pennino: Obliquo
Sesso:

Pennini re-tipped

Messaggio da PeppePipes » sabato 7 luglio 2018, 16:49

le "retippature" economiche vengono fatte applicando nuovo iridio sulle punte d'oro dopo averle paraggiate.
Questo sistema ha l'aspetto negativo di accorciare un poco il pennino. La cosa può essere abbastanza ben mascherata abbassando leggermente il profilo delle spalle, ed in molti casi, come quelli mostrati il risultato è del tutto soddisfacente specie se si tratta di pennini abbastanza slanciati.
Qualche problema lo si può avere su pennini già originariamente con le punte corte, dove l'ulteriore accorciamento può evidenziarsi e risultare poco gradevole.
Resta il fatto che l'intervento "a regola d'arte" è assai più complesso e costoso in quanto prevede di saldare sui monconi delle punte un pezzetto d'oro in modo che la successiva applicazione dell'iridio riporti la lunghezza del pennino a quella originaria.
Ricordo di avere visto un filmato, probabilmente ancora presente su Youtube, dove un anziano tecnico giapponese mostrava diversi tipi d'intervento su pennini danneggiati, tra i quali quello descritto.
La curiosità è madre dell'interesse. Una vita senza interessi è una vita in stato comatoso.

Avatar utente
alfredop
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2215
Iscritto il: martedì 30 dicembre 2008, 17:48
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 061
Fp.it Vera: 002
Località: Napoli
Sesso:

Pennini re-tipped

Messaggio da alfredop » sabato 7 luglio 2018, 17:06

PeppePipes ha scritto:
sabato 7 luglio 2018, 16:49
Resta il fatto che l'intervento "a regola d'arte" è assai più complesso e costoso in quanto prevede di saldare sui monconi delle punte un pezzetto d'oro in modo che la successiva applicazione dell'iridio riporti la lunghezza del pennino a quella originaria.
Ricordo di avere visto un filmato, probabilmente ancora presente su Youtube, dove un anziano tecnico giapponese mostrava diversi tipi d'intervento su pennini danneggiati, tra i quali quello descritto.
Caro Peppe concordo con te, d'altra parte già il costo di questo intervento può risultare poco competitivo con quello di cercare dei pennini di ricambio. Un intervento a regola d'arte può giustificarsi solo su pennini di elevato valore e dove l'obiettivo non è quello di rendere la penna di nuovo funzionante (per il quale va bene anche la semplice applicazione dell'iridio) ma piuttosto di restituirla quanto più possibile vicina all'originale.

Alfredo
“Andare all’inferno è facile . C’è una scala. Scendi il primo gradino. Poi scendi il secondo. Poi scivoli." (Leo Ortolani, Rat-Man n. 91)

Avatar utente
PeppePipes
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 1063
Iscritto il: sabato 12 ottobre 2013, 21:29
La mia penna preferita: Conklin Endura sapphire Sr
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku Ku-Jaku
Misura preferita del pennino: Obliquo
Sesso:

Pennini re-tipped

Messaggio da PeppePipes » sabato 7 luglio 2018, 18:56

alfredop ha scritto:
sabato 7 luglio 2018, 17:06
PeppePipes ha scritto:
sabato 7 luglio 2018, 16:49
Resta il fatto che l'intervento "a regola d'arte" è assai più complesso e costoso in quanto prevede di saldare sui monconi delle punte un pezzetto d'oro in modo che la successiva applicazione dell'iridio riporti la lunghezza del pennino a quella originaria.
Ricordo di avere visto un filmato, probabilmente ancora presente su Youtube, dove un anziano tecnico giapponese mostrava diversi tipi d'intervento su pennini danneggiati, tra i quali quello descritto.
Caro Peppe concordo con te, d'altra parte già il costo di questo intervento può risultare poco competitivo con quello di cercare dei pennini di ricambio. Un intervento a regola d'arte può giustificarsi solo su pennini di elevato valore e dove l'obiettivo non è quello di rendere la penna di nuovo funzionante (per il quale va bene anche la semplice applicazione dell'iridio) ma piuttosto di restituirla quanto più possibile vicina all'originale.

Alfredo
Assolutamente giusto.
La curiosità è madre dell'interesse. Una vita senza interessi è una vita in stato comatoso.

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 9751
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Pennini re-tipped

Messaggio da maxpop 55 » lunedì 9 luglio 2018, 10:31

Bel lavoro, certo da prendere con le pinze nel senso che è un lavoro costoso e vale la pena farlo solo su pennini non facili da trovare per una penna di cui si vuole conservare l'originalità non sostituendo il pennino con uno qualunque o con un pennino che anche se della stessa marca non corrispondente come modello.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
Siberia
Levetta
Levetta
Messaggi: 747
Iscritto il: martedì 10 febbraio 2009, 20:34
La mia penna preferita: Quelle in celluloide
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero, Pelikan Blu-Black
Misura preferita del pennino: Medio
Località: L'Aquila-Pescara
Sesso:

Pennini re-tipped

Messaggio da Siberia » lunedì 9 luglio 2018, 15:03

Approfitto dell'argomento aperto: per questa Olo in foto, che mi consigliate? Pennino "Olo 1942 5", molto flessibile, fantastico, ma non ha più le punte in iridio. La penna ha una riparazione sul bordo del tappo che chiude bene lo stesso. Celluloide meravigliosa. Manca la barra I e il sacchetto. Secondo voi il pennino è l'originale? Vale la pena procedere al "retipping"?
Grazie
Allegati
P_20180709_145117.jpg
P_20180709_145010.jpg
P_20180709_144924.jpg
P_20180709_144847.jpg
P_20180709_144832.jpg
P_20180709_144817.jpg
P_20180709_144752.jpg
P_20180709_145244.jpg
Luca (renitente alla sfera, sempre)

Avatar utente
PeppePipes
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 1063
Iscritto il: sabato 12 ottobre 2013, 21:29
La mia penna preferita: Conklin Endura sapphire Sr
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku Ku-Jaku
Misura preferita del pennino: Obliquo
Sesso:

Pennini re-tipped

Messaggio da PeppePipes » lunedì 9 luglio 2018, 21:11

A parte che non sono certo che vengano fatti interventi di re-tipping sui pennini d'acciaio, secondo me il valore teorico del pennino dovrebbe essere inferiore o simile al costo della riparazione. Anche se trovarlo potrebbe non essere facilissimo.
La curiosità è madre dell'interesse. Una vita senza interessi è una vita in stato comatoso.

Rispondi