Una ricostruzione complicata.

Tecniche e consigli per l'uso, la manutenzione e la riparazione delle penne stilografiche.
Rispondi
Avatar utente
PeppePipes
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 1000
Iscritto il: sabato 12 ottobre 2013, 21:29
La mia penna preferita: Conklin Endura sapphire Sr
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku Ku-Jaku
Misura preferita del pennino: Obliquo
Sesso: Uomo

Una ricostruzione complicata.

Messaggio da PeppePipes » lunedì 14 maggio 2018, 20:44

Oggi ero sufficientemente ispirato per cercare di risolvere l'ultimo problema di una vecchia Montblanc "Fabbricata in Italia": una rottura nella parte filettata che ospita il pulsante di fondo e sulla quale si avvita il fondello. Questa parte, come spesso accade non è ricavata insieme al corpo della penna, ma inserita nel suo fondo, spesso realizzata in un materiale diverso: in questo caso è in ebanite mentre il corpo è di celluloide.
Solitamente la cosa più facile è eliminare questa parte e sostituirla con una compatibile ricavata da un rottame; in questo caso purtroppo la misura è molto anomala e non ho trovato nulla di compatibile. Decido così di tentare una riparazione; tanto mal che vada la strada dell'espianto e sostituzione resta comunque aperta.
Naturalmente all'inizio non ho pensato di documentare l'intervento e manca quindi la foto della rottura, anche se si può facilmente intuire dall'immagine che illustra il riporto di materiale appena eseguito.
SAM_3262.JPG
SAM_3263.JPG
Nella circostanza non ho usato la solita miscela di cianoacrilico e polvere di ebanite, ma ho optato per sostituire la predetta con il filler della Eurobond, miscelato con l'adesivo della stessa casa che comunque anch'esso pare somigliare in tutto e per tutto all'Attak e prodotti analoghi, anche se forse è ancora più liquido. Ho scelto questa soluzione perché la resina che si ottiene è particolarmente tenace: caratteristica importante perché il pulsante di fondo nell'entrare nella sede fa un certo sforzo. Per contro c'è lo svantaggio che il materiale appare di un bianco lattiginoso e traslucido.
Per conservare il più possibile intatto il foro inserisco un cilindretto avvolto nel nastro di teflon sino a raggiungere il diametro corretto. Applicato il prodotto facendo molta attenzione a non andare fuori dalla zona del danno ne regolarizzo la forma con la lima e passo quindi alla fase più difficoltosa, ovvero quella di raccordare la filettatura sulla parte applicata.
SAM_3265.JPG
C'è da perderci gli occhi, ma poco alla volta riesco a ricreare i solchi mancanti con una lima di forma adeguata.
SAM_3268.JPG
Dopo qualche ritocco il fondello si avvita correttamente e non resta che applicare un pò di vernice per l'ebanite per rendere pressoché invisibile la riparazione.
SAM_3271.JPG
Ultima modifica di PeppePipes il lunedì 14 maggio 2018, 21:27, modificato 1 volta in totale.
La curiosità è madre dell'interesse. Una vita senza interessi è una vita in stato comatoso.

Avatar utente
Corvogiallo
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 259
Iscritto il: giovedì 9 luglio 2015, 16:09
La mia penna preferita: Waterman Carene
Il mio inchiostro preferito: Montblanc Noir
Misura preferita del pennino: Fine
Sesso: Non Specificato

Una ricostruzione complicata.

Messaggio da Corvogiallo » lunedì 14 maggio 2018, 20:50

Ma comme fa!
Allegati
IMG_2751.JPG
IMG_2751.JPG (16.64 KiB) Visto 293 volte

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 9192
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso: Uomo

Una ricostruzione complicata.

Messaggio da maxpop 55 » lunedì 14 maggio 2018, 21:02

PeppePipes ha scritto:
lunedì 14 maggio 2018, 20:44
Oggi ero sufficientemente ispirato per cercare di risolvere l'ultimo problema di una vecchia Montblanc "Fabbricata in Italia": una rottura nella parte filettata che ospita il pulsante di fondo e sulla quale si avvita il fondello. Questa parte, come spesso accade non è ricavata insieme al corpo della penna, ma inserita nel suo fondo, spesso realizzata in un materiale diverso: in questo caso è in ebanite mentre il corpo è di celluloide.
Solitamente la cosa più facile è eliminare questa parte e sostituirla con una compatibile ricavata da un rottame; in questo caso purtroppo la misura è molto anomala e non ho trovato nulla di compatibile. Decido così di tentare una riparazione; tanto mal che vada la strada dell'espianto e sostituzione resta comunque aperta.
Naturalmente all'inizio non ho pensato di documentare l'intervento e manca quindi la foto della rottura, anche se si può facilmente intuire dall'immagine che illustra il riporto di materiale appena eseguito. SAM_3262.JPGSAM_3263.JPG
Nella circostanza non ho usato la solita miscela di cianoacrilico e polvere di ebanite, ma ho optato per sostituire la predetta con il filler della Eurobond, miscelato con l'adesivo della stessa casa che è comunque anch'esso pare somigliare in tutto e per tutto all'Attak e prodotti analoghi, anche se forse è ancora più liquido. Ho scelto questa soluzione perché la resina che si ottiene è particolarmente tenace: caratteristica importante perché il pulsante di fondo nell'entrare nella sede fa un certo sforzo. Per contro c'è lo svantaggio che il materiale appare di un bianco lattiginoso e traslucido.
Per conservare il più possibile intatto il foro inserisco un cilindretto avvolto nel nastro di teflon sino a raggiungere il diametro corretto. Applicato il prodotto facendo molta attenzione a non andare fuori dalla zona del danno ne regolarizzo la forma con la lima e passo quindi alla fase più difficoltosa, ovvero quella di raccordare la filettatura sulla parte applicata. SAM_3265.JPGC'è da perderci gli occhi, ma poco alla volta riesco a ricreare i solchi mancanti con una lima di forma adeguata. SAM_3268.JPGDopo qualche ritocco il fondello si avvita correttamente e non resta che applicare un pò di vernice per l'ebanite per rendere pressoché invisibile la riparazione.SAM_3271.JPG
Maestro sei grande :clap: :clap: :clap:
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
HoodedNib
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 345
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso: Uomo

Una ricostruzione complicata.

Messaggio da HoodedNib » lunedì 14 maggio 2018, 21:41

Cioe'... applausi! :clap:

Avatar utente
Syrok
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 383
Iscritto il: domenica 28 giugno 2015, 23:19
La mia penna preferita: Seilor ecoule nera glitterata
Il mio inchiostro preferito: Seilor gentle ink blu/black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Alba (CN)
Sesso: Uomo

Una ricostruzione complicata.

Messaggio da Syrok » martedì 15 maggio 2018, 3:41

No va beh ora tutti a costruire penne con il miscuglio magico allora :lol: :lol: :lol:
Alcune volte vinci, tutte le altre volte impari
(poverbio giapponese)
Alessandro
Immagine

thepanz66
Converter
Converter
Messaggi: 16
Iscritto il: lunedì 5 febbraio 2018, 13:52
Sesso: Non Specificato

Una ricostruzione complicata.

Messaggio da thepanz66 » martedì 15 maggio 2018, 7:47

profondamente ammirato.... grazie per la condivisione!

Avatar utente
PeppePipes
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 1000
Iscritto il: sabato 12 ottobre 2013, 21:29
La mia penna preferita: Conklin Endura sapphire Sr
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku Ku-Jaku
Misura preferita del pennino: Obliquo
Sesso: Uomo

Una ricostruzione complicata.

Messaggio da PeppePipes » martedì 15 maggio 2018, 8:31

thepanz66 ha scritto:
martedì 15 maggio 2018, 7:47
profondamente ammirato.... grazie per la condivisione!
Condividendo s'impara e si migliora.
E questo vale per tutti, nessuno escluso.
La curiosità è madre dell'interesse. Una vita senza interessi è una vita in stato comatoso.

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 9999
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Sesso: Uomo
Contatta:

Una ricostruzione complicata.

Messaggio da piccardi » martedì 15 maggio 2018, 23:24

Complimenti per il magnifico lavoro, temo sia ben al di sopra delle mie capacità manuali, ma sapere che si può fare è già un bell'incentivo a provarci. Molto interessante anche il suggerimento relativo filler utilizzato, non posso che unirmi al coro dei ringraziamenti!

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Avatar utente
Ottorino
Tecnico - Moderatore
Tecnico - Moderatore
Messaggi: 7107
Iscritto il: lunedì 24 novembre 2008, 9:21
La mia penna preferita: Doric donatami da Fab66
Il mio inchiostro preferito: colorato brillante o neronero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 096
Fp.it ℵ: 022
Fp.it 霊気: 022
Località: Firenze
Sesso: Uomo

Una ricostruzione complicata.

Messaggio da Ottorino » martedì 15 maggio 2018, 23:38

La cosa piu' bella e intima per me è stato il passo:
Oggi ero sufficientemente ispirato per cercare di risolvere l'ultimo problema di una vecchia Montblanc
E' proprio quel tipo di lavoro da fare quando ti piglia bene.
Respirone e via.
Ma magari erano due o tre mesi se non di piu' che era li in attesa.

Sbaglio di molto, Marcello ?
C'è rimedio ? Perché preoccuparsi ? Non c'è rimedio ? Perché preoccuparsi ?

Avatar utente
PeppePipes
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 1000
Iscritto il: sabato 12 ottobre 2013, 21:29
La mia penna preferita: Conklin Endura sapphire Sr
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku Ku-Jaku
Misura preferita del pennino: Obliquo
Sesso: Uomo

Una ricostruzione complicata.

Messaggio da PeppePipes » mercoledì 16 maggio 2018, 13:05

Ottorino ha scritto:
martedì 15 maggio 2018, 23:38
La cosa piu' bella e intima per me è stato il passo:
Oggi ero sufficientemente ispirato per cercare di risolvere l'ultimo problema di una vecchia Montblanc
E' proprio quel tipo di lavoro da fare quando ti piglia bene.
Respirone e via.
Ma magari erano due o tre mesi se non di piu' che era li in attesa.

Sbaglio di molto, Marcello ?
No, non sbagli di molto; ma l'ispirazione non si comanda: può esserci immediatamente, può arrivare dopo tempi lunghi.
La curiosità è madre dell'interesse. Una vita senza interessi è una vita in stato comatoso.

Rispondi