waterman ideal safety pen

Tecniche e consigli per l'uso, la manutenzione e la riparazione delle penne stilografiche.
Rispondi
Gluca
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 31
Iscritto il: giovedì 18 febbraio 2016, 15:02
Sesso: Non Specificato

waterman ideal safety pen

Messaggio da Gluca » mercoledì 28 marzo 2018, 10:10

ciao a tutti,

ho ritrovato una vecchia stilo di famiglia, una waterman ideal 42, che ho visto che alcuni chiamano anche safety pen.

Ha bisogno di un po' di pulizia, il pennino scende ma non si blocca a fine corsa, non oso caricarla perche' temo di farmi il bagno di inchiostro appena la giro.
Ho dato un'occhiata su internet, e' un modello molto complicato all'interno ma tutta smontabile.
Ho visto dove si deve girare, e qui arrivo al punto, nella speranza di non avervi gia' addormentati tutti.
Non si gira la vite. Di che materiale e' fatto? di plastica (ebanite? brevetto 1898 1908 in quegli anni cosa usavano?) dovrei forzare e ho paura che mi si sbricioli in mano.
Cosa si fa in questi casi?
sforzo? tanto l'ebanite non si rompera' mai
sapone?
svitol?

Non so se si capisce ma non sono un mega esperto in materia, io prenderei due gira tubo dentati superduplex/cromovanadio e userei quelli. Poi l'attak incolla tutto.
Vorrei provarla, il pennino e' molto morbido si disallinea subito e si apre, visto così mi attrae molto l'idea di provarlo.

ciao

Avatar utente
PeppePipes
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 1000
Iscritto il: sabato 12 ottobre 2013, 21:29
La mia penna preferita: Conklin Endura sapphire Sr
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku Ku-Jaku
Misura preferita del pennino: Obliquo
Sesso: Uomo

waterman ideal safety pen

Messaggio da PeppePipes » mercoledì 28 marzo 2018, 17:08

La penna si svita nella parte inferiore, dove inizia il tratto conico: si dovrebbe vedere abbastanza chiaramente una linea di giunzione. Naturalmente un ammollo in acqua non potrà che facilitare le cose. La penna è costruita in ebanite, che purtroppo in acqua tende a richiamare lo zolfo, che ne è parte costituente, in superficie facendo assumere alla penna una colorazione bruna opaca, decisamente antiestetica. Si può rimediare ma è abbastanza faticoso, quindi è consigliabile umettare bene la superficie esterna con grasso al silicone o di vaselina per proteggerla dell'azione dell'acqua.
Spesso si riesce a svitarle con le sole mani, ma potrebbe essere necessaria un pò più di forza; nel caso usa un paio di pinze proteggendo la penna con un pezzo di cuoio o di gomma spessa. Non è delicatissima ma non è neppure metallo, quindi non si può certo forzare come si farebbe su un bullone d'acciaio ed attenzione a girare lungo l'asse, senza introdurre componenti di flessione.
Sarà senz'altro da sostituire una guarnizione in sughero che è all'interno della parte conica: senz'altro su wiki troverai le spiegazioni per farlo; non è una cosa difficilissima , ma presuppone un pò di dimestichezza.
Se la curiosità è solo quella di provarla puoi estrarre il pennino ed intingerlo come fosse una penna a cannuccia: ciò ti consentirà di scrivere diverse parole per ogni intinzione.
La curiosità è madre dell'interesse. Una vita senza interessi è una vita in stato comatoso.

Gluca
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 31
Iscritto il: giovedì 18 febbraio 2016, 15:02
Sesso: Non Specificato

waterman ideal safety pen

Messaggio da Gluca » giovedì 29 marzo 2018, 10:00

grazie per le dritte, adesso è in acqua e sapone quindi la tolgo subito.
Ovviamente come tutte le stilo nella mia famiglia non era stata riposta pulita ma con inchiostro. Una cosa molto utile per testare la qualita' dei materiali usati a suo tempo (la plastica hastil si e' scioglie in 20-30 anni), ma non particolarmente furba.

per svitarla avevo visto pero' che si svita in alto, sotto la parte che gira.appena riesco posto una foto, se devo forzare sarebbe meglio farlo nel posto giusto.
nei video avevo gia' visto il pezzettino di sughero, gia' stavo pensando a come fare. Immagino che sia quello che tiene il pennino in posizione per scrivere. Adesso appena si appoggia il pennino questo scappa.

grazie ancora.

LucaC
Levetta
Levetta
Messaggi: 599
Iscritto il: venerdì 6 febbraio 2015, 10:38
La mia penna preferita: Montblanc 149 Masterpiece
Il mio inchiostro preferito: Private Reserve Electric Blue
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it Vera: 114
Località: Bergamo
Sesso: Uomo

waterman ideal safety pen

Messaggio da LucaC » giovedì 29 marzo 2018, 10:08

Ciao, si è il sughero che tiene bloccato con una certa resistenza il meccanismo inerno cui è attaccato il pennino, quando lo rifarai dovrai lasciare un diametro interno che faccia passare e ruotare l' asticella ma senza troppo agio.

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 9183
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso: Uomo

waterman ideal safety pen

Messaggio da maxpop 55 » giovedì 29 marzo 2018, 10:11

Il sughero è nella parte posteriore e serve per la tenuta dell'inchiostro, poi stringendo sull'asse della spirale tiene anche maggiormente fermo il pennino.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Gluca
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 31
Iscritto il: giovedì 18 febbraio 2016, 15:02
Sesso: Non Specificato

waterman ideal safety pen

Messaggio da Gluca » martedì 3 aprile 2018, 10:39

son riuscito a sbloccare la vite e smontare la parte facile. L'interno era tutto incrostato.

la parte in alto non sono riuscito a sbloccarla e quindi non riesco ad accedere al "tappo".
Ho deciso di lasciarla stare troppo vecchia, non trovo corretto giocarci.
Ho provato il pennino, non male direi e' una misura 2.
Gratta ma scrive bene.
Anche questo e' messo male, sembra sia stato piegato alle estremità e i due rebbi si continuano a sovrapporre.

comunque e' incredibile quanto lavoro ci mettevano una volta a fare le cose.
Allegati
IMG_20180401_112554.jpg

Rispondi