Ricambi Stipula

Tecniche e consigli per l'uso, la manutenzione e la riparazione delle penne stilografiche.
Avatar utente
PeppePipes
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 1120
Iscritto il: sabato 12 ottobre 2013, 21:29
La mia penna preferita: Conklin Endura sapphire Sr
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku Ku-Jaku
Misura preferita del pennino: Obliquo
Sesso:

Ricambi Stipula

Messaggio da PeppePipes » martedì 20 marzo 2018, 19:48

Qualcuno ha idea se siano reperibili i ricambi delle Stipula?
In molte penne la casa fiorentina ha utilizzato una sorta di grosso converter nel quale si avvitava il gruppo scrittura sul davanti e si incastrava il fondello sul dietro, comandandone il funzionamento.
E' in tutto e per tutto un converter come tanti: fatto allo stesso modo, dimensioni a parte. I converter costano due soldi e sono decisamente longevi.
All'epoca mi era sembrata una soluzione intelligente, che consentiva di semplificare la produzione rendendo realizzabili diversi modelli differenziando solo il "vestito" dei predetti. Purtroppo sono riusciti a realizzare una porcheria dove era quasi impossibile farlo.
Oggi ho preso in mano una delle mie due Tibaldi 60 (fatte da Stipula) ed azionando il caricamento la parte posteriore del converter, quella solidale al fondello si è letteralmente sgretolata. Mi chiedo come sia possibile al giorno d'oggi, dove con le plastiche si realizza tutto, comprese parti che lavorano in condizioni di caldo, freddo, a contatto con oli, solventi, si possa trovare della plastica che si deteriora nel giro di pochi anni. Sembra incredibile; viene da pensare che abbiano dovuto farsela realizzare appositamente.
Qui: https://forum.fountainpen.it/viewtopic.php?f=12&t=16122 avevo raccontato il ripristino di una Tibaldi 60, il modello più piccolo ma dalla realizzazione identica: anche in questo caso il converter si era dimostrato fatto malamente e delicato, ma perlomeno con qualche alchimia era recuperabile.
La curiosità è madre dell'interesse. Una vita senza interessi è una vita in stato comatoso.

Avatar utente
Siberia
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 784
Iscritto il: martedì 10 febbraio 2009, 20:34
La mia penna preferita: Quelle in celluloide
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero, Pelikan Blu-Black
Misura preferita del pennino: Medio
Località: L'Aquila-Pescara
Sesso:

Ricambi Stipula

Messaggio da Siberia » martedì 20 marzo 2018, 20:59

L'anno scorso ho contattato la Casa via email per chiedere una sezione di ricambio per la mia Passaporto. Una richiesta del tutto particolare. Dopo un mese , a prezzo di piacere, ho ricevuto direttamente una Passaporto nuova. Quindi prova a scrivergli
Luca (renitente alla sfera, sempre)

Avatar utente
PeppePipes
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 1120
Iscritto il: sabato 12 ottobre 2013, 21:29
La mia penna preferita: Conklin Endura sapphire Sr
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku Ku-Jaku
Misura preferita del pennino: Obliquo
Sesso:

Ricambi Stipula

Messaggio da PeppePipes » martedì 20 marzo 2018, 21:38

Siberia ha scritto:
martedì 20 marzo 2018, 20:59
L'anno scorso ho contattato la Casa via email per chiedere una sezione di ricambio per la mia Passaporto. Una richiesta del tutto particolare. Dopo un mese , a prezzo di piacere, ho ricevuto direttamente una Passaporto nuova. Quindi prova a scrivergli
Grazie. Proverò.
Però che tristezza! la maggior parte delle mie penne sono d'epoca; in qualche caso qualcuna è cristallizzata, ma stiamo parlando di oggetti che hanno 80 - 90 anni e saremo su percentuali dell'ordine dell'uno - due %.
Delle mie penne moderne la Visconti Voyager si è distrutta; nella Delta Pompei il puntale è diventato una specie di pappa appiccicosa e si è sgretolato; Le Omas in resina vegetale che si sono contratte, nelle quali il cappuccio ed il corpo s'incastrano anziché avvitarsi, gli anelli ballano, le dorature si consumano, non si contano; di questa Stipula vi ho detto. Quello che fa più male che sono tutte penne italiane.
Ma è possibile che non si riesca a fare un prodotto decente e che duri negli anni?
La curiosità è madre dell'interesse. Una vita senza interessi è una vita in stato comatoso.

Avatar utente
Siberia
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 784
Iscritto il: martedì 10 febbraio 2009, 20:34
La mia penna preferita: Quelle in celluloide
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero, Pelikan Blu-Black
Misura preferita del pennino: Medio
Località: L'Aquila-Pescara
Sesso:

Ricambi Stipula

Messaggio da Siberia » martedì 20 marzo 2018, 22:08

Non sono un tecnico ma da qualche tempo, ormai, mi sono rifugiato nel vintage (o modernariato anni 70). Ho buttato, inutilmente, troppi soldi su penne nuove. In generale le trovo inferiori rispetto alle stilo del passato: a parte i pennini, anche come plastiche, assemblaggi, ecc. mi sono trovato meglio (fin ora)
Luca (renitente alla sfera, sempre)

valerio50
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 273
Iscritto il: martedì 4 novembre 2014, 14:22
La mia penna preferita: Aurora 88 Nizzoli
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 blu
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Parma
Sesso:

Ricambi Stipula

Messaggio da valerio50 » mercoledì 21 marzo 2018, 0:50

Non pensavo che questa ditta fosse ancora in attività. Sapevo che navigava in cattive acque e pensavo che avesse chiuso. Ora mi date la buona notizia che esiste ancora. Io ho una Stipula Kalegrafica, una di quelle che veniva usata da una casa farmaceutica per omaggiare i medici. Precisamente si tratta del modello Theta, quello che imita la Aurora Etiopia. E' di resina ed è robusta ( non ho mai avuto problemi). E' possibile caricarla con una cartuccia (accetta normalmente quelle della Pelikan) oppure con un contagoccie, dopo aver svitato la sezione, perché è provvista di un o-ring di tenuta.
Valerio

Avatar utente
Phormula
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3197
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Delta "Phormula"
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano

Ricambi Stipula

Messaggio da Phormula » mercoledì 21 marzo 2018, 8:32

Si,l'azienda stava per chiudere ma ha trovato un nuovo finanziatore ed è ripartita con una nuova ragione sociale e una parte dei dipendenti.
Ho una delle Stipula dell'ultima generazione, niente di che, cartuccia/converter, ma devo dire che il miglioramento nella qualità si vede.
So che intervengono sulle penne della gestione precedente, ovviamente nei limiti della disponibilità di ricambi.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 11500
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Ricambi Stipula

Messaggio da maxpop 55 » mercoledì 21 marzo 2018, 9:16

PeppePipes ha scritto:
martedì 20 marzo 2018, 21:38
Siberia ha scritto:
martedì 20 marzo 2018, 20:59
L'anno scorso ho contattato la Casa via email per chiedere una sezione di ricambio per la mia Passaporto. Una richiesta del tutto particolare. Dopo un mese , a prezzo di piacere, ho ricevuto direttamente una Passaporto nuova. Quindi prova a scrivergli
Grazie. Proverò.
Però che tristezza! la maggior parte delle mie penne sono d'epoca; in qualche caso qualcuna è cristallizzata, ma stiamo parlando di oggetti che hanno 80 - 90 anni e saremo su percentuali dell'ordine dell'uno - due %.
Delle mie penne moderne la Visconti Voyager si è distrutta; nella Delta Pompei il puntale è diventato una specie di pappa appiccicosa e si è sgretolato; Le Omas in resina vegetale che si sono contratte, nelle quali il cappuccio ed il corpo s'incastrano anziché avvitarsi, gli anelli ballano, le dorature si consumano, non si contano; di questa Stipula vi ho detto. Quello che fa più male che sono tutte penne italiane.
Ma è possibile che non si riesca a fare un prodotto decente e che duri negli anni?
Ciao Marcello,:


Stipula s.r.l.
Headquarters
Costa Scarpuccia, 9
50100 Firenze - ITALIA
Tel. +39 055 200600

Produzione e Logistica
Tel. +39 055 696972

Assistenza Italia - sabrina.casagrande@ideaprima.eu
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

ArabaFenice
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 32
Iscritto il: sabato 8 giugno 2019, 16:07
La mia penna preferita: Santini
Il mio inchiostro preferito: Diamine-Asa Blue
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Friuli
Sesso:

Ricambi Stipula

Messaggio da ArabaFenice » sabato 15 giugno 2019, 14:04

Per non aprire una nuova discussione scrivo qui:ho una Stipula T-Sahara e non riesco a sapere quale converter sia compatibile e se abbia delle cartucce proprietarie,grazie

Avatar utente
alfredop
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2566
Iscritto il: martedì 30 dicembre 2008, 17:48
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 061
Fp.it Vera: 002
Località: Napoli
Sesso:

Ricambi Stipula

Messaggio da alfredop » sabato 15 giugno 2019, 14:59

Cartucce e converter nello standard internazionale (quello usato da Pelikan).

Alfredo
“Andare all’inferno è facile . C’è una scala. Scendi il primo gradino. Poi scendi il secondo. Poi scivoli." (Leo Ortolani, Rat-Man n. 91)

ArabaFenice
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 32
Iscritto il: sabato 8 giugno 2019, 16:07
La mia penna preferita: Santini
Il mio inchiostro preferito: Diamine-Asa Blue
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Friuli
Sesso:

Ricambi Stipula

Messaggio da ArabaFenice » sabato 15 giugno 2019, 18:38

Bene,grazie,me lo procuro ;)

Avatar utente
jebstuart
Levetta
Levetta
Messaggi: 519
Iscritto il: sabato 4 febbraio 2017, 22:41
La mia penna preferita: Montblanc Celluloid 14x
Il mio inchiostro preferito: Sailor NanoPigment
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Napoli
Sesso:

Ricambi Stipula

Messaggio da jebstuart » sabato 15 giugno 2019, 22:29

Siberia ha scritto:
martedì 20 marzo 2018, 22:08
Non sono un tecnico ma da qualche tempo, ormai, mi sono rifugiato nel vintage (o modernariato anni 70). Ho buttato, inutilmente, troppi soldi su penne nuove. In generale le trovo inferiori rispetto alle stilo del passato: a parte i pennini, anche come plastiche, assemblaggi, ecc. mi sono trovato meglio (fin ora)
Sono totalmente d'accordo.
Credo peraltro che il discorso valga - con poche e lodevoli eccezioni - per la maggior parte dei manufatti.

Per fare un esempio, una chitarra prodotta tra il 1950 e il 1975, a parità di segmento produttivo, suona infinitamente meglio di una moderna. E questo non solo per la stagionatura dei legni, ma per qualità dei componenti, cura liuteristica e rigore di assemblaggio.

Personalmente, trovando un po’ troppo impegnative le penne della prima metà del Novecento, mi rivolgo con grande soddisfazione a quelle prodotte nel dopoguerra. Sono belle e il più delle volte costruite meglio.
Questo ovviamente non vuol dire che le penne prodotte dopo il 1980 siano tutte indistintamente delle schifezze. Ma io tendo a non comprarle.
Mauro

Avatar utente
Phormula
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3197
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Delta "Phormula"
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano

Ricambi Stipula

Messaggio da Phormula » domenica 16 giugno 2019, 8:38

Vero. Ma c'è anche da dire che i prodotti di una volta avevano ben altri prezzi, e questo consentiva di realizzarli meglio. Di molte cose ne compravi uno e non una collezione. Inoltre i difetti c'erano anche allora, ed è assai probabile che molte penne difettose siano finite in pattumiera già ai loro tempi.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Avatar utente
jebstuart
Levetta
Levetta
Messaggi: 519
Iscritto il: sabato 4 febbraio 2017, 22:41
La mia penna preferita: Montblanc Celluloid 14x
Il mio inchiostro preferito: Sailor NanoPigment
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Napoli
Sesso:

Ricambi Stipula

Messaggio da jebstuart » domenica 16 giugno 2019, 18:29

Phormula ha scritto:
domenica 16 giugno 2019, 8:38
Vero. Ma c'è anche da dire che i prodotti di una volta avevano ben altri prezzi, e questo consentiva di realizzarli meglio. Di molte cose ne compravi uno e non una collezione. Inoltre i difetti c'erano anche allora, ed è assai probabile che molte penne difettose siano finite in pattumiera già ai loro tempi.

Hai ragione. Ricordo bene come mio nonno possedesse un unico Zenith, sia pure con cassa d'oro, e non più di due o tre penne stilografiche (di cui una rigorosamente 88), pur svolgendo un lavoro in cui scriveva dalla mattina alla sera.
Le cose erano prodotte per durare una vita ed anche per sopravvivere al proprietario.

Una stilo cinese di oggi non sopravvive nemmeno ad una libellula :D :D :D
Mauro

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 11500
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Ricambi Stipula

Messaggio da maxpop 55 » domenica 16 giugno 2019, 23:20

jebstuart ha scritto:
domenica 16 giugno 2019, 18:29
....................
.............................
................
Una stilo cinese di oggi non sopravvive nemmeno ad una libellula :D :D :D
Purtroppo sono i materiali che usano, solo se guardi il serbatoio o il cappuccio si spacca, per non parlare delle sezioni se scrivi con un po più d pressione invece che aprirsi i rebbi si spacca la sezione.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
jebstuart
Levetta
Levetta
Messaggi: 519
Iscritto il: sabato 4 febbraio 2017, 22:41
La mia penna preferita: Montblanc Celluloid 14x
Il mio inchiostro preferito: Sailor NanoPigment
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Napoli
Sesso:

Ricambi Stipula

Messaggio da jebstuart » lunedì 17 giugno 2019, 0:08

maxpop 55 ha scritto:
domenica 16 giugno 2019, 23:20

Purtroppo sono i materiali che usano, solo se guardi il serbatoio o il cappuccio si spacca, per non parlare delle sezioni se scrivi con un po più d pressione invece che aprirsi i rebbi si spacca la sezione.
Lo so, Massimo.
In realtà le politiche commerciali della Cina, che sembrerebbero benemerenti perchè in grado di consentire a tutti di accedere ad ogni categoria merceologica con una spesa contenuta, in molti casi si rivelano invece molto poco convenienti. Perchè se è vero che da una stilo che costa tre euro nessuno si aspetta niente, è anche vero che vendere un milione di “sole” da uno, due o tre euro, ti fa comunque entrare in tasca tanti soldini, che escono invece dalle tasche di acquirenti che nello spazio di pochi giorni o settimane si trovano un oggetto da cestinare, quando non pericoloso per la salute o l’ambiente.
Mettere in vendita beni con obsolescenza programmata a giorni o settimane, al mio paese si chiama truffa. Ma nessuno sembra accorgersene.
Mauro

Rispondi