Aurora Novum

Tecniche e consigli per l'uso, la manutenzione e la riparazione delle penne stilografiche.
Rispondi
valerio50
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 269
Iscritto il: martedì 4 novembre 2014, 14:22
La mia penna preferita: Aurora 88 Nizzoli
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 blu
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Parma
Sesso: Uomo

Aurora Novum

Messaggio da valerio50 » venerdì 9 marzo 2018, 22:29

Ho due Aurora Novum che non riesco assolutamente ad aprire. La sezione ed il fondello non si svitano. Ho provato a lasciarle immerse nell'acqua fredda, anche per parecchi giorni, ad utilizzare il phonn, e l'acqua calda ( ma non troppo), ma niente da fare. Anzi credo che l'immersione in acqua abbia aggravato il problema facilitando l'ossidazione dell'alluminio interno. Ho sentito dire che gli ultrasuoni potrebbero risolvere il problema. Avete suggerimenti ?
Valerio.

Lamy
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 107
Iscritto il: venerdì 9 febbraio 2018, 19:36
La mia penna preferita: Lamy Safari Al Star Ocean Blue
Il mio inchiostro preferito: Lamy Turchese
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Milano
Sesso: Uomo

Aurora Novum

Messaggio da Lamy » venerdì 9 marzo 2018, 23:01

valerio50 ha scritto:
venerdì 9 marzo 2018, 22:29
Ho sentito dire che gli ultrasuoni potrebbero risolvere il problema. Avete suggerimenti ?
Valerio.
Da perito elettronico ti posso dire che gli ultrasuoni non servono a nulla. C'è chi sostiene addirittura che è possibile distruggere il calcare con gli ultrasuoni e queste bufale si diffondo velocemente su internet purtroppo, perché come diceva Umberto Eco:"I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel. È l’invasione degli imbecilli". Piuttosto dai retta ai tanti esperti del forum che ti sapranno consigliare il modo corretto di procedere.

Avatar utente
rsk80
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 46
Iscritto il: venerdì 9 febbraio 2018, 19:27
La mia penna preferita: Pilot Custom 823 (SF)
Il mio inchiostro preferito: Diamine Asa Blue
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Sesso: Uomo

Aurora Novum

Messaggio da rsk80 » sabato 10 marzo 2018, 2:59

A vederla.. qualcosa mi dice che nè la sezione nè il fondello siano fatti per essere svitati.
La penna non è quella con caricamento a leva posteriore? Occhio a non forzare la leva,
è un sistema di caricamento piuttosto delicato.

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 8859
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso: Uomo

Aurora Novum

Messaggio da maxpop 55 » sabato 10 marzo 2018, 11:00

So quanto sia difficile estrarre la sezione se è ossidata, io ho dovuto romperla e ricostruirla

https://forum.fountainpen.it/viewtopic.php?f=12&t=16039
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

valerio50
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 269
Iscritto il: martedì 4 novembre 2014, 14:22
La mia penna preferita: Aurora 88 Nizzoli
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 blu
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Parma
Sesso: Uomo

Aurora Novum

Messaggio da valerio50 » sabato 10 marzo 2018, 13:34

Per Maxpop.
Non vorrei arrivare a tanto, anche perché se non dovessi trovare una sezione di Aurora Novum (cosa pressoché impossibile), l'avvitamento sul fusto di un'altra sezione svilirebbe la penna in tutti i sensi, collezionistico, estetico, economico.
Valerio

Avatar utente
sanpei
Honoris Causa
Honoris Causa
Messaggi: 1363
Iscritto il: giovedì 15 gennaio 2009, 18:10
Misura preferita del pennino: Flessibile
Fp.it ℵ: 006
Località: Torino
Sesso: Non Specificato
Contatta:

Aurora Novum

Messaggio da sanpei » sabato 10 marzo 2018, 13:48

Il fondello delle Novum è sempre a vite, la sezione di solito pure,
eccetto per una versione seconda serie con clip piatta dove la sezione è ad incastro,
purtroppo l'alluminio forma un ossido molto insidioso Al2O3 duro ed insolubile con metodi casalinghi,
certo che un paio di immagini aiuterebbero parecchio ;)
http://www.zona900.it
Facciamo cose, incontriamo persone.

Zona900-Facebook https://www.facebook.com/Zona900-601300 ... /timeline/

Avatar utente
PeppePipes
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 963
Iscritto il: sabato 12 ottobre 2013, 21:29
La mia penna preferita: Conklin Endura sapphire Sr
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku Ku-Jaku
Misura preferita del pennino: Obliquo
Sesso: Uomo

Aurora Novum

Messaggio da PeppePipes » sabato 10 marzo 2018, 15:15

Non sono assolutamente d'accordo sull'inutilità degli ultrasuoni: in molte occasioni sono stati risolutivi. Purtroppo non esiste il rimedio efficace per ogni problema: gli ultrasuoni vanno bene se ci sono inchiostrazioni d'inchiostro secco o simili, specie se in intercapedini irraggiungibili.
Nel caso della Novum, che come è stato giustamente detto ha un'anima interna di alluminio e su questa sono avvitati puntale e fondello, l'immersione in acqua potrebbe essere persino controproducente.
Per quella che è la mia esperienza ricorrerei piuttosto a prodotti lubrificanti penetranti, quali Svitol o WD-40.
La curiosità è madre dell'interesse. Una vita senza interessi è una vita in stato comatoso.

valerio50
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 269
Iscritto il: martedì 4 novembre 2014, 14:22
La mia penna preferita: Aurora 88 Nizzoli
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 blu
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Parma
Sesso: Uomo

Aurora Novum

Messaggio da valerio50 » sabato 10 marzo 2018, 16:38

Sono riuscito a svitare il fondello. Da qui ho proceduto alla rimozione della barretta e del sacco di gomma, Sono riuscito ad estrarre l'alimentatore ed il pennino, però la sezione è tenacemente adesa al fusto. L'ultima mia trovata è di riempire una provetta con WD40 ed immergerci il fusto dalla parte della sezione naturalmente ed aspettare. Le speranze di riuscire a svitare sono però scarse. Pensavo che l'utilizzo di una vaschetta ad ultrasuoni ( che non ho), producendo cavitazione nel liquido, potesse facilitare il distacco. Sempre che liquido possa penetrare nella filettatura tra sezione e fusto.
Valerio.

valerio50
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 269
Iscritto il: martedì 4 novembre 2014, 14:22
La mia penna preferita: Aurora 88 Nizzoli
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 blu
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Parma
Sesso: Uomo

Aurora Novum

Messaggio da valerio50 » venerdì 16 marzo 2018, 22:32

Devo dare una delusione ai fans dello Svitol e del WD40. L'ossidazione dell'alluminio non cede. Ho lasciato immerso nel WD40 per 3 giorni la penna priva dell'alimentatore, senza alcun apprezzabile risultato. La sezione rimane come saldata al fusto. Ho una mezza idea di comprare una vaschetta ad ultrasuoni e provare.
Valerio

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 8859
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso: Uomo

Aurora Novum

Messaggio da maxpop 55 » sabato 17 marzo 2018, 9:11

Se ti è stato consigliato lo Svìtol o il WD-40. vuol dire che dopo tutte le prove questo è risultato il migliore , giustamente ogni caso è a se anche se il problema è sempre lo stesso la sezione saldata all'anima d'alluminio del fusto.
Valerio non per demoralizzarti, anzi per spronarti al massimo impegno in questa guerra con la sezione della tua Novum, con la mia ho provato per molto, è purtroppo ho dovuto prendere la decisione drastica che hai visto, ti auguro di riuscire in qualche modo a levare la sezione, spesso anche la filettatura interna al fusto è smangiata dall'ossido d'alluminio ecco perchè è saldata alla sezione, spero che la filettatura sia in buona parte salva purtroppo a volte anche quella risulta molto danneggiata.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Rispondi