Sheaffer's Balance ebonized pearl vac-fil

Tecniche e consigli per l'uso, la manutenzione e la riparazione delle penne stilografiche.
Rispondi
Avatar utente
malina
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 139
Iscritto il: venerdì 2 giugno 2017, 22:59
Sesso: Non Specificato

Sheaffer's Balance ebonized pearl vac-fil

Messaggio da malina » domenica 19 novembre 2017, 19:03

Preziosissimi riparatori, approfitto di una mia pausa e della vostra disponibilità per alcuni crucci riguardanti la riparazione di questa graziosa Sheaffer's:
sheaffers balance.jpg
sheaffers balance 2.jpg
- Cruccio numero uno: mentre la osservavo attentamente oggi ho notato che una delle scaglie di madreperla ha la celluloide di 'incastonamento' con una crepa (sorry no pics at the moment)che espone appunto la madreperla leggermente sbriciolata: posso stabilizzarla secondo voi più esperti con una goccia di celluloide trasparente colata sopra e poi carteggiata e lucidata?

- Cruccio numero due: come tentare di far rinvenire il pacco guarnizioni posteriore, nel caso ci sia speranza di una sua ripresa e non necessiti di rimozione cruenta? Basta l'immersione prolungata in acqua e successivo asciugamento + test di tenuta, o meglio previo bagnetto e asciugatura annegarlo (sempre con moderazione ;) ) nel grasso al silicone?

- Cruccio numero tre (utopia pura): ma è proprio impossibile rimuovere plug e packing unit senza sfasciarli? Nessuno ha mai provato con un attrezzo analogo a quello per le vacumatic? (sì, lo so, erano fatti per essere trapanati via e sostituiti, però...)

Dato che per questa settimana avrò abbastanza impegni da dovermi tenere lontana da penne e affini, mi accontenterò di leggere con attenzione tutti i suggerimenti che vorrete darmi: è la prima volta che metto le mani su una Sheaffer's plunger filler per cui ogni dritta è graditissima :thumbup: grazie! :wave:

Avatar utente
PeppePipes
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 963
Iscritto il: sabato 12 ottobre 2013, 21:29
La mia penna preferita: Conklin Endura sapphire Sr
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku Ku-Jaku
Misura preferita del pennino: Obliquo
Sesso: Uomo

Sheaffer's Balance ebonized pearl vac-fil

Messaggio da PeppePipes » domenica 19 novembre 2017, 19:25

La risposta alla prima domanda è sicuramente sì: direi pure che è la cosa migliore da farsi.
Seconda questione: non ci sperare. Al massimo potrebbe un poco rinvenire la guarnizione posteriore, ma quasi certamente è andato il diaframma in gomma che crea la depressione scendendo. Molto probabile che sulla rete tu possa trovare il kit completo per revisionare la penna: misura con quanta precisione possibile il diametro per prendere quello giusto.
Terza questione: prendendo la parte filettata sulla quale si avvita il fondello con delle pinza, proteggendolo con gomma o cuoio sufficientemente spessi, dovresti riuscire nell'intento: di solito non fanno una resistenza esagerata.
Quando hai smontato il tutto fotografalo e vedrai che ti sapremo suggerire il da farsi.
In bocca al lupo.
La curiosità è madre dell'interesse. Una vita senza interessi è una vita in stato comatoso.

Avatar utente
malina
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 139
Iscritto il: venerdì 2 giugno 2017, 22:59
Sesso: Non Specificato

Sheaffer's Balance ebonized pearl vac-fil

Messaggio da malina » domenica 19 novembre 2017, 19:43

Crepi l'incolpevole lupo! E GRAZIE Peppe, avendo letto molti tuoi ottimi consigli sulle Sheaffer's in altri thread mi dà molta fiducia la possibilità di riuscire, forse, a smontare il pacco guarnizioni :thumbup: Capisco la praticità e pragmaticità del metodo Nishimura, ma se riuscissi a mantenere quasi intatta la penna sarei più felice...
Sì, prenderò prossimamente un set di guarnizioni di ricambio, quella in cima all'alberino è sicuramente frantumata dato l'inconfondibile rumore che proviene dal fusto quando viene scosso. Mi manca un calibro digitale ma spero di riuscire con quello analogico ad essere sufficientemente precisa.
Per ora, causa mancanza di tempo, ho solo iniziato il lungo e caldo corteggiamento per convincerla a lasciarmi svitare la sezione dal fusto :angel:
Tra l'altro il fusto ha mantenuto abbastanza la bella e caratteristica trasparenza, spero di non fare disastri proprio con questa vecchietta :oops:
Ultima modifica di malina il domenica 19 novembre 2017, 21:44, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
PeppePipes
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 963
Iscritto il: sabato 12 ottobre 2013, 21:29
La mia penna preferita: Conklin Endura sapphire Sr
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku Ku-Jaku
Misura preferita del pennino: Obliquo
Sesso: Uomo

Sheaffer's Balance ebonized pearl vac-fil

Messaggio da PeppePipes » domenica 19 novembre 2017, 21:05

malina ha scritto:
domenica 19 novembre 2017, 19:43
Crepi l'incolpevole lupo! E GRAZIE Peppe, avendo letto molti tuoi ottimi consigli sulle Sheaffer's in altri thread mi dà molta fiducia la possibilità di riuscire, forse, a smontare il pacco guarnizioni :thumbup: Capisco la praticità e pragmaticità del metodo Nishimura, ma se riuscissi a mantenere quasi intatta la penna sarei più felice...
Sì, prenderò prossimamente un set di guarnizioni di ricambio, quella in cima all'alberino è sicuramente frantumata dato l'inconfondibile rumore che proviene dal fusto quando viene scosso. Mi manca un calibro digitale ma spero di riuscire con quello analogico ad essere sufficientemente precisa.
Per ora, causa mancanza di tempo, ho solo iniziato il lungo e caldo corteggiamento per convincerla a lasciarmi svitare la sezione dal fusto :angel:
Tra l'altro il fusto ha mantenuto abbastanza la bella e caratteristica trasparenza, spero di non fare disastri proprio con questa vecchietta :oops:
Una scaldata col phon dovrebbe semplificare le cose: le penne che tenevano l'inchiostro direttamente nel corpo avevano di norma la filettatura del puntale sigillata con materiale simile alla pece, che col caldo si ammorbidisce e permette di svitare la parte senza sforzo.
La curiosità è madre dell'interesse. Una vita senza interessi è una vita in stato comatoso.

kircher
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 788
Iscritto il: martedì 4 novembre 2014, 5:44
Località: Firenze/Svizzera
Sesso: Non Specificato

Sheaffer's Balance ebonized pearl vac-fil

Messaggio da kircher » domenica 19 novembre 2017, 21:14

Aprite il davanti non è difficile. Io ho anche un'idea eterodossa di come risolvere il problema delle guarnizioni in fondo, ma non posso rivelarla perché temo la reazione di Ottorino.

Avatar utente
malina
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 139
Iscritto il: venerdì 2 giugno 2017, 22:59
Sesso: Non Specificato

Sheaffer's Balance ebonized pearl vac-fil

Messaggio da malina » domenica 19 novembre 2017, 21:44

PeppePipes ha scritto:
domenica 19 novembre 2017, 21:05
Una scaldata col phon dovrebbe semplificare le cose: le penne che tenevano l'inchiostro direttamente nel corpo avevano di norma la filettatura del puntale sigillata con materiale simile alla pece, che col caldo si ammorbidisce e permette di svitare la parte senza sforzo.
I primi tentativi sono andati a vuoto, non ne vuole sapere. Ma la mia leggendaria pazienza avrà la meglio (faccina_che_si_strofina_le_mani.gif :twisted: )
kircher ha scritto:
domenica 19 novembre 2017, 21:14
Aprite il davanti non è difficile. Io ho anche un'idea eterodossa di come risolvere il problema delle guarnizioni in fondo, ma non posso rivelarla perché temo la reazione di Ottorino.
Eh no eh! Ora me lo devi dire! :lol:

Avatar utente
malina
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 139
Iscritto il: venerdì 2 giugno 2017, 22:59
Sesso: Non Specificato

Sheaffer's Balance ebonized pearl vac-fil

Messaggio da malina » venerdì 1 dicembre 2017, 17:37

Ma è davvero così dura da svitare? Il mio caldo corteggiamento non sortisce alcun effetto :(
Inoltre l'alberino è coperto di celluloide ma quest'ultima ha delle crepe :cry: :cry: :cry: che fare?

Avatar utente
malina
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 139
Iscritto il: venerdì 2 giugno 2017, 22:59
Sesso: Non Specificato

Sheaffer's Balance ebonized pearl vac-fil

Messaggio da malina » domenica 3 dicembre 2017, 14:00

Complici le temperature non più miti, grazie all'aiuto della stufa son riuscita a smontare sezione, blind cap, alberino e tutt'e ccose MA AHIMÈ:

- l'alberino è totalmente marcio

- il nipplo era staccato dall'alberino causa ruggine che ha spezzato la parte terminale: mi ritrovo con un monconcino arrugginito a bloccare la filettatura del nipplo e del backing washer. alle brutte userò il sistema consigliato da Peppe nel post della Minor (cloruro ferrico, nipplo in salamoia)

Il grosso problema è che non ho un alberino sostitutivo, e immagino che non sia facile trovare la filiera per filettarlo correttamente :( :( :( suggerimenti? E nel caso trovassi un ricambio, qual è la lunghezza giusta, dato che il mio è letteralmente sbriciolato? 2 19/64"?

Nel frattempo ho messo a bagno sezione+alimentatore+pennino e fusto della penna, anche nella vana speranza che il pacco guarnizioni posteriore possa dare vaghi segni di vita. (a proposito: il cappuccio può essere messo a bagno senza problemi?)

HELP!
Ultima modifica di malina il domenica 3 dicembre 2017, 16:43, modificato 2 volte in totale.

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 8888
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso: Uomo

Sheaffer's Balance ebonized pearl vac-fil

Messaggio da maxpop 55 » domenica 3 dicembre 2017, 16:06

Purtroppo non posso aiutarti, non conosco la penna, però posso dirti che la celluloide puoi tranquillamente metterla a bagno, l'acqua non crea nessun problema.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
malina
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 139
Iscritto il: venerdì 2 giugno 2017, 22:59
Sesso: Non Specificato

Sheaffer's Balance ebonized pearl vac-fil

Messaggio da malina » domenica 3 dicembre 2017, 16:16

Grazie Max! La mia preoccupazione è per la clip che mi pare fissata in maniera insolita :think:

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 8888
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso: Uomo

Sheaffer's Balance ebonized pearl vac-fil

Messaggio da maxpop 55 » domenica 3 dicembre 2017, 17:19

Se la clip non ti da problemi ora non te ne darà neanche dopo, ti ripeto, non l'ho mai smontata, ma credo ci sia il controcappuccio a bloccare la clip.
Sicuramente ottorino saprà dirci di più conosce bene le Sheaffer'S.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
PeppePipes
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 963
Iscritto il: sabato 12 ottobre 2013, 21:29
La mia penna preferita: Conklin Endura sapphire Sr
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku Ku-Jaku
Misura preferita del pennino: Obliquo
Sesso: Uomo

Sheaffer's Balance ebonized pearl vac-fil

Messaggio da PeppePipes » domenica 3 dicembre 2017, 18:44

Purtroppo la corrosione sulle astine delle penne col caricamento a siringa inversa è piuttosto frequente; in alcuni modelli, verosimilmente i più recenti la Sheaffer ha utilizzato l'acciaio inox, e quelle penne si conservano, ma per le altre i problemi devono essere affrontati rimboccandosi le maniche.
Set di maschi e filiere si trovano in rete a prezzi molto economici; magari sono misure metriche, ma non è il caso di formalizzarsi.
Per la lunghezza non so aiutarti, anche perché la Sheaffer ha prodotto penne in parecchie misure, però non penso che sia un problema: una volta fissato al fondello, con il predetto svitato ma accostato alla penna, la posizione del diaframma deve essere un paio di mm al di sotto del limite dove il diametro interno si allarga ed il suddetto non fa più tenuta. La linea che segna il cambio di diametro dovrebbe essere facilmente visibile in trasparenza.
La curiosità è madre dell'interesse. Una vita senza interessi è una vita in stato comatoso.

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 8888
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso: Uomo

Sheaffer's Balance ebonized pearl vac-fil

Messaggio da maxpop 55 » domenica 3 dicembre 2017, 19:08

PeppePipes ha scritto:
domenica 3 dicembre 2017, 18:44
Purtroppo la corrosione sulle astine delle penne col caricamento a siringa inversa è piuttosto frequente; in alcuni modelli, verosimilmente i più recenti la Sheaffer ha utilizzato l'acciaio inox, e quelle penne si conservano, ma per le altre i problemi devono essere affrontati rimboccandosi le maniche.
Set di maschi e filiere si trovano in rete a prezzi molto economici; magari sono misure metriche, ma non è il caso di formalizzarsi.
Per la lunghezza non so aiutarti, anche perché la Sheaffer ha prodotto penne in parecchie misure, però non penso che sia un problema: una volta fissato al fondello, con il predetto svitato ma accostato alla penna, la posizione del diaframma deve essere un paio di mm al di sotto del limite dove il diametro interno si allarga ed il suddetto non fa più tenuta. La linea che segna il cambio di diametro dovrebbe essere facilmente visibile in trasparenza.
Ciao Marcello, illuminaci su come è fissata la clip.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
malina
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 139
Iscritto il: venerdì 2 giugno 2017, 22:59
Sesso: Non Specificato

Sheaffer's Balance ebonized pearl vac-fil

Messaggio da malina » domenica 3 dicembre 2017, 20:58

PeppePipes ha scritto:
domenica 3 dicembre 2017, 18:44
Purtroppo la corrosione sulle astine delle penne col caricamento a siringa inversa è piuttosto frequente; in alcuni modelli, verosimilmente i più recenti la Sheaffer ha utilizzato l'acciaio inox, e quelle penne si conservano, ma per le altre i problemi devono essere affrontati rimboccandosi le maniche.
Set di maschi e filiere si trovano in rete a prezzi molto economici; magari sono misure metriche, ma non è il caso di formalizzarsi.
Per la lunghezza non so aiutarti, anche perché la Sheaffer ha prodotto penne in parecchie misure, però non penso che sia un problema: una volta fissato al fondello, con il predetto svitato ma accostato alla penna, la posizione del diaframma deve essere un paio di mm al di sotto del limite dove il diametro interno si allarga ed il suddetto non fa più tenuta. La linea che segna il cambio di diametro dovrebbe essere facilmente visibile in trasparenza.
Grazie Peppe, anche io ho usato lo stesso metodo empirico per calcolare la probabile lunghezza, e col moncone rimanente i conti tornano (mi sono accorta dello 'scalino', non una rastrematura come nelle onoto, mentre la ripulivo).
Ho una serie di filiere/filettatrici di misure più comuni, ma nessuna con diametro adeguato (poco oltre il millimetro), vedo un po' cosa riesco a trovare :think:

Rispondi