È successo un disastro... MB 146

Tecniche e consigli per l'uso, la manutenzione e la riparazione delle penne stilografiche.
Avatar utente
domenico98
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 144
Iscritto il: mercoledì 12 marzo 2014, 19:47
La mia penna preferita: Sheaffer PFM
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 brillant black
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Milano
Sesso:

È successo un disastro... MB 146

Messaggio da domenico98 » domenica 19 agosto 2018, 22:06

Perdonatemi per il gigantesco ritardo, gli esami universitari mi hanno tenuto molto occupato e tra un viaggio e l'altro non sono riuscito a trovare un po' di tempo. La Montblanc è tornata a casa funzionante, anche se con qualche pecca. Purtroppo non riesco a fare delle foto perché non ho fisicamente la penna sotto mano. La pecca in questione riguarda il pezzo di ricambio che il mio conoscente mi ha procurato. Il prezzo è stato la metà di quello che avrei trovato in botique MB, e la sua ormai abbastanza difficile reperibilità ha allungato un po' i tempi di riparazione. Come ho detto la penna funziona, scrivi così bene che l'ho nominata la mia penna da scrittura per eccellenza, ma purtroppo il pezzo di ricambio presenta qualche difetto. Proprio in prossimità della filettatura per il gruppo pistone presenta una evidente crepa riparata da cui inizialmente trafilava dell'inchiostro. Risigillata da me in seguito, mi sono accorto che dell'inchiostro quando veniva caricato finiva dietro al pistone, obbligandomi a smontare il caricamento prima di ogni ricarica di inchiostro. Probabilmente la forma non è perfetta, probabilmente la crepa riparata ha un suo ruolo, fatto sta che non carica benissimo e spesso succede l'inconveniente sopra descritto. Ovviamente non è nulla di tragico, ma ammetto che avrei preferito avere una penna perfetta. Detto ciò un po' per pigrizia un po' per non sembrare ingrato nei confronti del mio amico che me l'ha sistemata, non ho fatto rapporto e me la sono tenuta così. Probabilmente in futuro se mi capiterà l'occasione cercherò un altro pezzo di ricambio compatibile, ma per ora posso sopportare (per non rinunciare ad una scrittura così bella e delicata). Ora non la ho dietro perché essendo a Londra ho deciso di non portare penne a stantuffo per il rischio di perdite (avrei potuto portarle scariche e portare una boccetta in valigia ma non ci ho pensato) e ho portato qualche penna a cartuccia. Qua a Londra di penne si fa fatica a trovarne in buone condizioni e contemporaneamente a prezzi modici, ma sono riuscito comunque a prenderne qualcuna (da sistemare) che vi mostrerò in futuro. Chiedendo ancora perdono per il ritardo accumulato, sono comunque contento che la penna sia ritornata a casa, e sperando che questa mia avventura sua stata per voi di aiuto, vi auguro una buona serata e buone vacanze!

Lorenzo
"Il primo dovere di un gentiluomo è quello di sognare"
(O. Wilde)

Rispondi