Una piccola tragedia

Tecniche e consigli per l'uso, la manutenzione e la riparazione delle penne stilografiche.
Avatar utente
Rosso Corsa
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 299
Iscritto il: lunedì 7 maggio 2012, 0:00
La mia penna preferita: Tutte purchè dotate di pennino
Misura preferita del pennino: Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 041
Arte Italiana FP.IT M: 078
Fp.it ℵ: 119
Località: Milano
Sesso:

Re: Una piccola tragedia

Messaggio da Rosso Corsa »

Ringrazio tutti per i commenti ed i suggerimenti, spesso interessanti.

Anche se in teoria potrei insistere con Omas per avere una qualche forma di risarcimento, non insisterò, anche considerando il lunghissimo tempo trascorso dall'acquisto.

Credo anche di essere stato particolarmente sfortunato, non credo che questa ... tragedia avvenga molto spesso (grazie al Cielo!). :-)

Ogni tanto utilizzo comunque la mia 555/s a casa per il piacere di riprovare il suo tratto fine, anche se poi devo provvedere alle necessarie pulizie. Potrei anche provare a venderla come "magazzino pezzi di ricambio", ma non so se ne valga la pena.

Se qualcuno avesse necessità di una 555/s da cannibalizzare (termine orrendo!), ovviamente sono a sua disposizione! :-)


Ciao, e grazie ancora!
Mauro

giallu
Converter
Converter
Messaggi: 5
Iscritto il: giovedì 25 aprile 2013, 15:08
Il mio inchiostro preferito: Blue
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Napoli

Una piccola tragedia

Messaggio da giallu »

A proposito di Omas e delle sue polithce commerciali. Qualche annetto fa inviai alla Omas una penna arte italiana in celluloide faccettata che avevo acquistato alla fine degli anni novanta, costo circa un milione delle vecchie lire. Pur conservata in un cassetto al riparo dalla luce e dall' umidità, l'avevo ritrovata, dopo qualche anno che l'avevo totalmente ignorata, con la celluloide virata, e fin qui pazienza, ma cristallizzata al punto che il serbatoio era spaccato in due. La veratta del fondello e la clip totalmente ossidate. Immaginavo che vista la penosa riuscita dei materiali avrebbero provveduto alla sostituzione: vana speranza! Mi dissero che non avevano ricevuto analoghe segnalazioni, per cui il mio era un difetto isolato, non imputabile ai materiali, erano cose che potevano anche accadere, eccezionalmente per 300 €, avrebbero potuto inviarmi una penna identica alla mia! Bella garanzia a vita dei materiali!
Conservo ancora la penna, pronto a mostrarla al pubblico giudizio. La cristallizzazione della celluloide in quello stato dopo soli venti anni...

penboard
Mastro
Mastro
Messaggi: 105
Iscritto il: mercoledì 9 settembre 2009, 10:48
Fp.it 霊気: 016
Sesso:
Contatta:

Una piccola tragedia

Messaggio da penboard »

La vera tragedia non e il capuccio ridotto,
la tragedia e che una ditta produtrice si nasconde dietro questa detta "invecchiamento naturale non coperto dalla garanzia"
per non dire "abbiamo sbagliato la plastica - si riduce troppo veloce ".

Hai trovato un capuccio?
ho cercato cassettone... una viola scura - una blu - con le tre verette. e una nera con solo una veretta.
e una decina di neri, naturalmente invecchiati come il tuo.

Saluti
Tom

Rispondi

Torna a “Tecnica e riparazioni”