Con 70 e bollicine persistenti... per poco

Tecniche e consigli per l'uso, la manutenzione e la riparazione delle penne stilografiche.
Rispondi
Simone
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1362
Iscritto il: sabato 28 gennaio 2012, 13:46
La mia penna preferita: Pelikan M200 (per ora...;))
Il mio inchiostro preferito: J. Herbin Poussiere de Lune
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Bologna

Con 70 e bollicine persistenti... per poco

Messaggio da Simone » lunedì 5 ottobre 2015, 15:37

Ho ancora problemi con il con 70 sulla mia custom 74: quando carico fa le bollicine, che spariscono con l'uso. Però, intanto, le fa e carica male, secondo me.

Non riesco a smontare il converter e non ho molta voglia di fare acquisti, per il rischio di avere lo stesso problema. Su fpn non ho trovato molto.

Secondo voi, al di là che vorrei smontarlo, ma nemmeno l'acqua calda mi ha aiutato aiutato allentare la colla nella filettatura, dove potrebbe essere il problema?

L'inchiostro che uso è il 4001 nero, quindi affidabile e fluido.
Che tu sei qui,
che la vita esiste e l’identità,
Che il potente spettacolo continui,
e che tu puoi contribuire con un verso.

W.W.

Avatar utente
vito72
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 919
Iscritto il: giovedì 21 febbraio 2013, 15:16
La mia penna preferita: Pelikan M205
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Varsavia
Sesso:
Contatta:

Re: Con 70 e bollicine persistenti... per poco

Messaggio da vito72 » lunedì 5 ottobre 2015, 15:57

Simone ha scritto:Ho ancora problemi con il con 70 sulla mia custom 74: quando carico fa le bollicine, che spariscono con l'uso. Però, intanto, le fa e carica male, secondo me.

Non riesco a smontare il converter e non ho molta voglia di fare acquisti, per il rischio di avere lo stesso problema. Su fpn non ho trovato molto.

Secondo voi, al di là che vorrei smontarlo, ma nemmeno l'acqua calda mi ha aiutato aiutato allentare la colla nella filettatura, dove potrebbe essere il problema?

L'inchiostro che uso è il 4001 nero, quindi affidabile e fluido.

sei sicuro sulla fluidità? Lo fa con tutti gli inchiostri? Io ho l'abitudine di agitare i calamai prima di ricaricare, e capita sempre di vedere una certa schiumosità nel converter che però sparisce con l'uso e non da alcun problema.

Simone
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1362
Iscritto il: sabato 28 gennaio 2012, 13:46
La mia penna preferita: Pelikan M200 (per ora...;))
Il mio inchiostro preferito: J. Herbin Poussiere de Lune
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Bologna

Re: Con 70 e bollicine persistenti... per poco

Messaggio da Simone » lunedì 5 ottobre 2015, 16:09

Fatto anche con altri inchiostri quali perle noir e edelstein vari... forse anche con jn iroshizuku
Che tu sei qui,
che la vita esiste e l’identità,
Che il potente spettacolo continui,
e che tu puoi contribuire con un verso.

W.W.

Avatar utente
vito72
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 919
Iscritto il: giovedì 21 febbraio 2013, 15:16
La mia penna preferita: Pelikan M205
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Varsavia
Sesso:
Contatta:

Re: Con 70 e bollicine persistenti... per poco

Messaggio da vito72 » lunedì 5 ottobre 2015, 17:28

Secondo me ti preoccupi per niente. Ma è il tipo di sistema che credo facendo il vuoto crea delle bollicine. Se poi spariscono e la penna va bene di che preoccuparsi. In questo video si vede un con 70 con le bolle tipo vuoti di aria.

https://www.youtube.com/watch?v=ZW29jJ_M0TY

Flamingo
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 31
Iscritto il: mercoledì 11 giugno 2014, 19:16
La mia penna preferita: Pilot Prera
Il mio inchiostro preferito: Rohrer e Klingner Verdigris
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Ravenna

Re: Con 70 e bollicine persistenti... per poco

Messaggio da Flamingo » domenica 10 gennaio 2016, 1:37

Ciao a tutti!
Anch'io ho il medesimo problema con il CON-70... :(
Il mio converter è montato su una Pilot Custom Heritage 91 pennino Soft Fine-Medium... ce l'ho da poco e la uso quasi esclusivamente con inchiostro Rohrer & Klingner Verdigris. Quando carico il CON-70 si riempie di piccolissime bollicine che persistono per qualche giorno (dipende dall'uso della penna e da quanto si muove il pesetto interno).
Fin qui niente di grave, se non fosse che quando scrivi più di mezza pagina RESTI A SECCO!!! All'improvviso il tratto si "smagra" e poi svanisce. L'unico modo per farla ripartire e agitarla delicatamente... come per "dar giù l'alcool nel termometro".
Secondo la mia inesperta opinione, si formano delle bollicine anche nell'alimentatore che ostruiscono il flusso.
Mai successo con nessuna penna e con nessun inchiostro! La sto usando solo per brevi appunti perchè la cosa è veramente fastidiosa!

Premetto che appena arrivata ho fatto qualche lavaggio con acqua distillata e l'ho lasciata qualche giorno ad asciugare. Non ho mai usato, e vorrei evitare, il sapone per i piatti... non mi piace lavare le penne col sapone.
Qualche suggerimento per favore???

Grazie infinite! Ciao!

Flamingo
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 31
Iscritto il: mercoledì 11 giugno 2014, 19:16
La mia penna preferita: Pilot Prera
Il mio inchiostro preferito: Rohrer e Klingner Verdigris
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Ravenna

Re: Con 70 e bollicine persistenti... per poco

Messaggio da Flamingo » lunedì 11 gennaio 2016, 23:32

Piccolo aggiornamento:
Ho letto su un sito/blog/forum che alcuni CON-70 in circolazione sarebbero difettosi e creerebbero questo fastidioso problema.
Qualcuno ha avuto esperienze simili?
Nessuno tra i più esperti con qualche parola di conforto?
Grazie!
Ciao!

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 10299
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Sesso:
Contatta:

Re: Con 70 e bollicine persistenti... per poco

Messaggio da piccardi » lunedì 11 gennaio 2016, 23:49

Flamingo ha scritto: Qualcuno ha avuto esperienze simili?
Purtroppo i due che ho non manifestano il problema, quindi non saprei risolverlo...

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Avatar utente
G P M P
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2156
Iscritto il: mercoledì 18 gennaio 2012, 16:06
Il mio inchiostro preferito: Pilot Namiki Blue
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 003
Arte Italiana FP.IT M: 003
Fp.it ℵ: 003
Fp.it 霊気: 003
Località: Pescara
Sesso:

Con 70 e bollicine persistenti... per poco

Messaggio da G P M P » venerdì 24 giugno 2016, 16:10

Sto avendo un problema analogo con la mia Custom 91 + Con-70. Sono certo che il problema non siano né la penna, né il converter, perché li ho già usati insieme per pagine e pagine.

La penna è stata a riposo per qualche mese, dopo essere stata accuratamente lavata con acqua (senza altre sostanze). Stamattina l'ho caricata con Diamine Autumn Oak, ed ho iniziato ad avere questo problema.

Concludo che il problema siano l'inchiostro o la superficie interna del converter. La prima prova che farò sarà aggiungere una pallina di quelle che si trovano dentro le cartucce (se non crea problemi al caricamento), poi proverò a scaricare il converter e a lavarlo con acqua saponata. Potrebbe infatti trattarsi di un problema di carica statica delle pareti interne.
Giovanni Paolo (ma per tutti, GP) - il mio fotoblog

Avatar utente
sciumbasci
Levetta
Levetta
Messaggi: 678
Iscritto il: venerdì 23 ottobre 2015, 11:58
La mia penna preferita: Hero 616
Località: Reggio Emilia
Sesso:

Con 70 e bollicine persistenti... per poco

Messaggio da sciumbasci » venerdì 24 giugno 2016, 17:16

Tempo fa avevo aperto una discussione in merito alle bollicine nel converter della mia safari: avevo risolto momentaneamente mettendoci una goccia di svitol, a converter vuoto, operando il pistone più volte per fare in modo che lo svitol si attaccasse bene alle pareti di plastica (in altre parole, mandando su e giù il pistone).

Chiaro che dopo una ricarica il problema si ripresentava, perché quel velo di svitol sulle pareti bene o male veniva portato via dall'inchiostro.

Ebbene, dopo aver comprato il grasso siliconi o McNett da un negozio di subacquea, ed applicato come mostrato dalle infinite guide che si trovano su internet, non ho mai più avuto prolemi di sorta.

Ricordatevi di usarne poco!

Avatar utente
Alverman
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 63
Iscritto il: martedì 11 novembre 2014, 16:59
La mia penna preferita: La prossima!
Il mio inchiostro preferito: R&K Verdigris
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it 霊気: 037
Località: Milano
Sesso:

Con 70 e bollicine persistenti... per poco

Messaggio da Alverman » venerdì 24 giugno 2016, 17:57

Accade anche a me, sia con il Pilot CON-70 che con il converter Safari testarossa (Z24? non ricordo bene), di trovarmi qualche bollicina dopo il caricamento, sono convinto sia la turbolenza dell'inchiostro aspirato che gioca con un poco di aria rimasta nel converter (o nell'alimentatore).
A dire la verità non me ne sono preoccupato, in realtà le bollicine scompaiono dopo una decina di minuti.

PS: talvolta apro la Pilot e vedo gran parte dell'inchiostro nella parte superiore del CON-70, ma con uno o due colpetti sul converter l'inchiostro scende. Non mi è mai capitato di restare a secco, tuttavia.

Per G P M P: non sono convinto che l'elettricità statica giochi un ruolo, in effetti l'inchiostro è a base di acqua, e dovrebbe essere in grado di neutralizzare le cariche sulla superficie interna del converter...

Avatar utente
MaPe
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1434
Iscritto il: giovedì 24 marzo 2016, 2:32
La mia penna preferita: un giorno, forse, la troverò
Il mio inchiostro preferito: R&K Sepia
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Con 70 e bollicine persistenti... per poco

Messaggio da MaPe » venerdì 24 giugno 2016, 23:42

G P M P ha scritto: Concludo che il problema siano l'inchiostro o la superficie interna del converter. La prima prova che farò sarà aggiungere una pallina di quelle che si trovano dentro le cartucce (se non crea problemi al caricamento), poi proverò a scaricare il converter e a lavarlo con acqua saponata. Potrebbe infatti trattarsi di un problema di carica statica delle pareti interne.
Anch'io sto notando lo stesso problema con una Pilot Kakuno dove ho messo un CON-70 e nelle mie Lamy Safary. Interessante l'idea delle cariche statiche delle pareti interne, ma credo sia più una questione di inchiostro. Le Lamy se le carico con l'inchiostro Monteverde non presentano questo fenomeno, credo dovrò provare anche con la Kakuno.
Alverman ha scritto: Per G P M P: non sono convinto che l'elettricità statica giochi un ruolo, in effetti l'inchiostro è a base di acqua, e dovrebbe essere in grado di neutralizzare le cariche sulla superficie interna del converter...
Nì, l'acqua essendo una molecola polare possiede una carica e se vi fossero cariche elettrostatiche avrebbero poco effetto su un converter fatto di materiale plastico/polimero che per definizione sono isolanti (a meno che non siano "drogati" con materiali conduttori, ma non credo sia questo il caso).
Credo sia più di una questione di fluidodinamica e di numero di Reynolds, quindi un problema d' inchiostro.

Rispondi