Omas 556/S: Pennino stitico ...

Tecniche e consigli per l'uso, la manutenzione e la riparazione delle penne stilografiche.
Avatar utente
vynce
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 79
Iscritto il: martedì 7 agosto 2018, 23:34
La mia penna preferita: Aurora Hastil
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Imola
Sesso:

Omas 556/S: Pennino stitico ...

Messaggio da vynce » venerdì 17 maggio 2019, 14:21

Buongiorno ragazzi, vi chiedo un piccolo aiuto.
Ho acquistato questa "anziana" penna da un privato. Il quale mi ha detto che è rimasta per decenni nella sua scatolina, mai usata.
In effetti sembra davvero intonsa.
Dopo una bella lavata ed aver riempito e svuotato il serbatoio alcune volte con acqua distillata, il sistema di caricamento sembra funzionare alla perfezione.
Tuttavia, caricata con inchiostro (Aurora black) il flusso risulta stitico. Anzi sembra funzionare meglio se la uso rovesciata! Essendo la mia prima OMAS vintage non vorrei fare danni.
Ho letto sul forum l'ipotesi di passare un foglio di acetato tra i rebbi, ma non so se dipende dal pennino... Che consigli mi date?
Grazie.
Vincenzo :wave:

Avatar utente
rolex hunter
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1657
Iscritto il: martedì 1 dicembre 2009, 10:54
La mia penna preferita: Waterman 554 LEC
Il mio inchiostro preferito: Diamine Sherwood green
Misura preferita del pennino: Flessibile
Arte Italiana FP.IT M: 077
Fp.it ℵ: 114
Fp.it 霊気: 034
Località: domiciliato a Reggio Calabria, residente a Torino
Sesso:

Omas 556/S: Pennino stitico ...

Messaggio da rolex hunter » venerdì 17 maggio 2019, 14:36

vynce ha scritto:
venerdì 17 maggio 2019, 14:21
Buongiorno ragazzi, vi chiedo un piccolo aiuto.
Ho acquistato questa "anziana" penna da un privato. Il quale mi ha detto che è rimasta per decenni nella sua scatolina, mai usata.
In effetti sembra davvero intonsa.
Dopo una bella lavata ed aver riempito e svuotato il serbatoio alcune volte con acqua distillata, il sistema di caricamento sembra funzionare alla perfezione.

Tuttavia, caricata con inchiostro (Aurora black) il flusso risulta stitico. Anzi sembra funzionare meglio se la uso rovesciata! Essendo la mia prima OMAS vintage non vorrei fare danni.
Ho letto sul forum l'ipotesi di passare un foglio di acetato tra i rebbi, ma non so se dipende dal pennino... Che consigli mi date?
Grazie.
Vincenzo :wave:
A volte succede che la faccia inferiore del pennino e la faccia superiore dell'alimentatore siano "lasche", non bene o non completamente in contatto; ecco allora che può succedere che scrivendo al rovescio la situazione (l'afflusso di inchiostro) migliora...

Se riesci a far passare un fogliettino di acetato (non provare con la carta.... se si strappa devi smontare tutto) tra pennino e alimentatore SENZA avvertire resistenza, il (primo) problema è proprio questo
Giorgio

la penna perfetta non esiste, quindi per essere felici bisogna avere tante penne (cit.)

Avatar utente
LucaC
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 990
Iscritto il: venerdì 6 febbraio 2015, 10:38
La mia penna preferita: Montblanc 149 Masterpiece
Il mio inchiostro preferito: Private Reserve Electric Blue
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it Vera: 114
Località: Bergamo
Sesso:

Omas 556/S: Pennino stitico ...

Messaggio da LucaC » venerdì 17 maggio 2019, 15:10

Ciao, puoi provare anche ad allargare leggermente i rebbi con una lamina molto sottile. Io ho spesso trovato Omas bisognose di questa cura e ho sempre risolto brillantemente.

Avatar utente
francoiacc
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1420
Iscritto il: martedì 19 dicembre 2017, 23:29
La mia penna preferita: OMAS Extra Arco Brown
Il mio inchiostro preferito: P.W. Akkerman #5 Shocking Blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Capitale del Regno delle Due Sicilie
Sesso:

Omas 556/S: Pennino stitico ...

Messaggio da francoiacc » venerdì 17 maggio 2019, 19:59

Personalmente ho sempre trovato le OMAS molto generose nel flusso. Proverei a passare una sottile lamina tra i rebbi e vedere se migliora. Io normalmente uso un pezzo di lattina di bibite, prendine una con la lamina sottile per iniziare. :wave:
"E' sempre meglio vivere di rimorsi che di rimpianti"
Francesco
Immagine

Avatar utente
vynce
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 79
Iscritto il: martedì 7 agosto 2018, 23:34
La mia penna preferita: Aurora Hastil
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Imola
Sesso:

Omas 556/S: Pennino stitico ...

Messaggio da vynce » sabato 18 maggio 2019, 17:01

Grazie ragazzi per la consueta, insostituibile, generosità. :thumbup:
Ho infilato una pellicola plastica, di quelle che si usano come portatessere, tra il pennino e l'alimentarore (vedi foto).
In effetti si inserisce facilmente ... A questo punto credo di avere un problema ... :D
In verità il blocco pennino-alimentatore sembra abbastanza stabile,ma anche io sono abbastanza incompetente ... :?
Come lo risolvo? Debbo smontare tutta la penna? Oppure basterebbe estrarre solo il "blocco pennino"?
Sul forum non mi sembra di vedere un caso analogo.

Vincenzo
Allegati
20190518_164544.jpg
20190518_164603.jpg

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 11500
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Omas 556/S: Pennino stitico ...

Messaggio da maxpop 55 » domenica 19 maggio 2019, 1:16

vynce ha scritto:
sabato 18 maggio 2019, 17:01
Grazie ragazzi per la consueta, insostituibile, generosità. :thumbup:
Ho infilato una pellicola plastica, di quelle che si usano come portatessere, tra il pennino e l'alimentarore (vedi foto).
In effetti si inserisce facilmente ... A questo punto credo di avere un problema ... :D
In verità il blocco pennino-alimentatore sembra abbastanza stabile,ma anche io sono abbastanza incompetente ... :?
Come lo risolvo? Debbo smontare tutta la penna? Oppure basterebbe estrarre solo il "blocco pennino"?
Sul forum non mi sembra di vedere un caso analogo.

Vincenzo
Smonta solo la sezione, estrai pennino ed alimentatore, poi con un asciugacapelli , facendo attenzione a non esagerare col calore, usando le dita, raddrizzi l'alimentatore se non si è raddrizzato da solo, spesso l'ebanite ha memoria e si raddrizza da solo col calore.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
vynce
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 79
Iscritto il: martedì 7 agosto 2018, 23:34
La mia penna preferita: Aurora Hastil
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Imola
Sesso:

Omas 556/S: Pennino stitico ...

Messaggio da vynce » domenica 19 maggio 2019, 11:15

Grazie Max,
per smontare la sezione dal fusto debbo usare la procedura consigliata nel Wiki: "Uso del calore per favorire lo smontaggio" ?
Quindi "scaldo e svito"? ( ... ho provato a penna fredda e non si sblocca).

Avatar utente
sussak
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 221
Iscritto il: martedì 26 febbraio 2019, 12:02
La mia penna preferita: Parker Duofold Orange Senior,
Il mio inchiostro preferito: Diamine, Lamy Azurite
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Sesso:

Omas 556/S: Pennino stitico ...

Messaggio da sussak » domenica 19 maggio 2019, 11:31

Ho letto in un altro post che la sezione delle Omas veniva sigillata con un componente bituminoso, quindi l'aria fredda credo che ci faccia poco.
Ma con il calore bisogna procedere con prudenza.

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 11500
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Omas 556/S: Pennino stitico ...

Messaggio da maxpop 55 » domenica 19 maggio 2019, 12:24

vynce ha scritto:
domenica 19 maggio 2019, 11:15
Grazie Max,
per smontare la sezione dal fusto debbo usare la procedura consigliata nel Wiki: "Uso del calore per favorire lo smontaggio" ?
Quindi "scaldo e svito"? ( ... ho provato a penna fredda e non si sblocca).
Se non esageri col calore non hai problemi, è l'unico modo per smontarla, col calore il bitume si ammolla (questo è il termine che rende maggiormente l'idea).
Vai gradatamente, la sottoponi al calore più volte, fino a che questi non raggiunge il bitume.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
vynce
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 79
Iscritto il: martedì 7 agosto 2018, 23:34
La mia penna preferita: Aurora Hastil
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Imola
Sesso:

Omas 556/S: Pennino stitico ...

Messaggio da vynce » domenica 19 maggio 2019, 13:39

Ok, ho letto e riletto tutto ... Ho capito il da farsi.
Poi c'è anche la filettatura proprio sul punto dove dovrei scaldare ... Spero di non fare danni. Ci vorrà un pò di pazienza.
La cosa che mi preoccupa è che la deformazione dell'alimentatore (ovviamente montato) io non la noto, quindi la correzione dovrà essere minima ... Davvero minima!
Mi manca anche il "trespolo" in legno forato per tirar fuori il gruppo pennino-alimentatore: c'è una alternativa valida?
Sennò mi aspetto fin quando non posso farlo da un falegname ... :?
Grazie davvero. :)

Avatar utente
rolex hunter
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1657
Iscritto il: martedì 1 dicembre 2009, 10:54
La mia penna preferita: Waterman 554 LEC
Il mio inchiostro preferito: Diamine Sherwood green
Misura preferita del pennino: Flessibile
Arte Italiana FP.IT M: 077
Fp.it ℵ: 114
Fp.it 霊気: 034
Località: domiciliato a Reggio Calabria, residente a Torino
Sesso:

Omas 556/S: Pennino stitico ...

Messaggio da rolex hunter » domenica 19 maggio 2019, 20:31

vynce ha scritto:
domenica 19 maggio 2019, 13:39

Mi manca anche il "trespolo" in legno forato per tirar fuori il gruppo pennino-alimentatore: c'è una alternativa valida?
Proprio in emergenza....

Immagine

Le dimensioni contano, e puoi regolare un po' l'apertura....

Ovviamente dovrai sistemarla in modo stabile e tale che sotto ci sia abbastanza spazio perché pennino e alimentatore possano essere estratti, ma nel mentre che aspetti il falegname...
Giorgio

la penna perfetta non esiste, quindi per essere felici bisogna avere tante penne (cit.)

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 11500
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Omas 556/S: Pennino stitico ...

Messaggio da maxpop 55 » domenica 19 maggio 2019, 23:02

Qui troverai un attrezzo che puoi costruire da solo senza bisogno di farlo fare ad un falegname.
viewtopic.php?f=12&t=16771#p198888
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
vynce
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 79
Iscritto il: martedì 7 agosto 2018, 23:34
La mia penna preferita: Aurora Hastil
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Imola
Sesso:

Omas 556/S: Pennino stitico ...

Messaggio da vynce » lunedì 20 maggio 2019, 18:21

Ciao ragazzi,
essendo calvo non avevo un phon a casa ... :mrgreen:
Pleonastico il ringraziamento a Max ... :D
Ho acquistato una pistola termica, stando alla opportuna distanza, ho effettuato lo smontaggio della sezione (vedi foto) : credo senza danni.
omas alimentatore.jpg
Smontaggio sezione Omas 556/S
Continuando a scaldarla vorrei rimuovere il bitume rimasto sulla filettatura ...
Ora debbo costruirmi l'attrezzo di Max ... (Se rovino la penna mi suicido! :D)
Una domanda ulteriore:
La sezione conviene tenerla a bagno per un pò prima di effettuare l'operazione di estrazione?

Avatar utente
rolex hunter
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1657
Iscritto il: martedì 1 dicembre 2009, 10:54
La mia penna preferita: Waterman 554 LEC
Il mio inchiostro preferito: Diamine Sherwood green
Misura preferita del pennino: Flessibile
Arte Italiana FP.IT M: 077
Fp.it ℵ: 114
Fp.it 霊気: 034
Località: domiciliato a Reggio Calabria, residente a Torino
Sesso:

Omas 556/S: Pennino stitico ...

Messaggio da rolex hunter » lunedì 20 maggio 2019, 23:10

vynce ha scritto:
lunedì 20 maggio 2019, 18:21

Una domanda ulteriore:
La sezione conviene tenerla a bagno per un pò prima di effettuare l'operazione di estrazione?
Certamente si, una mezza giornata almeno, tanto per stare sul sicuro.
Giorgio

la penna perfetta non esiste, quindi per essere felici bisogna avere tante penne (cit.)

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 11500
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Omas 556/S: Pennino stitico ...

Messaggio da maxpop 55 » martedì 21 maggio 2019, 9:50

vynce ha scritto:
lunedì 20 maggio 2019, 18:21
Ciao ragazzi,
essendo calvo non avevo un phon a casa ... :mrgreen:
Pleonastico il ringraziamento a Max ... :D
Ho acquistato una pistola termica, stando alla opportuna distanza, ho effettuato lo smontaggio della sezione (vedi foto) : credo senza danni.
omas alimentatore.jpg
Continuando a scaldarla vorrei rimuovere il bitume rimasto sulla filettatura ...
Ora debbo costruirmi l'attrezzo di Max ... (Se rovino la penna mi suicido! :D)
Una domanda ulteriore:
La sezione conviene tenerla a bagno per un pò prima di effettuare l'operazione di estrazione?
Io avrei avuto paura di usare la pistola termica raggiunge temperature troppo alte.
Puoi anche non asportare il bitume, al limite ci aggiungi un po di grasso al silicone, pero' per stringere la sezione con ancora il bitume, hai bisogno di usare il calore per la stretta finale.
Se lo vuoi asportare prova con una graffetta piccola piegata ad L e fai pulizia nella filettatura, attento, a non far saltare ne rovinare nessun filetto.
Consigliabile L'uso di un lentino durante l'operazione, che potresti anche fare con uno stuzzicadenti con maggior sicurezza di non fare danni, pero' lo stuzzicadenti deve essere quello da spiedino che è più robusto e quando si rompe la punta la rifai con una lama.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Rispondi