Dal cofanetto dei rottami.....

Tecniche e consigli per l'uso, la manutenzione e la riparazione delle penne stilografiche.
Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 9561
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Dal cofanetto dei rottami.....

Messaggio da maxpop 55 » lunedì 18 giugno 2018, 13:37

La columbus 132 è una grande penna, devi solo trovare e mettergli la vera sul cappuccio e raddrizzare un po i rebbi.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

marilua
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 422
Iscritto il: giovedì 5 maggio 2016, 15:23
La mia penna preferita: in questo momento Aurora 98
Il mio inchiostro preferito: waterman Havane
Misura preferita del pennino: Fine
Località: dintorni di Piacenza
Sesso:

Dal cofanetto dei rottami.....

Messaggio da marilua » lunedì 18 giugno 2018, 13:44

Columbus:
qualche dettaglio:
IMG_0921.JPG
IMG_0923.JPG
IMG_0924.JPG
IMG_0927.JPG
Pennino originale Columbus in oro con la scritta Columbus extra 152, mentre la stilo reca sul corpo "Columbus Extra 132", confesso la mia più totale ignoranza sui valori dei numeri e aspetto notizie dai maestri presenti sul forum.
Ovviamente siccome parliamo di rottami, manca anche l'anellino sul cappuccio che è pure sbeccato (qui mi serve assolutamente l'aiuto per la ricostruzione)

proseguo più tardi :wave:
carpe diem tempus fugit

marilua
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 422
Iscritto il: giovedì 5 maggio 2016, 15:23
La mia penna preferita: in questo momento Aurora 98
Il mio inchiostro preferito: waterman Havane
Misura preferita del pennino: Fine
Località: dintorni di Piacenza
Sesso:

Dal cofanetto dei rottami.....

Messaggio da marilua » lunedì 18 giugno 2018, 14:14

maxpop 55 ha scritto:
lunedì 18 giugno 2018, 13:37
La columbus 132 è una grande penna, devi solo trovare e mettergli la vera sul cappuccio e raddrizzare un po i rebbi.
Rispetto a prima il pennino e' già un mezzo miracolo, le punte erano girate all'interno e con una gobba evidentissima sul lato dx, Massimo sai bene che sui pennini ho molte remore, qui ho cominciato a lavorarci, ho paura di far danni, ma lo riprendero' in mano con calma
carpe diem tempus fugit

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 9561
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Dal cofanetto dei rottami.....

Messaggio da maxpop 55 » lunedì 18 giugno 2018, 14:20

marilua ha scritto:
lunedì 18 giugno 2018, 14:14
maxpop 55 ha scritto:
lunedì 18 giugno 2018, 13:37
La columbus 132 è una grande penna, devi solo trovare e mettergli la vera sul cappuccio e raddrizzare un po i rebbi.
Rispetto a prima il pennino e' già un mezzo miracolo, le punte erano girate all'interno e con una gobba evidentissima sul lato dx, Massimo sai bene che sui pennini ho molte remore, qui ho cominciato a lavorarci, ho paura di far danni, ma lo riprendero' in mano con calma
La penna è nera?
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

marilua
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 422
Iscritto il: giovedì 5 maggio 2016, 15:23
La mia penna preferita: in questo momento Aurora 98
Il mio inchiostro preferito: waterman Havane
Misura preferita del pennino: Fine
Località: dintorni di Piacenza
Sesso:

Dal cofanetto dei rottami.....

Messaggio da marilua » lunedì 18 giugno 2018, 14:22

Si :thumbup:
carpe diem tempus fugit

Avatar utente
domenico98
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 141
Iscritto il: mercoledì 12 marzo 2014, 19:47
La mia penna preferita: Sheaffer PFM
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 brillant black
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Milano
Sesso:

Dal cofanetto dei rottami.....

Messaggio da domenico98 » lunedì 18 giugno 2018, 14:40

marilua ha scritto:
lunedì 18 giugno 2018, 13:44
Columbus:
qualche dettaglio:

IMG_0921.JPG

IMG_0923.JPG

IMG_0924.JPG

IMG_0927.JPG

Pennino originale Columbus in oro con la scritta Columbus extra 152, mentre la stilo reca sul corpo "Columbus Extra 132", confesso la mia più totale ignoranza sui valori dei numeri e aspetto notizie dai maestri presenti sul forum.
Ovviamente siccome parliamo di rottami, manca anche l'anellino sul cappuccio che è pure sbeccato (qui mi serve assolutamente l'aiuto per la ricostruzione)

proseguo più tardi :wave:
Era questa la penna che pensavo essere una Ancora, ma mi ero confuso con la Columbus. Davvero una bellissima penna! Sono sicuro che prima o poi ritornerà come nuova!

Domenico (Lorenzo)
"Il primo dovere di un gentiluomo è quello di sognare"
(O. Wilde)

marilua
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 422
Iscritto il: giovedì 5 maggio 2016, 15:23
La mia penna preferita: in questo momento Aurora 98
Il mio inchiostro preferito: waterman Havane
Misura preferita del pennino: Fine
Località: dintorni di Piacenza
Sesso:

Dal cofanetto dei rottami.....

Messaggio da marilua » lunedì 18 giugno 2018, 16:45

E passiamo alla Littoria 31
IMG_0875.JPG
IMG_0878.JPG
IMG_0880.JPG
Delle Littoria si è parlato in parecchi post, con supposizioni varie, numeri incisi sulle penne e tipi di pennini montati (qui pennino in acciaio Durium 8), io non riesco a far altro che inserire le foto lasciando tutte le considerazioni del caso agli esperti.
IMG_0884.JPG
IMG_0903.JPG
IMG_0804.JPG
IMG_0909.JPG
IMG_0910.JPG
IMG_0917.JPG
Da notare il meccanismo di carica per me abbastanza particolare, svitato il fondello, solito tappino e barra a J con una particolarità, la barra arriva solo alla "strettoia" della penna, dall'alimentatore si innesta un tubicino di materiale plastico , (nelle foto le due parti del tubicini, più sottile quella che si innesta sull'alimentatore) che va ad incastrarsi nel foro della strettoia (pistone :?: ).
Sfilando la barra sono usciti parti di un classico sacchetto di gomma, niente pezzi "ferrosi" che possano far pensare a una rottura della barra.
Non capisco se manca o si è rotto qualcosa, più probabile che non conosca il meccanismo di carica
carpe diem tempus fugit

Avatar utente
alfredop
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2082
Iscritto il: martedì 30 dicembre 2008, 17:48
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 061
Fp.it Vera: 002
Località: Napoli
Sesso:

Dal cofanetto dei rottami.....

Messaggio da alfredop » lunedì 18 giugno 2018, 17:31

Sembrerebbe una caricamento simile a quello usato nelle Pelikan Rappen (ci sono anche delle Penco con caricamento simile), dove però la compressione del sacchetto si ottiene comunque attraverso una barra ed un pulsante. Una variante alquanto insolita.

Alfredo
“Andare all’inferno è facile . C’è una scala. Scendi il primo gradino. Poi scendi il secondo. Poi scivoli." (Leo Ortolani, Rat-Man n. 91)

Avatar utente
domenico98
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 141
Iscritto il: mercoledì 12 marzo 2014, 19:47
La mia penna preferita: Sheaffer PFM
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 brillant black
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Milano
Sesso:

Dal cofanetto dei rottami.....

Messaggio da domenico98 » lunedì 18 giugno 2018, 18:37

marilua ha scritto:
lunedì 18 giugno 2018, 16:45
E passiamo alla Littoria 31

IMG_0875.JPG
IMG_0878.JPG
IMG_0880.JPG

Delle Littoria si è parlato in parecchi post, con supposizioni varie, numeri incisi sulle penne e tipi di pennini montati (qui pennino in acciaio Durium 8), io non riesco a far altro che inserire le foto lasciando tutte le considerazioni del caso agli esperti.

IMG_0884.JPG
IMG_0903.JPG
IMG_0804.JPG
IMG_0909.JPG
IMG_0910.JPG
IMG_0917.JPG

Da notare il meccanismo di carica per me abbastanza particolare, svitato il fondello, solito tappino e barra a J con una particolarità, la barra arriva solo alla "strettoia" della penna, dall'alimentatore si innesta un tubicino di materiale plastico , (nelle foto le due parti del tubicini, più sottile quella che si innesta sull'alimentatore) che va ad incastrarsi nel foro della strettoia (pistone :?: ).
Sfilando la barra sono usciti parti di un classico sacchetto di gomma, niente pezzi "ferrosi" che possano far pensare a una rottura della barra.
Non capisco se manca o si è rotto qualcosa, più probabile che non conosca il meccanismo di carica
Direi molto simile a questo: http://forum.fountainpen.it/viewtopic.php?f=12&t=10585
Anche questa una penna bellissima e molto particolare! Ti ringraziamo ancora per averci mostrato queste meraviglie!

Domenico (Lorenzo)
"Il primo dovere di un gentiluomo è quello di sognare"
(O. Wilde)

Avatar utente
PeppePipes
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 1050
Iscritto il: sabato 12 ottobre 2013, 21:29
La mia penna preferita: Conklin Endura sapphire Sr
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku Ku-Jaku
Misura preferita del pennino: Obliquo
Sesso:

Dal cofanetto dei rottami.....

Messaggio da PeppePipes » lunedì 18 giugno 2018, 19:55

marilua ha scritto:
lunedì 18 giugno 2018, 16:45
E passiamo alla Littoria 31
Delle Littoria si è parlato in parecchi post, con supposizioni varie, numeri incisi sulle penne e tipi di pennini montati (qui pennino in acciaio Durium 8), io non riesco a far altro che inserire le foto lasciando tutte le considerazioni del caso agli esperti.
Da notare il meccanismo di carica per me abbastanza particolare, svitato il fondello, solito tappino e barra a J con una particolarità, la barra arriva solo alla "strettoia" della penna, dall'alimentatore si innesta un tubicino di materiale plastico , (nelle foto le due parti del tubicini, più sottile quella che si innesta sull'alimentatore) che va ad incastrarsi nel foro della strettoia (pistone :?: ).
Sfilando la barra sono usciti parti di un classico sacchetto di gomma, niente pezzi "ferrosi" che possano far pensare a una rottura della barra.
Non capisco se manca o si è rotto qualcosa, più probabile che non conosca il meccanismo di carica
E' un normale caricamento a pulsante di fondo; francamente non penso che ci siano neppure gli elementi per considerarlo una variante del predetto: l'attacco del serbatoio in gomma è spostato più in alto, sopra la parte trasparente (sicuramente la penna dovrebbe potersi dividere svitandosi in quella posizione per sostituire il serbatoio): in questo modo è possibile verificare il livello dell'inchiostro presente. Il tubicino collegato al diffusore permette di azionare più volte il meccanismo di carica addizionando l'inchiostro risucchiato all'interno senza che lo stesso venga espulso alla successiva pressione del pulsante sino a quando il livello non ha raggiunto l'altezza del predetto tubicino.
Analoga era la soluzione adottata sulla Aurora Topolino il cui lungo puntale aveva una sezione trasparente, seppur questa penna non fosse dotata del tubicino interno.
La curiosità è madre dell'interesse. Una vita senza interessi è una vita in stato comatoso.

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 10072
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Sesso:
Contatta:

Dal cofanetto dei rottami.....

Messaggio da piccardi » lunedì 18 giugno 2018, 21:31

Ce ne sono molte di varianti di questo caricamento, con la Vacumatic che faceva vedere il livello di inchiostro i concorrenti si son dovuti sbizzarrire, vedi il "Visulated" della Sheaffer. Lo stesso sistema si trova anche sulle Rheingold (con un meccanismo del pulsante fra i più sofisticati mai realizzati).

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Avatar utente
PeppePipes
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 1050
Iscritto il: sabato 12 ottobre 2013, 21:29
La mia penna preferita: Conklin Endura sapphire Sr
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku Ku-Jaku
Misura preferita del pennino: Obliquo
Sesso:

Dal cofanetto dei rottami.....

Messaggio da PeppePipes » lunedì 18 giugno 2018, 21:56

piccardi ha scritto:
lunedì 18 giugno 2018, 21:31
Ce ne sono molte di varianti di questo caricamento, con la Vacumatic che faceva vedere il livello di inchiostro i concorrenti si son dovuti sbizzarrire, vedi il "Visulated" della Sheaffer. Lo stesso sistema si trova anche sulle Rheingold (con un meccanismo del pulsante fra i più sofisticati mai realizzati).

Simone
Anche la Waterman Ink Vue, utilizzando la leva laterale anziché il pulsante di fondo ripropone lo stesso tema.
La curiosità è madre dell'interesse. Una vita senza interessi è una vita in stato comatoso.

marilua
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 422
Iscritto il: giovedì 5 maggio 2016, 15:23
La mia penna preferita: in questo momento Aurora 98
Il mio inchiostro preferito: waterman Havane
Misura preferita del pennino: Fine
Località: dintorni di Piacenza
Sesso:

Dal cofanetto dei rottami.....

Messaggio da marilua » lunedì 18 giugno 2018, 23:03

PeppePipes ha scritto:
lunedì 18 giugno 2018, 19:55
E' un normale caricamento a pulsante di fondo; francamente non penso che ci siano neppure gli elementi per considerarlo una variante del predetto: l'attacco del serbatoio in gomma è spostato più in alto, sopra la parte trasparente (sicuramente la penna dovrebbe potersi dividere svitandosi in quella posizione per sostituire il serbatoio): in questo modo è possibile verificare il livello dell'inchiostro presente. Il tubicino collegato al diffusore permette di azionare più volte il meccanismo di carica addizionando l'inchiostro risucchiato all'interno senza che lo stesso venga espulso alla successiva pressione del pulsante sino a quando il livello non ha raggiunto l'altezza del predetto tubicino.
Analoga era la soluzione adottata sulla Aurora Topolino il cui lungo puntale aveva una sezione trasparente, seppur questa penna non fosse dotata del tubicino interno.
piccardi ha scritto:
lunedì 18 giugno 2018, 21:31
Ce ne sono molte di varianti di questo caricamento, con la Vacumatic che faceva vedere il livello di inchiostro i concorrenti si son dovuti sbizzarrire, vedi il "Visulated" della Sheaffer. Lo stesso sistema si trova anche sulle Rheingold (con un meccanismo del pulsante fra i più sofisticati mai realizzati).

Simone
E ve l'avevo detto che sono ignorante :thumbup: , proverò a smontarla cercando di non far danni, guardando in controluce la parte trasparente si vedono tanti piccoli segni che potrebbero essere l'inizio di microfratture :think:, al limite prima di provare a smontare cerco di proteggere la zona con un giro di nastro di teflon. Sto dicendo una fesseria? :?
carpe diem tempus fugit

Avatar utente
PeppePipes
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 1050
Iscritto il: sabato 12 ottobre 2013, 21:29
La mia penna preferita: Conklin Endura sapphire Sr
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku Ku-Jaku
Misura preferita del pennino: Obliquo
Sesso:

Dal cofanetto dei rottami.....

Messaggio da PeppePipes » martedì 19 giugno 2018, 14:46

Io ti consiglierei di provare prima con le sole mani, magari picchiettando la superficie sopra alla filettatura con il manico in plastica di un coltello da cucina impugnato per la lama mentre fai ruotare la penna sopra un piano d'appoggio. Penso che non dovrebbe fare molta resistenza. Se invece non fosse così e fossi costretta ad usare delle pinze, il teflon non è assolutamente sufficiente a proteggere la penna: dovresti frapporre del cuoio o della gomma spessa, tipo quella dei tubi per innaffiare. E comunque dosa la forza...
E' comunque sempre fondamentale che nel cercare di svitare non si solleciti la penna a flessione ovvero che la forza di rotazione sia impressa in modo concentrico all'asse della penna.
La curiosità è madre dell'interesse. Una vita senza interessi è una vita in stato comatoso.

marilua
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 422
Iscritto il: giovedì 5 maggio 2016, 15:23
La mia penna preferita: in questo momento Aurora 98
Il mio inchiostro preferito: waterman Havane
Misura preferita del pennino: Fine
Località: dintorni di Piacenza
Sesso:

Dal cofanetto dei rottami.....

Messaggio da marilua » mercoledì 20 giugno 2018, 13:36

PeppePipes ha scritto:
martedì 19 giugno 2018, 14:46
Io ti consiglierei di provare prima con le sole mani, magari picchiettando la superficie sopra alla filettatura con il manico in plastica di un coltello da cucina impugnato per la lama mentre fai ruotare la penna sopra un piano d'appoggio. Penso che non dovrebbe fare molta resistenza. Se invece non fosse così e fossi costretta ad usare delle pinze, il teflon non è assolutamente sufficiente a proteggere la penna: dovresti frapporre del cuoio o della gomma spessa, tipo quella dei tubi per innaffiare. E comunque dosa la forza...
E' comunque sempre fondamentale che nel cercare di svitare non si solleciti la penna a flessione ovvero che la forza di rotazione sia impressa in modo concentrico all'asse della penna.
Non ne vuol sapere di smontarsi, provato sia con il coltello che con la classica scaldata di phon e nisba, è rifinita a bagno :)
Tra l'altro non riesco a vedere la filettatura, dall'esterno si vede sola il segno della giunzione, la filettatura probabilmente è coperta dal gommino dello stantuffo.
Peppe non voglio usare le pinze, so che farei sicuramente danni :( , troppo sottile la parte trasparente. Spero che funzioni l'ammollo.
carpe diem tempus fugit

Rispondi