Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

L'ultimo ma non meno importante elemento coinvolto nella scrittura è la carta. Parliamone. E raccontiamo anche degli altri accessori che affianchiamo alle nostre penne.
Avatar utente
Ottorino
Tecnico - Moderatore
Tecnico - Moderatore
Messaggi: 7265
Iscritto il: lunedì 24 novembre 2008, 9:21
La mia penna preferita: Doric donatami da Fab66
Il mio inchiostro preferito: colorato brillante o neronero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 096
Fp.it ℵ: 022
Fp.it 霊気: 022
Località: Firenze
Sesso:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da Ottorino » venerdì 16 gennaio 2015, 21:21

Confermo.
La mia OBJECT ha sempre accettato le due cartucce std d'ordinanza senza dare mai problemi.
C'è rimedio ? Perché preoccuparsi ? Non c'è rimedio ? Perché preoccuparsi ?

LucaDV
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 245
Iscritto il: venerdì 26 settembre 2014, 13:05
La mia penna preferita: la prossima...
Il mio inchiostro preferito: lo sto cercando...
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it 霊気: 020
Località: Saronno
Sesso:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da LucaDV » sabato 17 gennaio 2015, 1:08

Infatti, ora la sto usando(caspita quant'è leggera!)con una cartuccia Pelikan riempita a nero Aurora. Ma non mi sembrava saldissimissimo l'accoppiamento! Comunicherò l'esito della mia ricerca appena provvederò all'acquisto di un converter adatto!

LucaDV

Agenore

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da Agenore » venerdì 13 marzo 2015, 20:24

Ad Alessandro che ha fatto un articolo dettagliato e prezioso va tutta la mia riconoscenza :) sei un grande!!
Ho comprato un Duke Uranus Classical, e il converter è stranissimo.
Chiedo: l'articolo di Alessandro è stato messo sul wiki?
Te Alessandro parteciperai al Pen Show di Firenze?

grazie ancora

Avatar utente
vikingo60
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 4752
Iscritto il: mercoledì 5 maggio 2010, 16:50
La mia penna preferita: Pelikan M 200
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 060
Arte Italiana FP.IT M: 060
Fp.it ℵ: 113
Fp.it Vera: 060
Località: Isernia
Sesso:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da vikingo60 » venerdì 13 marzo 2015, 23:31

Ti ringrazio dei complimenti!
Il lavoro è stato lungo e molto duro. Non è stato messo sul Wiki.
Purtroppo non potrò essere a Firenze, a causa di motivi di lavoro.
Alessandro

Agenore

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da Agenore » lunedì 16 marzo 2015, 18:36

vikingo60 ha scritto:Ti ringrazio dei complimenti!
Il lavoro è stato lungo e molto duro. Non è stato messo sul Wiki.
Purtroppo non potrò essere a Firenze, a causa di motivi di lavoro.
i complimenti te li meriti tutti, credimi.
Per quanto riguarda il wiki, chiedo per favore ai moderatori di pensare di mettere il tuo scritto nella pagina wiki, sarebbe un notevole aiuto per chiarire un argomento impegnativo come quello dei converter.
Grazie

Jackhammer
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 223
Iscritto il: mercoledì 8 aprile 2015, 22:35
La mia penna preferita: Aurora 88
Il mio inchiostro preferito: Alla ricerca di un bel Blu!
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Genova
Sesso:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da Jackhammer » lunedì 27 aprile 2015, 14:14

Purtroppo, devo confermare le informazioni riportate da Vikingo60 nell'elenco iniziale. Sulla mia Waterman Perspective ho avuto grossi problemi con il converter. Posso confrontarlo con gli altri in mio possesso (z24 Lamy e Montblanc) ed è l'unico che mi ha dato problemi quasi subito. Effettivamente la sensazione immediata è di maggiore fragilità.

stramaglia
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 137
Iscritto il: sabato 24 agosto 2013, 19:08
La mia penna preferita: MONTEGRAPPA PAROLA F
Il mio inchiostro preferito: OMAS NERO
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: PIACENZA

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da stramaglia » mercoledì 29 aprile 2015, 0:35

mi chiedevo… visto che la CON-50 della pilot non mi garba…. è possibile "attaccarvi" alla Pilot Prera demonstrator un CON-20????? mi sembra che come sistema di caricamento sia la medesima della CON-70…. anche se infinitamente meno capiente!!!!

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 10298
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Sesso:
Contatta:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da piccardi » mercoledì 29 aprile 2015, 10:59

stramaglia ha scritto: un CON-20????? mi sembra che come sistema di caricamento sia la medesima della CON-70….
No, è completamente diverso, ha un sacchetto con barra laterale per premerlo, il CON-70 ha un meccanismo a pompa/depressione.

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Avatar utente
hongkong
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 91
Iscritto il: giovedì 21 maggio 2015, 10:26
La mia penna preferita: Pelikan 140
Il mio inchiostro preferito: J.Herbin Encre Violette Pensée
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Roma

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da hongkong » sabato 30 maggio 2015, 10:45

Ho letto tutto il post - davvero fatto bene - con molto interesse. E volevo dare un mio piccolo contributo.

Ho un'Aurora Hastil e cercavo il converter trik-trak che ho letto non essere più in produzione, ed in ogni caso non ho letto recensioni entusiastiche sulla sua qualità.
Sono stato in un famoso negozio di Roma - che non so se posso citare - dove la signora mi ha detto che forse, il converter Z26 della Lamy forse poteva andare sulla Hastil. Molto gentilmente mi ha permesso di provarne uno direttamente ed effettivamente la boccuccia entra. Purtroppo però il fusto della Hastil è più stretto dello Z26 e quindi: mission failed.

Ora ho letto questo post: viewtopic.php?f=10&t=3613&start=45#p101207 e volevo avere la conferma che lo "slide converter Parker" sia perfettamente compatibile con la Hastil.

Avatar utente
analogico
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 840
Iscritto il: giovedì 5 marzo 2015, 0:30
La mia penna preferita: Aurora HASTIL
Il mio inchiostro preferito: Aurora nero
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it 霊気: 027
Sesso:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da analogico » sabato 30 maggio 2015, 16:44

Invece che io sappia il converter originale per la hastil è ancora in produzione.
Comunque si trova facilmente nei negozi , anche on line.
Certo è uno dei meno economici e carica poco inchiostro ma per la Hastil non ci sono tante alternative.
Di fatto, io pur avendolo non lo adopero mai, usando le cartucce lunghe non ho mai sentito la necessità del converter.
Non so se il converter slide della Parker cui fai riferimento è quello che ho usato io tempo fa (non sulla Hastil) , nel caso è uno dei converter più scadenti che mi sia mai capitato di utilizzare, dopo poche ricariche trafilava inchiostro posteriormente dalla scanalatura del cursore.

Avatar utente
hongkong
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 91
Iscritto il: giovedì 21 maggio 2015, 10:26
La mia penna preferita: Pelikan 140
Il mio inchiostro preferito: J.Herbin Encre Violette Pensée
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Roma

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da hongkong » domenica 31 maggio 2015, 12:01

Ciao Analogico, il converter originale anche se contiene poco inchiostro almeno - qualitativamente - è decente?
Io vorrei poter usare diversi inchiostri da diverse boccette, senza converter potrei riempire le cartucce con una siringa, ma mi hanno detto che a lungo la boccuccia si consuma e comincia a perdere :problem:

Avatar utente
vikingo60
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 4752
Iscritto il: mercoledì 5 maggio 2010, 16:50
La mia penna preferita: Pelikan M 200
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 060
Arte Italiana FP.IT M: 060
Fp.it ℵ: 113
Fp.it Vera: 060
Località: Isernia
Sesso:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da vikingo60 » domenica 31 maggio 2015, 13:35

Il converter Parker De Luxe a stantuffo è abbastanza buono, se non fosse per il fatto che, di recente, è stato "peggiorato " dalla Sanford, che possiede anche Waterman, con l'uso di plastiche ecologiche, l'abolizione dell'anellino metallico di rinforzo intorno alla bocchetta e con la famigerata guarnizione in gomma rossa dello stantuffo, che si deteriora in poco tempo facendo passare l'inchiostro dietro il meccanismo e provocandone il grippaggio.
Il mio consiglio è di acquistare un converter Aurora, perfettamente compatibile con le penne Parker e di ottima qualità.
Alessandro

Avatar utente
analogico
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 840
Iscritto il: giovedì 5 marzo 2015, 0:30
La mia penna preferita: Aurora HASTIL
Il mio inchiostro preferito: Aurora nero
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it 霊気: 027
Sesso:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da analogico » domenica 31 maggio 2015, 15:22

Il problema è che il converter Aurora standard, diciamo così, sulla Hastil non va bene.
hongkong ha scritto:Ciao Analogico, il converter originale anche se contiene poco inchiostro almeno - qualitativamente - è decente?
Io vorrei poter usare diversi inchiostri da diverse boccette, senza converter potrei riempire le cartucce con una siringa, ma mi hanno detto che a lungo la boccuccia si consuma e comincia a perdere
Il converter originale l'ho usato talmente poco da non poter esprimere un giudizio approfondito, è il classico converter con rivestimento metallico e caricamento a pressione, di sicuro il mio adesso carica una quantità infima di inchiostro, col trascorrere del tempo deve essersi in qualche modo deteriorato il sacchetto.
Sia detto per inciso io non ho mai avuto simpatia per i serbatoi col sacchetto, in generale. Non caricano mai due volte di seguito lo stesso volume di inchiostro, e tendono a deteriorarsi , secondo me.
Per quanto riguarda la ricarica delle cartucce francamente non ho mai avuto problemi di perdita di inchiostro dall'innesto, è una cosa di cui ho sempre sentito parlare ma di fatto non l'ho mai sperimentata direttamente.
Certo , volendo usare sempre e solo un'unica cartuccia forse ci si espone al problema, ma facendo attenzione ad inserirle ed estrarle con una certa cura, e soprattutto facendo una sorta di rotazione, dotandosi perciò di diverse cartucce vuote per non utilizzare sempre le stesse, e sostituendo le più usate con delle nuove di tanto in tanto, sono certo che non avresti alcun tipo di problema e potresti usare tutti i differenti inchiostri che desideri.

Avatar utente
BufaloBill
Converter
Converter
Messaggi: 10
Iscritto il: mercoledì 9 marzo 2016, 20:31
Misura preferita del pennino: Fine
Sesso:

Re: Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da BufaloBill » lunedì 14 marzo 2016, 19:31

Salve a tutti,
ho comprato proprio oggi un Converter Delta per la mia Pelikan Jazz. La qualità costruttiva sembra indubbia, davvero molto "robusto". Ho tuttavia notato che far scendere il pistone è proprio "duro"; cioè, la vite è dura da girare, a differenza del pistone sulla Pelikan M151 che invece è molto più scorrevole. E' normale?

Avatar utente
vikingo60
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 4752
Iscritto il: mercoledì 5 maggio 2010, 16:50
La mia penna preferita: Pelikan M 200
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 060
Arte Italiana FP.IT M: 060
Fp.it ℵ: 113
Fp.it Vera: 060
Località: Isernia
Sesso:

Re: Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da vikingo60 » lunedì 14 marzo 2016, 22:45

Sì,i converter Delta sono a volte molto "duri" nello scorrimento, ma migliorano molto con l'uso.
Inoltre Delta è uno dei pochi marchi con i quali non ho trovato converter difettosi.
Alessandro

Rispondi