Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

L'ultimo ma non meno importante elemento coinvolto nella scrittura è la carta. Parliamone. E raccontiamo anche degli altri accessori che affianchiamo alle nostre penne.
Avatar utente
vikingo60
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 4734
Iscritto il: mercoledì 5 maggio 2010, 16:50
La mia penna preferita: Pelikan M 200
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 060
Arte Italiana FP.IT M: 060
Fp.it ℵ: 113
Fp.it Vera: 060
Località: Isernia
Sesso:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da vikingo60 » sabato 21 giugno 2014, 22:02

Non lo so con sicurezza, ma credo di no.
Alessandro

cassullo

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da cassullo » domenica 22 giugno 2014, 20:31

Interessantissima spiegazione , Grazie Alessandro
per l'ottimo lavoro svolto .
Saluti .

stramaglia
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 137
Iscritto il: sabato 24 agosto 2013, 19:08
La mia penna preferita: MONTEGRAPPA PAROLA F
Il mio inchiostro preferito: OMAS NERO
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: PIACENZA

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da stramaglia » martedì 24 giugno 2014, 15:08

vikingo60 ha scritto:Non lo so con sicurezza, ma credo di no.
VOGLIO fare una pazzia mi faccio arrivare online la con70 della pilot per la mia SAILOR PROCOLOR 500 o la va o la spacca :D

Avatar utente
Luca_63
Levetta
Levetta
Messaggi: 548
Iscritto il: mercoledì 31 dicembre 2008, 11:42
Il mio inchiostro preferito: Purchè sia blu...
Località: Genova
Sesso:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da Luca_63 » sabato 26 luglio 2014, 11:21

artemis ha scritto:Grazie Alessandro,
Finalmente, adesso posso sostituire il converter "trick-track" della mia Hastil con uno a stantuffo della Parker!
Un ottimo lavoro, chiaro e dettagliato!
Buongiorno a tutti !
Riprendo l'intervento di Artemis perchè ho appena acquistato una Hastil sul banchetto di un mercatino ed il converter in dotazione (trick-track) è da sostituire poichè la levetta metallica è deformata e non effettua più la pressione necessaria al caricamento.
Prima di acquistare un altro trick-track (che mi piace proprio poco e costa ben 18 euro, almeno in un negozio della mia città che ne è provvisto) vorrei sapere se esiste un converter a pistone compatibile, visto il diametro molto ridotto della penna.
Ho provato un converter Parker ma non entra essendo troppo largo. :evil:
Un'altra domanda: le attuali cartucce Aurora (al momento non ne possiedo) possono essere utilizzate sulla Hastil ?
Grazie per l'aiuto e buona giornata.
Luca M.

stilrosso
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 61
Iscritto il: venerdì 27 luglio 2012, 19:19
La mia penna preferita: pelikan 120
Il mio inchiostro preferito: custom
Misura preferita del pennino: Fine
Arte Italiana FP.IT M: 086
Località: san benedetto del tronto (ap)

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da stilrosso » lunedì 28 luglio 2014, 19:58

18 euro per un trick track ... sai che botti!
si può riparare, controlla se l'innesto e ok (sia quello della penna che quello del converter) e ti spiego come fare
in alternativa una soluzione semplice economica ed universale... segue
giancarlo
le cose da fare son mille son tante

Avatar utente
vikingo60
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 4734
Iscritto il: mercoledì 5 maggio 2010, 16:50
La mia penna preferita: Pelikan M 200
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 060
Arte Italiana FP.IT M: 060
Fp.it ℵ: 113
Fp.it Vera: 060
Località: Isernia
Sesso:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da vikingo60 » lunedì 28 luglio 2014, 23:38

Confermo che le attuali cartucce Aurora possono essere usate sul modello Hastil.
Alessandro

Avatar utente
Luca_63
Levetta
Levetta
Messaggi: 548
Iscritto il: mercoledì 31 dicembre 2008, 11:42
Il mio inchiostro preferito: Purchè sia blu...
Località: Genova
Sesso:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da Luca_63 » martedì 29 luglio 2014, 16:21

Grazie per le gentili risposte.
Si Giancarlo, gli innesti sono OK, il problema è nella lamina metallica che deve comprimere il sacchetto in gomma: ha completamente perso la sua elasticità e non si riesce a portarla nella sua posizione di partenza.
E' posizionata praticamente a contatto del sacchetto.
Per il momento, ringraziando il vikingo, utilizzerò qualche cartuccia in attesa che mi arrivi uno "slide converter Parker" che entra nel corpo della Hastil.
Buon pomeriggio :wave:
Luca M.

Avatar utente
Orlandoemme
Artista
Artista
Messaggi: 1032
Iscritto il: mercoledì 19 febbraio 2014, 19:35
La mia penna preferita: Sailor 1911 naginata togi 21kt
Il mio inchiostro preferito: Sailor Sei Boku blu nero
Fp.it 霊気: 011
Fp.it Vera: 011
Località: Roma
Sesso:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da Orlandoemme » giovedì 31 luglio 2014, 16:14

Non mi sembra di aver letto questa informazione e pertanto desidero dirvi che ho acquistato una Faber Castell ONDORO ed il converter una volta caricato e inserito nel corpo penna, si incastra.
In buona sostanza, quando riaprite la penna, automaticamente si scarica il converter.
Io ero curioso di vedere l'intero della penna - mio recente acquisto - ed ho avuto la brillantissima idea di aprirla in macchina, senza guardare.
Inchiostro Diamine Twilight.
Il resto lascio immaginarlo a voi ...
Appassionato di penne avvisato ...
Orlando

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 9430
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da maxpop 55 » giovedì 31 luglio 2014, 17:52

cAvolo, che macello........................................
Stai attento che se s'incastra ed il fusto è in materiale plastico potrebbe anche spaccarsi, mi è successo con una Sheaffer usando un converter originale.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
Orlandoemme
Artista
Artista
Messaggi: 1032
Iscritto il: mercoledì 19 febbraio 2014, 19:35
La mia penna preferita: Sailor 1911 naginata togi 21kt
Il mio inchiostro preferito: Sailor Sei Boku blu nero
Fp.it 霊気: 011
Fp.it Vera: 011
Località: Roma
Sesso:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da Orlandoemme » giovedì 31 luglio 2014, 18:34

Ma penso che si incastra perché deve incastrarsi. Sembra fatto apposta ed è pericolosissimo!!!

Avatar utente
Luca_63
Levetta
Levetta
Messaggi: 548
Iscritto il: mercoledì 31 dicembre 2008, 11:42
Il mio inchiostro preferito: Purchè sia blu...
Località: Genova
Sesso:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da Luca_63 » venerdì 1 agosto 2014, 10:11

E' strano...possiedo una Ondoro (che ho recensito sul forum) da diverso tempo e la uso regolarmente con il suo converter senza avere avuto il tuo problema.
Sarebbe utile sentire qualche altro possessore di Ondoro per capire se si tratta di un fenomeno diffuso...
Luca M.

Avatar utente
Orlandoemme
Artista
Artista
Messaggi: 1032
Iscritto il: mercoledì 19 febbraio 2014, 19:35
La mia penna preferita: Sailor 1911 naginata togi 21kt
Il mio inchiostro preferito: Sailor Sei Boku blu nero
Fp.it 霊気: 011
Fp.it Vera: 011
Località: Roma
Sesso:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da Orlandoemme » sabato 2 agosto 2014, 22:43

Luca_63 ha scritto:E' strano...possiedo una Ondoro (che ho recensito sul forum) da diverso tempo e la uso regolarmente con il suo converter senza avere avuto il tuo problema.
Sarebbe utile sentire qualche altro possessore di Ondoro per capire se si tratta di un fenomeno diffuso...
Oggi non ce l'ho con me ma come posso vi posto le foto.
All'interno proprio alla fine del corpo ci sono delle scanalature in metallo che sembrano proprio fatte per incastrarsi con il converter il cui pistone ha delle scanalature (almeno il mio).
Tant'é che ho dedico di utilizzarlo con un converter con il pistoncino liscio per ovviare al problema.
In ogni caso la scelta, se voluta, dell'incastro mi sembra proprio una fesseria.
E' vero che la mia ondoro é una serie fatta apposta per un noto negozio di cui ovviamente qui non si può fare il nome, ma ritenevo che la differenza fosse solo per ciò che riguarda il colore: la mia ondoro é arancio con la parte finale( quella vicino al pennino) che é invece bianca.

Avatar utente
Orlandoemme
Artista
Artista
Messaggi: 1032
Iscritto il: mercoledì 19 febbraio 2014, 19:35
La mia penna preferita: Sailor 1911 naginata togi 21kt
Il mio inchiostro preferito: Sailor Sei Boku blu nero
Fp.it 霊気: 011
Fp.it Vera: 011
Località: Roma
Sesso:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da Orlandoemme » sabato 2 agosto 2014, 22:43

Luca_63 ha scritto:E' strano...possiedo una Ondoro (che ho recensito sul forum) da diverso tempo e la uso regolarmente con il suo converter senza avere avuto il tuo problema.
Sarebbe utile sentire qualche altro possessore di Ondoro per capire se si tratta di un fenomeno diffuso...
Oggi non ce l'ho con me ma come posso vi posto le foto.
All'interno proprio alla fine del corpo ci sono delle scanalature in metallo che sembrano proprio fatte per incastrarsi con il converter il cui pistone ha delle scanalature (almeno il mio).
Tant'é che ho dedico di utilizzarlo con un converter con il pistoncino liscio per ovviare al problema.
In ogni caso la scelta, se voluta, dell'incastro mi sembra proprio una fesseria.
E' vero che la mia ondoro é una serie fatta apposta per un noto negozio di cui ovviamente qui non si può fare il nome, ma ritenevo che la differenza fosse solo per ciò che riguarda il colore: la mia ondoro é arancio con la parte finale( quella vicino al pennino) che é invece bianca.

Avatar utente
Sergjei
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1046
Iscritto il: sabato 28 giugno 2014, 11:49
Il mio inchiostro preferito: Al momento Marrone
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it Vera: 017
Località: Roma
Sesso:
Contatta:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da Sergjei » domenica 3 agosto 2014, 3:05

@Alessandro
Intanto complimenti per la disamina veramente interessante (personalmente non sopporto le cartucce e le sostituisco appena trovo con converter)

Ora una domandina.....come mai non figura OMAS ? Non esiste un converter ? Ne esistono di compatibili ?

Grazie mille
Sergio

stilrosso
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 61
Iscritto il: venerdì 27 luglio 2012, 19:19
La mia penna preferita: pelikan 120
Il mio inchiostro preferito: custom
Misura preferita del pennino: Fine
Arte Italiana FP.IT M: 086
Località: san benedetto del tronto (ap)

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da stilrosso » domenica 3 agosto 2014, 19:19

Luca_63 ha scritto: Grazie per le gentili risposte.
Si Giancarlo, gli innesti sono OK, il problema è nella lamina metallica che deve comprimere il sacchetto in gomma: ha completamente perso la sua elasticità e non si riesce a portarla nella sua posizione di partenza.
E' posizionata praticamente a contatto del sacchetto.
Per il momento, ringraziando il vikingo, utilizzerò qualche cartuccia in attesa che mi arrivi uno "slide converter Parker" che entra nel corpo della Hastil.
Buon pomeriggio :wave:
molto probabilmente è il sacchetto che ha perso elasticità, comunque riparabile basta sostituire il sacchetto, non è difficile io con il mio ci sono riuscito (quando ho letto che è ancora in vendita mi son detto: ho perso tempo, quando ho saputo quanto costa mi sono rincuorato un po')
naturalmente occorre un sacchetto nuovo.
hastil.JPG
hastil.JPG (372.78 KiB) Visto 1452 volte
l'unica differenza è il sacchetto nero invece che trasparente

questi invece sono un po' di converter che ho ideato utilizzando un tubo in guaina termorestringibile, reperibile nei negozi di elettricità/elettronica al sosto di € 1,50 per un tubo da un metro, un saldatore, una pinza e tubicini ricavati da una antenna stilo
conv.jpg
conv.jpg (550.88 KiB) Visto 1452 volte


da sinistra; converter waterman sottile, standard ed auretta, la quantità di inchiostro che si riesce a caricare è di circa 0,5 ml
:wave: giancarlo
le cose da fare son mille son tante

Rispondi