Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

L'ultimo ma non meno importante elemento coinvolto nella scrittura è la carta. Parliamone. E raccontiamo anche degli altri accessori che affianchiamo alle nostre penne.
Rispondi
Avatar utente
vikingo60
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 4750
Iscritto il: mercoledì 5 maggio 2010, 16:50
La mia penna preferita: Pelikan M 200
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 060
Arte Italiana FP.IT M: 060
Fp.it ℵ: 113
Fp.it Vera: 060
Località: Isernia
Sesso:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da vikingo60 » martedì 12 marzo 2013, 16:15

Illustrerò i tipi di converter finora da me provati,con foto prese dal web,elencandone i pregi e i difetti,dopo aver dato qualche suggerimento,che non è mai superfluo.
Intanto devo notare che diverse Case stanno modificando i converter,rendendoli filettati,cioè a vite,affinchè diventino una cosa sola con la sezione e diventino quindi più sicuri.
La funzione del converter è quella di far diventare a stantuffo,per così dire,una penna a cartuccia,rendendone anche più economica la gestione.
Non si discuterà in questa sede se sia più conveniente la penna a stantuffo o quella a converter,poichè se ne è già parlato altrove in abbondanza.
Vale però la pena ripetere che,in caso di guasto,è facile sostituire un converter da soli,senza dover inviare la penna in assistenza o presso riparatori professionali.
Prima di cominciare la disamina dei vari tipi di converter,mi sembra opportuno ribadire 3 consigli fondamentali,di cui potranno giovarsi le persone non esperte.

1) E' un'ottima cosa,dopo aver montato il converter,lasciarlo in sede:altrimenti,a furia di infilarlo e sfilarlo,magari per alternarlo alle cartucce,è facile che si allenti e la tenuta diventi difettosa,provocando perdite di inchiostro.L'usura è oggi anche molto più rapida,considerando il fatto che in molti casi vengono utilizzate plastiche ecologiche per la loro costruzione.

2) Quando si immerge la sezione nel flacone,la presa delle dita deve necessariamente andare alla manopola da azionare per il caricamento e sulla parte immediatamente sottostante ad essa:mai impugnare la base della sezione.Potrebbe infatti provocarsi un movimento del converter con conseguente sgancio dalla sezione,soprattutto se l'accessorio non è provvisto di filettatura di fissaggio.

3) Sui manuali di istruzione di alcune Case si legge che ogni qual volta si deve caricare la penna,bisogna estrarre il converter,caricarlo dalla boccetta e inserirlo di nuovo.Tale manovra non deve essere fatta in quanto,per i motivi detti sopra,si provoca un'usura accelerata del piccolo accessorio.Inoltre,poichè l'inchiostro non arriverebbe subito alla punta del pennino,ciò alla lunga sarebbe poco salutare per lo stesso.
La ricarica va fatta nel modo giusto,immergendo cioè la sezione nel flacone ed azionando il converter,esattamente come si fa con una penna a stantuffo.
Fatte queste precisazioni,si possono prendere in esame i vari tipi di converter,che oggi,tranne rare eccezioni,sono tutti a pistone,mimando con ciò l'azione dello stantuffo integrato nella penna.

Pelikan
Converter Pelikan.jpg
Converter Pelikan.jpg (2.6 KiB) Visto 10539 volte

E' uno stantuffo costruito benissimo,ed è a semplice innesto.La bocchetta di aggancio è in plastica morbida,che assicura così una migliore tenuta.E' a pistone.
Veniva considerato il converter standard per eccellenza,ma oggi non è più così,in quanto le Case hanno oggi i loro converter proprietari,e il poter interscambiare tra loro alcuni converter è un evento del tutto casuale.

Parker
Ne vengono prodotti due tipi,lo Standard
Converter Parker Standard.jpg
Converter Parker Standard.jpg (1.19 KiB) Visto 10539 volte

che viene montato sulle penne più economiche.E' a semplice innesto;il pistone viene spinto da una levetta.La quantità d'inchiostro è davvero minima;inoltre la plastica si deforma in breve tempo ed è facilissimo avere perdite posteriori,con l'inchiostro che va a finire nel binario della levetta,in quanto la tenuta del pistone è molto precaria.
Per contro,è stato uno dei primi converter ad adottare una soluzione intelligente,per favorire lo scorrimento dell'inchiostro all'interno:l'inserzione di una spiraletta metallica (quindi aperta al centro),che con i suoi spostamenti trascinava l'inchiostro evitando che si annidasse sul fondo.
Nelle versioni più recenti,la spiraletta è stata sostituita da una sferetta metallica,che rotola meglio;ma essendo "piena",quando si carica la penna si pone davanti all'ingresso del converter bloccando sia l'espulsione dell'aria (che avviene spimgendo il pistone in avanti) sia l'aspirazione dell'inchiostro,che non può passare dalla bocchetta ostruita dalla sferetta.Tale converter è decisamente sconsigliabile.
Il Deluxe
Converter Parker Deluxe.jpg
Converter Parker Deluxe.jpg (3.29 KiB) Visto 10539 volte
E' un tradizionale converter a pistone,a semplice innesto,di buona qualità.Di recente però i materiali sono diventati più economici;è stato abolito l'anellino di rinforzo metallico vicino all'imboccatura e la tenuta del pistone è assicurata da una insidiosa guarnizione in gomma rossa che col tempo tende a spaccarsi e a far passare l'inchiostro dietro il pistone.E' stata anche abolita la fascetta metallica di rinforzo alla base della bocchetta. Tale converter può essere interscambiato con un converter Aurora o con un Lamy modello Z26.

Faber Castell
La Faber Castell,come è noto,produce due linee di penne:la Faber Castell,per l'appunto,più economica,e la linea di lusso denominata Graf Von Faber Castell.
Per le prima linea viene adottato un converter a pistone in plastica economica,a semplice innesto,realizzato in materiale opalescente;il funzionamento è buono.
E' quello dell'immagine
Converter Faber Castell 2.jpg
Converter Faber Castell 2.jpg (3.87 KiB) Visto 10539 volte

Per le penne della linea Graf viene adottato un converter migliore,sempre a pistone,dotato di bocchetta realizzata in materiale gommoso che assicura una buona tenuta.E' a semplice innesto
Converter faber Castell 1.jpg
Converter faber Castell 1.jpg (1.56 KiB) Visto 10539 volte
Aurora
I converter Aurora esistono in due tipi.
Il famoso trik-trak che equipaggiava la Hastil e le altre penne sottili degli anni '70-'80.E' tutt'ora prodotto.Il suo funzionamento ricalca un pò quello della penna con sistema di caricamento a leva laterale:premendo una barretta si schiaccia un sacchetto interno che con la depressione richiama inchiostro.
Tuttavia la capacità di inchiostro è bassa perchè il sacchetto non si riempie tutto;inoltre,col tempo,il materiale gommoso del sacchetto perde elasticità e di conseguenza il converter funziona male.
Converter Aurora tric trac.jpg
Converter Aurora tric trac.jpg (4.09 KiB) Visto 10539 volte
Il secondo tipo di converter è quello a pistone,a semplice innesto,ma ben realizzato e funzionale.Si adatta anche alle penne Parker.
Converter Aurora 2.jpg
Converter Aurora 2.jpg (3.5 KiB) Visto 10539 volte
Lamy
I converter Lamy sono un esempio di praticità e di efficienza,come del resto le penne prodotte dallo stesso marchio.
Sono di due tipi:Z24 e Z26,entrambi a semplice innesto e con meccanismo a pistone.
Il tipo Z24 ha la manopola di caricamento rossa e si distingue dall'altro per la presenza di due sporgenze laterali sulla parte trasparente che servono come aggancio di sicurezza contro gli sganciamenti accidentali.E' riservato principalmente al modello Safari,ottima penna scolastica.
Il tipo Z26 ha la manopola nera,e viene montato sulle penne di fascia superiore.Tale converter può essere montato anche su penne Parker ed Aurora.
Converter Lamy Z24.jpg
Converter Lamy Z24.jpg (2.49 KiB) Visto 10539 volte
Converter Lamy Z26.jpg
Converter Lamy Z26.jpg (6.76 KiB) Visto 10539 volte
Pilot
Converter Pilot Con20.jpg
Converter Pilot Con20.jpg (2.06 KiB) Visto 10539 volte
Il Con20,a semplice innesto,ha una scarsa capacità d'inchiostro,è destinato a penne economiche e funziona col principio della leva laterale.
Converter Pilot Con70.jpg
Converter Pilot Con70.jpg (1.37 KiB) Visto 10539 volte
Il Con70 è tutto particolare,nella linea e nel funzionamento.E' a semplice innesto.Il caricamento avviene tramite un pulsante a molla posteriore,che premuto risucchia inchiostro all'interno.Interessante è lo stelo centrale sul quale scorre un pesetto a pera,il quale,scrivendo,trascina con sè l'inchiostro.E' uno dei converter con maggiore capacità d'inchiostro.
Tali converter funzionano solo con penne Pilot.

Waterman
Converter Waterman 1.jpg
Converter Waterman 1.jpg (1.66 KiB) Visto 10539 volte
Converter Waterman 2.jpg
Converter Waterman 2.jpg (1.46 KiB) Visto 10539 volte
E' un converter a pistone,a semplice innesto,che ha subìto varie evoluzioni in peggio nel tempo.
Attualmente è costruito con una plastica molto economica,che non facilita lo scorrimento dell'inchiostro all'interno.
Inoltre,la tenuta del pistone è assicurata da una piccola guarnizione in gomma rossa,che col tempo cede provocando l'ingresso dell'inchiostro nel meccanismo di caricamento.
Infine,l'imboccatura è molto delicata,essendo stata tra l'altro soppressa,negli ultimi tempi,la fascetta metallica circolare che fungeva da rinforzo,come si osserva bene nella seconda immagine.

Sheaffer
Converter Sheaffer 3.jpg
Converter Sheaffer 3.jpg (6.02 KiB) Visto 10539 volte
I converter Sheaffer prodotti fino agli anni '90 erano tutti del tipo trik trak,cioè con meccanismo a leva,e a semplice innesto.
Converter Sheaffer 1.jpg
Converter Sheaffer 1.jpg (3.34 KiB) Visto 10539 volte
Dopo le peripezie subìte dalla Casa Americana con il passaggio alla BIC,tali converter sono stati sostituiti da converter a pistone,a semplice innesto.Sono di buona qualità e si adattano solo alle penne Sheaffer.

Visconti
Converter Visconti 7.jpg
Converter Visconti 7.jpg (2.02 KiB) Visto 10494 volte
La Visconti produce attualmente due tipi di converter,entrambi a pistone:uno,a semplice innesto,costruito in plastica lattescente,ma dal buon funzionamento.E' riservato alle penne più economiche:Rembrandt,Van Gogh,ecc.
Converter Visconti 4.jpg
Converter Visconti 4.jpg (2.19 KiB) Visto 10494 volte
Il secondo tipo è dotato di filettatura a vite,molto ben realizzato.Tale modello viene montato sulle penne di fascia alta.

Stipula
Converter Stipula.jpg
Converter Stipula.jpg (10.68 KiB) Visto 10534 volte
Per le penne Stipula è prodotto un solo tipo di converter,a pistone e a semplice innesto.E' di buona qualità,avendo l'imboccatura in plastica morbida per una migliore tenuta.

Delta
Converter Delta 1.jpg
Converter Delta 1.jpg (4.1 KiB) Visto 10534 volte
Converter Delta.jpg
Converter Delta.jpg (2.28 KiB) Visto 10534 volte
La Delta produce attualmente due tipi di converter,entrambi di ottima qualità.Sono praticamente uguali;quello più economico è però privo della filettatura di sicurezza.
Sono entrambi a pistone muniti di bocchette morbide che consentono di evitare trafilaggi.Il modello privo di filettatura è riservato alle penne di fascia bassa e a quelle della linea Markiaro.

Monteverde
Converter Monteverde standard 1.jpg
Converter Monteverde standard 1.jpg (1.94 KiB) Visto 10512 volte
Converter Monteverde filettato.jpg
Converter Monteverde filettato.jpg (2.62 KiB) Visto 10534 volte
Converter Monteverde Mini.jpg
Converter Monteverde Mini.jpg (2.7 KiB) Visto 10534 volte
L'azienda americana è conosciuta per la produzione di penne molto affidabili,inchiostri,refill biro,ed altri accessori.Anche i converter,come gli altri prodotti,sono di buona qualità.Sono tutti a stantuffo.Ne esiste un tipo economico,a semplice innesto,e un altro dotato di filettatura.Del tipo economico viene prodotta anche una versione mini,adattabile a penne di piccole dimensioni.C'è poi un modello dotato di filettatura di sicurezza,funzionale e ben realizzato.I converter Monteverde si adattano a penne di molte altre marche.

Conklin
Conveter Conklin.jpg
Conveter Conklin.jpg (7.05 KiB) Visto 10534 volte
I converter Conklin,a stantuffo,sono muniti di filettatura e molto ben costruiti.E' apprezzabile la bocchetta in plastica morbida,che dà ulteriore garanzia di tenuta.

Montblanc
Converter Montblanc.jpg
Converter Montblanc.jpg (2.9 KiB) Visto 10534 volte
Di converter Montblanc si sono succeduti vari modelli nel tempo.Ora ne esiste un solo tipo a stantuffo,munito di filettatura (assente tempo fa).Le ultime versioni sono fornite di pesetto metallico interno spiralato per il trascinamento dell'inchiostro.E' un converter ben costruito.

Montegrappa
Converter Montegrappa.jpg
Converter Montegrappa.jpg (6.8 KiB) Visto 10534 volte
I converter Montegrappa attualmente in produzione sono tutti muniti di filettatura di sicurezza,e sono di ottima qualità.Sono a stantuffo,e sugli ultimi prodotti è presente un pesetto metallico spiralato per il trascinamento dell'inchiostro.
Rotring
Converter Rotring.jpg
Converter Rotring.jpg (3.66 KiB) Visto 10375 volte
I converter Rotring sono a stantuffo,di qualità discreta;fino a circa 15 anni fa si trovavano in vendita anche colorati:la manopola di caricamento poteva essere verde,arancio,rossa,ecc. e la parte trasparente solo poche volte era in tinta.Poi si trovarono solo neri.
Il converter Rotring è comunque compatibile con penne Pelikan o che abbiano attacco similare.Va bene anche su alcuni modelli Waterman.

Questi sono i converter da me finora provati;mi riservo di aggiornare il post qualora ne provassi altri modelli.
Un cordiale saluto a tutti
Alessandro

vitone
Converter
Converter
Messaggi: 18
Iscritto il: venerdì 23 novembre 2012, 12:43
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Roma

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da vitone » martedì 12 marzo 2013, 17:11

Grazie per l'interessante articolo!

Avatar utente
vikingo60
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 4750
Iscritto il: mercoledì 5 maggio 2010, 16:50
La mia penna preferita: Pelikan M 200
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 060
Arte Italiana FP.IT M: 060
Fp.it ℵ: 113
Fp.it Vera: 060
Località: Isernia
Sesso:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da vikingo60 » martedì 12 marzo 2013, 17:16

vitone ha scritto:Grazie per l'interessante articolo!
Grazie,ho fatto il possibile per dissipare dubbi!Appena possibile inserirò altri modelli e marche,come già detto.
Alessandro

rembrandt54

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da rembrandt54 » martedì 12 marzo 2013, 19:10

Alessandro, come sempre preciso e puntuale !!
Grazie perchè il mondo dei converter è così vario che ci si può perdere.
Trovo interessantissimo riuscire a capire l'interscambiabilità tra converter e penne di
marchi diversi ;)

stefano

Avatar utente
vito72
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 919
Iscritto il: giovedì 21 febbraio 2013, 15:16
La mia penna preferita: Pelikan M205
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Varsavia
Sesso:
Contatta:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da vito72 » martedì 12 marzo 2013, 19:25

Grazie ottimo articolo, che fa chiarezza su questa tematica già affrontata con scarsi risultati, ma adesso con questa guida molte cose saranno più chiare, inoltre si potranno concentrare le eventuali domande in un unica discussione, visto che attualmente già seguivamo un paio di tread diversi sui converter.

Avatar utente
eu-slack
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 316
Iscritto il: domenica 9 settembre 2012, 18:18
La mia penna preferita: Pilot 50R
Il mio inchiostro preferito: Noodler's American Eel
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Napoli

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da eu-slack » martedì 12 marzo 2013, 20:01

Una guida fantastica! :D
Appena la completi, va messa obbligatoriamente sul wiki! ;)
"Non è morto ciò che può vivere in eterno, e in strani eoni anche la morte può morire..."
H.P. Lovecraft

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 10203
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Sesso:
Contatta:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da piccardi » martedì 12 marzo 2013, 22:49

Grazie Alessandro,

davvero un'ottima panoramica, molto completa chee come sempre si distingue per la precisione e l'attenzione ai dettagli. Hai fatto davvero un gran lavoro che tornerà utilissimo a tutti noi.

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Avatar utente
GGiovanni
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 275
Iscritto il: sabato 3 novembre 2012, 11:47
Il mio inchiostro preferito: Noodler's X-Feather
Misura preferita del pennino: Fine
Arte Italiana FP.IT M: 037
Fp.it ℵ: 065
Località: Quinto Vercellese
Sesso:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da GGiovanni » martedì 12 marzo 2013, 22:56

Utilissimo! Grande!

Giovanni

Avatar utente
scossa
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1332
Iscritto il: venerdì 5 agosto 2011, 17:45
La mia penna preferita: Omas A. VESPUCCI
Il mio inchiostro preferito: Montblanc Toffee Brown
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 066
Arte Italiana FP.IT M: 071
Fp.it ℵ: 060
Fp.it Vera: 016
Località: Verona provincia
Sesso:
Contatta:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da scossa » mercoledì 13 marzo 2013, 8:35

Grande Alessandro, grazie!!
Cordialità.

Marco
___
Se devi scegliere tra avere ragione ed essere gentile, scegli di essere gentile ed avrai sempre ragione.

Avatar utente
Guenda
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 326
Iscritto il: lunedì 3 dicembre 2012, 19:44
La mia penna preferita: Tante nel mio cuore..
Il mio inchiostro preferito: Blu Visconti
Misura preferita del pennino: Fine
Arte Italiana FP.IT M: 004
Fp.it ℵ: 004
Fp.it 霊気: 004
Fp.it Vera: 004
Località: Roma
Sesso:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da Guenda » mercoledì 13 marzo 2013, 14:47

Grazie Alessandro! Moooolto interessante!
Beatrice

Andrea_R

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da Andrea_R » mercoledì 13 marzo 2013, 14:49

Un lavoro a dir poco enciclopedico complimetoni! Butterai giù dei righe anche su quello della Twsbi?

Avatar utente
vikingo60
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 4750
Iscritto il: mercoledì 5 maggio 2010, 16:50
La mia penna preferita: Pelikan M 200
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 060
Arte Italiana FP.IT M: 060
Fp.it ℵ: 113
Fp.it Vera: 060
Località: Isernia
Sesso:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da vikingo60 » mercoledì 13 marzo 2013, 15:20

Andrea_R ha scritto:Un lavoro a dir poco enciclopedico complimetoni! Butterai giù dei righe anche su quello della Twsbi?
Ho intenzione di recensire la nuova TWSBI 580,appena arriva;ma quella è a stantuffo,non a converter.
Alessandro

rembrandt54

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da rembrandt54 » mercoledì 13 marzo 2013, 15:21

Andrea_R ha scritto:Un lavoro a dir poco enciclopedico complimetoni! Butterai giù dei righe anche su quello della Twsbi?
Intendi questo ?
Allegati
TWSBI converter.jpg
TWSBI converter.jpg (165.54 KiB) Visto 10473 volte

Andrea_R

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da Andrea_R » mercoledì 13 marzo 2013, 15:33

Proprio quello

Avatar utente
vikingo60
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 4750
Iscritto il: mercoledì 5 maggio 2010, 16:50
La mia penna preferita: Pelikan M 200
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 060
Arte Italiana FP.IT M: 060
Fp.it ℵ: 113
Fp.it Vera: 060
Località: Isernia
Sesso:

Vari tipi di converter e precauzioni per l'uso

Messaggio da vikingo60 » mercoledì 13 marzo 2013, 17:26

E' la prima volta che lo vedo:se capiterà descriverò anche quello.
Alessandro

Rispondi